martedì 25 luglio 2017
Quando una preghiera sfida la movida
di Giorgio Marota
A Roma, nella chiesa di Santa Barbara dei Librai (a due passi da Campo de' Fiori), porte aperte un sabato sera al mese. È la strada tracciata da Papa Francesco per accogliere i giovani e animare la comunità
Una Chiesa che esce fuori e va incontro al mondo. La vuole così Papa Francesco e non si stancherà mai di ripeterlo. Tra tante iniziative in questa direzione ce n’è una, proprio a Roma, che è salita alla ribalta della cronaca in queste ore: nella chiesa di Santa Barbara dei Librai, a pochi passi da Campo de’ Fiori, storica zona del divertimento capitolino, si è svolta sabato sera la notte della preghiera. È successo, come raccontato dal quotidiano Leggo, grazie a dei coraggiosi sacerdoti che hanno sfidato il freddo e la diffidenza di molti scendendo in piazza e invitando le persone ad entrare in chiesa. «Accogliamo la gente in strada e domandiamo se vuole pregare insieme a noi – hanno spiegato sorridenti – lo facciamo un sabato al mese ed è semplicemente un servizio».

E sono in molti a provare un’esperienza del tutto nuova, giovani e meno giovani, turisti e romani, credenti e non credenti. Un evento che ha animato la comunità senza distinzioni, in un ambiente a detta di molti davvero suggestivo. In Chiesa c'è stata un'aria festosa, hanno raccontato i presenti, tra confessioni, canti, momenti di raccoglimento e di condivisione. La luce delle candele ha illuminato un luogo poco conosciuto anche per gli abitanti della città eterna (nonostante sia in pieno centro), ma di notevole bellezza artistica, consacrata nel 1306; al suo interno ospita, tra le tante opere, il trittico di Leonardo da Roma raffigurante la Madonna con Gesù bambino, San Giovanni Battista e l'arcangelo Michele, datata 1450. 

La notizia si è diffusa in poche ore anche sui social, suscitando l'apprezzamento di molti. Del resto a fine maggio, durante la celebrazione per il giubileo dei diaconi, Papa Francesco era stato molto chiaro: «A me fa male al cuore quando vedo un orario nelle parrocchie: ‘Dalla tal ora alla tal ora’. E poi? Non c’è porta aperta, non c’è prete, non c’è diacono, non c’è laico che riceva la gente…». Una Chiesa in servizio sempre, mai schiava dell’agenda e degli impegni. In fondo è una missione pastorale in piena linea con la misericordia predicata durante l’anno Santo: “Chi serve è disponibile al non programmato – dichiarò il Pontefice – sa aprire le porte del suo tempo e dei suoi spazi a chi gli sta vicino e anche a chi bussa fuori orario…”. Forse chi ha aperto le porte di Santa Barbara si è ispirato proprio all'appello del Pontefice, ricordando al mondo che toccando le corde giuste i giovani non sono insensibili alla fede. Esperimento riuscito: da oggi c'è un’altra movida a Roma ed è quella della chiesa.
9 gennaio 2017
AREA-
Adolescenti e rock: la musica che ascoltiamo dice chi siamo
di Giorgio Marota
Intervista ad Andrea Montesano, autore de "La Psicologia del rock". Un libro che racconta il rapporto tra adolescenti e musica: perché i gusti musicali non sono casuali e determinano identità e personalità
4 giu 2017
Harambee onlus: ecco il premio per chi racconta l'Africa che cresce e guarda al futuro
di Redazione online
È l'obiettivo del VII Premio Internazionale Harambee Onlus "COMUNICARE L'AFRICA". Giornalisti, comunicatori e aspiranti tali: affrettatevi a partecipare
3 giu 2017
La storia di Don Emilio, che si è svegliato dal coma vegetativo. Oltre ogni speranza
di Nibin KURIAKOSE PALATTY
I medici erano pronti a staccare la spina, ma qualcuno ha pregato... I ricordi del coma e la storia di quello che probabilmente è un miracolo
12 mag 2017
I germogli della Buona notizia
di Giorgio Marota
Martedì 9 maggio, alle ore 17.15 presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale dell'UPS, si terrà la presentazione del volume che commenta il messaggio del Papa in occasione della 51a giornata delle Comunicazioni sociali
8 mag 2017
Quando l'informazione supera il conflitto
di Giorgio Marota
C'è comunicazione che alimenta divisioni e intolleranza e comunicazione che costruisce ponti e dialogo. Per rispondere all'hate speach e alle bufale c'è bisogno di un giornalismo di pace. Papa Francesco ne è un esempio.
11 apr 2017