venerdì 22 settembre 2017
Gli STAG ritornano con Mirabilia, un invito a riprendere le forze e ripartire
di Stefania Postiglione
Un ritorno partendo da se stessi, ricominciando da quello che si è costruito e non che si è perso. Intervista a Marco Guazzone, frontman degli STAG.

Gli Stag, band romana nata da un’idea del cantautore Marco Guazzone, torna con un nuovo singolo che anticipa il loro secondo album dopo anni di collaborazioni e produzioni musicali per l’ambiente cinematografico e televisivo. In questi anni hanno scritto brani per diversi cantanti come Dimmi se mi vedi adess per Arisa, le musiche per il film Fratelli Unici di Alessio Maria Federici, interpretando il brano Cosa c'è, con la cantante Malika Ayane. Sono gli autori della colonna del film Un bacio, di Ivan Cotroneo uscito il 31 Marzo del 2016.

La band è composta da quattro membri: Marco Guazzone (voce, piano), Stefano Costantini (chitarra, tromba), Giosuè Manuri (batteria) e Edoardo Cicchinelli (basso). In occasione dell’uscita del nuovo singolo, Mirabilia, che preannuncia l’uscita del nuovo album, abbiamo intervistato la voce degli Stag, Marco Guazzone.


Marco, ci spieghi il perché del vostro nome?

«Il nome STAG nasce da un disegno, dal logo realizzato da mio fratello, Matteo Guazzone. Sentendo la nostra musica l’ha rappresentata con un cervo con delle rose. In quel periodo noi ancora non avevamo un nome. In inglese la parola cervo si dice deer oppure stag (cervo con le corna). Il nostro nome è una rappresentazione grafica della nostra musica».

Qual è il processo creativo alla base delle vostre canzoni?

«Le nostre canzoni nascono di notte. Ho scoperto di essere un animale notturno. Vado a dormire con il mio Ipad e, nell’arco della notte, mi sveglio sognando delle melodie e dei testi, registro delle note vocali; grazie alla tecnologia non dimentico ciò che ho sognato. Nasce prima la melodia e poi il testo perché nella mia idea di come vivo la musica, la musica già ha dentro il messaggio ed è lei che ti dice di cosa parla quel determinato brano. All’idea/melodia che porto si aggiungono gli altri del gruppo ed ognuno fornisce il suo contributo nell’arrangiament è così che nasce la canzone».


Dopo aver realizzato colonne sonore per il mondo cinematografico e aver scritto brani per altri cantanti, Come mai un ritorno in sala d’incisione per un nuovo album?

«In realtà dovevamo uscire prima con il disco: abbiamo iniziato a suonare i brani nuovi nelle date finali del nostro primo tour, eseguivamo già una serie d’inediti. A posticipare l’uscita dell’album è stato anche il cambio di etichetta. Per ben due anni siamo stati senza alcuna etichetta e ora che lavoriamo con la INRI/METATRON. Nonostante i dischi siano oggi un po’ fuori moda, abbiamo l’idea che il disco serva per raccontare una storia dell’inizio alla fine, come un libro che ha dei capitoli. In questi anni abbiamo comunque fatto diversi singoli che rappresentano, oggi, la nuova tendenza di come viene ascoltata la musica, ma noi restiamo amanti del disco fisico, quello stampato; da appassionati e musicisti abbiamo deciso di farlo uscire fisicamente».

Mirabilia è il titolo del  singolo uscito il 16 Dicembre, in cui si parla di come ricominciare e rialzarsi dopo che si è subito un accidente. Come nasce questo brano?

«Nasce da un’esperienza personale che è stato il nostro percorso, un percorso difficile che abbiamo scelto di fare pur avendo attraversato tanti sacrifici per raggiungere questo obiettivo. È sicuramente un tipo di percorso che può essere simile a tanti: quel momento in cui si è persa la fiducia in se stessi e la canzone è proprio un inno a riprendere le forze e ripartire perché le cose che ci aspettano sono le cose del futuro, le cose belle sono già dentro di noi e quindi se ci lasciamo andare queste cose riusciamo a tirarle fuori».


Senza mentire è stata scelta dall’AISM per la sua campagna pubblicitaria. Avete a cuore la tematica sociale?

«Secondo me è un po’ il potere della musica riuscire a prendere un messaggio importante e renderlo più diretto, perchè con l’idea di una canzone diventa ascoltabile da tutti e quindi la magia della musica ti porta a rendere un concetto universale, farlo ascoltare ed arrivare a tutti.
I temi sociali sono importanti, nascono da cose vere. Non è una scelta dire “adesso parliamo di una cosa sociale”, fortunatamente è una cosa che avviene naturalmente».


Infine, Marco, qualche anticipazione sul prossimo album?

«Uscirà l’anno prossimo, a breve sveleremo quando. È un disco molto autobiografico, i testi sono la storia di quello che ci è successo dopo il primo disco. È un concept album - già "L’atlante dei pensieri" lo era - dietro un’idea che va dalla musica, agli arrangiamenti, ai testi, alle grafiche, e ci sarà anche un duetto con una bellissima voce femminile che impreziosisce il disco. Inoltre è un disco molto filmico. Al di là di alcuni brani che sono presi da colonne sonore, è proprio un disco che racconta la colonna sonora di quello che siamo. È un disco che racconta la nostra vita».

21 dicembre 2016
AREA-
I germogli della buona notizia: un'altra comunicazione è possibile
di La redazione di Coolturart
Presentato a Roma il volume "I germogli della buona notizia. Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". La prossima presentazione il 30 maggio, alle 17.30, a Sant'Ivo alla Sapienza
18 mag 2017
Fotografia. Enrica Scalfari spiega perché è una professione in crisi
di Alessio Tiglio
Smartphone, ricatti del mercato, tempi sempre più ansiogeni... così le piccole agenzie chiudono e i professionisti non hanno alcuna tutela
31 mar 2017
Le visioni di Marat nel suo album
di Andrea Montesano
Intervista alla giovane e promettente cantautrice che guarda il mondo da diversi punti di vista
27 mar 2017