martedì 25 aprile 2017
Umberto Eco, l'uomo dell'immortalità "all'indietro"
di Veronica Petrocchi
Il mondo della cultura in lutto per la morte di Umberto Eco. Dal successo del romanzo "Il nome della rosa" a quello della nuova casa editrice "La nave di Teseo".

«La nave di Teseo saluta il suo capitano. Grazie Umberto». Con questo tweet il mondo della cultura, non solo italiana ma anche internazionale, saluta l’ultimo viaggio di Umberto Eco. Nato ad Alessandria nel 1932, primo semiotico italiano, esperto di filosofia, scrittore. Autore de “Il nome della rosa” del 1980, vincitore di 4 David di Donatello.


Nonostante l’indiscussa grandezza intellettuale e la sua fama mondiale, non si può parlare di Umberto Eco senza sottolineare la forte personalità e l’instancabile interesse per la vita politica e sociale del Paese. Non passò inosservata quella che è stata già definita “l’ultima grande follia di Eco”. Durante un’ intervista, concessa a Repubblica lo scorso 24 novembre, lo scrittore presentò la nuova casa Editrice "La nave di Teseo", su invito di Elisabetta Sgarbi. Eco aveva deciso, insieme a Sandro Veronesi, Hanif Kureishi, Tahar Ben Jelloun ed altri, di non pubblicare più per il nuovo colosso Mondadori-Rcs controllato da Segrate, pur essendo tra i migliori della scuderia Bompiani, ma di seguire Elisabetta Sgarbi in una nuova avventura. Quando Francesco Merlo, giornalista di Repubblica, definisce la scelta «velleitaria», Umberto Eco, con la sua inconfondibile simpatia e genuinità risponde «Velleitari? Peggio, siamo pazzi. Il progetto è l'unica alternativa alla Settimana Enigmistica, il vero rimedio contro l'Alzheimer», e continua: «l’ editoria è il modo più elegante per dissipare i propri risparmi, magari in modo lento, ma sicuro».


Inoltre lo scrittore spiegava: «Teseo è solo un pretesto, un nome come un altro. L'importante è la nave, non Teseo». A quel punto Eco dà un’importante lezione di semiotica, affermando che «la nave di Teseo è quella che perde, ma è in grado di sostituire i pezzi, continua a navigare con o senza il suo capitano, con o senza Teseo, per condurre i suoi passeggeri in acque sicure». Oggi queste parole risuonano premonitrici della sua scomparsa, ma il più importante insegnamento che Umberto Eco lascia al mondo intero riguarda l’immortalità: « Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita, ma chi legge avrà vissuto 5000 anni. La lettura è un'immortalità all'indietro».


20 febbraio 2016
AREA-
Rubino, «il vero successo è stato tornare a casa»
di Ermanno Giuca
Dopo tre anni di silenzio, Renzo Rubino ritorna con una raccolta di 12 inediti frutto di “una lunga gestazione” vissuta nella sua terra natìa
2 apr 2017
Cara Italia, non dimenticarti dei tuoi giovani
di Giorgio Marota
Il Rapporto dell'Istat sugli indicatori demografici fotografa un Paese che cresce sempre meno. Cala la popolazione, calano le nascite, aumenta il numero di chi se ne va
6 mar 2017
I giovani che dicono
di Giorgio Marota
Secondo Quorum di Sky l'81% degli Under 35 avrebbe votato "No" alla riforma costituzionale proposta dal governo Renzi. Meno evidente il dato Piepoli Rai, comunque al 68%. Su una cosa sono tutti d'accordo: il parere dei giovani stavolta è stato decisivo
6 dic 2016
Vuoi svoltare? Fai il volontariato nelle fattorie australiane
di Marta Donolo
La storia di Marta e dei suoi due mesi tra Australia, Nuova Zelanda e Nuova Zelanda. Fare "woofing" in una fattoria può aprire nuove prospettive
10 nov 2015
Viaggiando tra le stelle: la speranza di non essere soli nell'universo
di Giorgio Marota
Dal viaggio di Samantha Cristoforetti alla scoperta del pianeta Kepler-452b, parente della nostra Terra. L'uomo non smette mai di sognare lo spazio e i mondi paralleli che altre forme di vita potrebbero abitare
20 ago 2015