martedì 25 luglio 2017
Sanremo 2017. Le nostre pagelle dei big
di Andrea Montesano
Ancora una volta il festival diretto da Carlo Conti soddisfa tutti, dai palati più raffinati a quelli più commerciali. I commenti delle 22 esibizioni dei campioni
Dalle steccate canore a virtuosismi inaspettati, anche quest'anno sul palco dell'Ariston si sono esibiti i 22 campioni che si contenderanno il podio. Andrea Montesano, ha seguito scrupolosamente le esibizioni delle prime due serate, commentando la performace di ogni artista. Le sue pagelle rispecchieranno la classifica finale di sabato sera?

Giusy Ferreri -
Fa talmente male. Canta dopo l'apertura di Tiziano Ferro ed è la prima ad esibirsi: troppe responsabilità per due spalle artisticamente troppo gracili. Il brano risuona come già ascoltato. Voce esce e non esce del tutto. Performance da migliorare. Voto 5 e ½

Fabrizio Moro -
Portami via. Come sempre il suo pezzo forte è l’interpretazione del brano. Negli anni ha imparato quali pezzi portare al Festival e come presentarli. Gran bel testo e arrangiamento da non sottovalutare. Quanto manca a sabato sera? Voto 7 e ½

Elodie -
Tutta colpa mia. Buono l’esordio ma non convince anche se si percepisce che è abituata alle camere puntate addosso. Il testo? La musica? I capelli? Non emerge nulla, e ci si perde in un vortice di domande. Voto 5

Lodovica Comello -
Il cielo non mi basta. Purtroppo a Sanremo dovrebbe esserci posto solo per la musica. No voce, no testo, no interpretazione. Portata a Sanremo per catturare solo l’attenzione delle più piccole? Meglio come Violetta. Senza voto

Fiorella Mannoia -
Che sia benedetta. Tutto pronto per l’ultimo scalino in carriera. Sa come si sta su un palco, e sa come si sta sul palco di Sanremo. Il brano c’è: arrangiamento e testo parlano chiaro. Non c'è posto per chi prova a partecipare al Festival, qui si viene per vincere. Piccolo vedo-non vedo a livello vocale sul finale, ma non se n'è accorto nessuno. Sabato sera si avvicina. Voto 8 ½

Alessio Bernabei -
Nel mezzo di un applauso. Come la Raggi: un bravo ragazzo ma non sa fare il suo mestiere. Per un attimo mi sembrava di essere ancora nel 2016. Ah, perché quest’anno in gara porta un brano diverso da quello dell’anno scorso? Voto 5-

Albano Carrisi -
Di Rose di Spine. Forse sono io che penso ancora in lire, o forse la storia dell’acuto e del vibrato facile non convince più – ormai da tempo. Sul palco oggi,non ci si può stare come 20 anni fa. Anacronistico ma da abbracciare come un nonno. Voto 4

Samuel -
Vedrai. Fuori dai Subsonica fa sempre la sua porca figura. Qui si rimane sullo stile ballerino su un brano pop dalle striature elettroniche. Salta, balla, e canta: il pezzo che non annoia mai. Vedrai, ci si vede Sabato sera. Voto 8

Ron -
L’ottava meraviglia. Ok che gli archi sotto il brano “fanno molto Sanremo” ma mi chiedo: “Rosalino, ma non dovevamo incontrarci fra cent’anni?”. Brano senza tempo, per questo andava bene anche nel ’95. Voto 5

Clementino -
Ragazzi fuori. Lo storytelling nei suoi brani fa sempre un certo effetto, e sembra non sia mai banale. Merita di più di quanto verrà apprezzato. Voto 6 ½

Ermal Meta -
Vietato Morire. La storia è ben descritta e la musica non delude, specialmente le chitarre pop. Pare che sia la volta buona, ottima interpretazione. Stavolta Camilla ha fame sì, ma di vittoria! E se fosse vero che chi entra (quasi) papa esce cardinale? Voto 8

Bianca Atzei - Ora esisti solo tu. Mette soltanto la prima marcia nell'esibizione della seconda serata del Festival. Timbro vocale e di garanzia ma tutto troppo scontato, compreso il finale del pezzo troppo tipicamente sanremese. Voto 6-

Marco Masini - Spostato di un secondo. E' senza dubbio un altro dei pezzi del Festival più quotati. Ritorno da gladiatore, entra sul palco e si gioca tutte le carte che ha: voce, cuore, interpretazione e testo che va al di là delle aspettative. Vuole il podio sotto i piedi. A che ora comincia la puntata Sabato? Voto 8-

