martedì 25 aprile 2017
Una GMG che sfida il terrore
di Ermanno Giuca
In un clima europeo di terrore e instabilità geopolitica, il prossimo 25 luglio Cracovia ospiterà un milione e mezzo di giovani provenienti da tutto il mondo
Il 31 Marzo 1985, giorno in cui Giovanni Paolo II istituiva il primo incontro mondiale della gioventù, esisteva ancora la cortina di ferro. Quel muro che separava i territori occidentali da quelli sovietici sarebbe crollato quattro anni dopo, mentre nel 1991, la GMG di Częstochowa celebrava la nuova era democratica per il popolo polacco. 25 anni dopo Cracovia ospita i giovani provenienti da tutto il mondo ricordando quel Papa che - secondo molti storici e leader - cambiò la storia dell’Europa divisa.

Ma a distanza di anni le bombe continuano a sentirsi.
Parigi, Bruxelles, Dacca, Orlando, Nizza, Monaco, un tour estivo del terrore che sta spargendo sangue e paura, destabilizzando la geopolitica mondiale. Gli attentati fondamentalisti, le tensioni razziali i nazionalismi che rifioriscono: mai come quest’anno l’Europa ospita il raduno dei giovani in un clima di tensione. Le ideologie sepolte dalla cenere della guerra fredda riemergono con tutta la loro prepotenza. E così accade che, mentre migliaia di pellegrini nei prossimi giorni commemoreranno le vittime innocenti del campo di Auschwitz-Birkenau, in Turchia un capo di Governo decide di massacrare i soldati che lo hanno tradito, chiedendo la sospensione dei diritti umani.

Quello di Cracovia sarà anche il Giubileo dei Giovani nell’anno della misericordia, parola che stride nel contesto in cui stiamo vivendo ma che il Papa ha più volte difeso. Nel messaggio inviato pochi giorni fa ai giovani ha detto: «ho un grande desiderio di incontrarvi per offrire al mondo un nuovo segno di armonia, un mosaico di volti diversi, di tante razze, lingue, popoli e culture ma tutti uniti nel nome di Gesù che è il volto della misericordia».

Ed è proprio l’integrazione tra diverse culture la sfida più grande
che si presenta a quei ragazzi e ragazze che affolleranno le strade di Cracovia in questi giorni. E i primi con cui dovranno confrontarsi sono i loro coetanei: gli stessi che imbracciano un fucile sparando sulla folla, per poi suicidarsi; gli stessi che decidono far saltare in aria la hall di un’aeroporto; gli stessi che barricandosi in un centro commerciale o durante un concerto mettono in atto una carneficina umana. Non dimentichiamo che anche quelli sono giovani.

La Giornata Mondiale della Gioventù di Cracovia non può restare un palcoscenico in cui esibire l’orgoglio cattolico, oggi non può permetterselo. Al milione e mezzo di giovani che riempiranno il Campus Misericordiae di Brzegi viene chiesto un impegno concreto per tradurre questi giorni di catechesi e preghiera in opere quotidiane. Lo stesso Papa Francesco ha voluto ricordare loro che: «il messaggio della Divina Misericordia costituisce un programma di vita molto concreto ed esigente perché implica delle opere». Non lasciamo svanire nel nulla questa occasione.



23 luglio 2016
AREA-
Turchia, 5 mesi dopo il golpe. Erdogan tra purghe e riforma costituzionale
di Giorgio Marota
Quaranta mila persone arrestate e 120 mila funzionari pubblici licenziati, tra cui 30mila insegnanti e 4000 magistrati. Intanto lo Stato si sta per trasformare in una repubblica presidenzialista, con ancora più poteri al suo leader
14 dic 2016
Turchia. Un colpo di stato fallito spacca in due il Paese
di Giorgio Marota
In una notte la rivoluzione nelle più grandi città: spari, esplosioni e raid. Poi il popolo scende in strada e salva Erdogan, che rientra a Istanbul da trionfatore tra la folla
16 lug 2016
SPOSE BAMBINE, UN'EMERGENZA UMANITARIA
di Veronica Petrocchi
Ogni 10 minuti una sposa bambina muore per emorragie interne. Ogni giorno 37 mila ragazzine sono costrette a sposare uomini molto più grandi. L'impegno di Amnesty International
15 giu 2016
Perché la vecchietta chiese di morire
di Armella Muhimpundu
Si conclude domani la settimana della commemorazione del genocidio dei Tutsi in Rwanda. Contro il negazionismo e per ricostruire pienamente la verità
12 apr 2016
Istanbul oggi. Tra fede, politica e quel futuro conteso
di Giorgio Marota
Una città crocevia tra Islam e Cristianesimo, tra spinte europeiste e un forte ritorno alle tradizioni conservatrici. Istanbul è oggi il simbolo di una crisi geopolitica in cui è coinvolto l’intero euro-continente. Il racconto in immagini del nostro inviato Giorgio Marota
2 mar 2016