Nesli e Alice Paba - Do retta a te. Quando si dice che l'unione non fa la forza. Nessuna seconda voce, ne controcanti; soltanto due persone che cantano la stessa canzone - contemporaneamente. Interpretazione mediocre specie se ti chiami Nesli e leggi le parole dal gobbo, a Sanremo. Voto 4

Sergio Sylvestre - Con te. Esce da Amici e oltre alla popolarità, oggettivamente c'è solo da ascoltarlo. Voce forte e potente. Nel bene o nel male (il coretto alle sue spalle serve soltanto a colpire la pancia un po di più) esibizione e brano decisamente da podio. Voto 7 ½

Gigi D'alessio - La prima stella. Fa rima con stella, ma la rima è sempre quella. Dicono che la canzone sia molto bella, ma la rima è sempre quella. La De Filippi lo presenta mentre ha in bocca una caramella, ma intanto la rima è sempre quella. Le domeniche di agosto speriamo non nevichi, ne che si promuovano più brani di questo (basso) spessore - a tratti anche calante nell'esibizione. Voto 5--

Michele Bravi - Il diario degli errori. Esibizione insipida e faccino triste. Le scuole elementari sono finite da un bel po' e Kevin McAllister ha gia perso l'aereo da un pezzo. Forse Michele sta festeggiando la prima comunione, visto l'outfit! Servirebbe un po' più di "cazzimma" a Sanremo, soprattutto nell'interpretazione delle canzoni - proprie. Di Mengoni già ne abbiamo uno. Strada ancora da percorrere. Senza Voto

Paola Turci - Fatti bella per te. Il vestito vedo non vedo si contrappone a lei invece, che vede la finale e già se la sta gustando. Stavolta niente chitarra in braccio, il pezzo è cantato a muso duro con voce d'esperienza. Il messaggio del brano è diretto e la sua capacià interpretativa fa centro. Bella e soprattutto brava e musicale. Voto 7++

Francesco Gabbani - Occidentali's Karma. Bene ragazzi appuntamento domani sempre qui sulla spiaggia alle 11 con Zumba e alle 12:30 gioco aperitivo in spiaggia. Non dimenticate la serata Karaoke bimbi! Vi aspettiamo sempre con il Gruppo vacanze Sanremo...night fever - wow! Piace e fa cantare (e ballare) di sè. Tastiere anni 80 e testo "alla Battiato" lo fanno sembrare originale. Roba già ascoltata (e ballata) , ma pare che piaccia all'italiano medio. Presto nelle nostre radio. Panta rei, meno male. Voto 6-

Michele Zarrillo - Mani nelle mani. Canta in un momento troppo difficile, e sembra che il pubblico abbia ancora nel cuore l'esibizione di Giorgia. Canta Zarillo?A..ha gia cantato? Tutto troppo inosservato. Le immagini che evoca il brano, riportano alla TV in bianco e nero. Signore e Signori presenta Mike Bongiorno. Brano decisamente troppo vintage. Voto 5 

Chiara - Nessun posto è casa mia. Una bella canzone d'amore, che fin'ora non si era ancora ascoltata al Festival. Voce limpida e delicata, l'interpretazione merita sostegno e coraggio. Voto 7

Raige e Giulia Luzzi - Togliamoci la voglia. L'amore è tutto sesso? Argomento ininfluente e fuori luogo. Senza Voto
8 febbraio 2017
AREA-
I germogli della buona notizia: un'altra comunicazione è possibile
di La redazione di Coolturart
Presentato a Roma il volume "I germogli della buona notizia. Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". La prossima presentazione il 30 maggio, alle 17.30, a Sant'Ivo alla Sapienza
18 mag 2017
Fotografia. Enrica Scalfari spiega perché è una professione in crisi
di Alessio Tiglio
Smartphone, ricatti del mercato, tempi sempre più ansiogeni... così le piccole agenzie chiudono e i professionisti non hanno alcuna tutela
31 mar 2017
Le visioni di Marat nel suo album
di Andrea Montesano
Intervista alla giovane e promettente cantautrice che guarda il mondo da diversi punti di vista
27 mar 2017
Bambini con la barba, il nuovo album di Freschi Lazzi & Spilli
di Andrea Montesano
È più facile raccontare con gli occhi di un bambino la propria vita adulta o viceversa? La risposta sta nelle tracce del nuovo disco dei "Freschi Lazzi & Spilli"
2 mar 2017
Documentare la violenza è un grande esempio di fotogiornalismo
di Giorgio Marota
Al World Press Photo vince lo scatto che raffigura il killer dell'ambasciatore russo in Turchia. Intervista a Tommaso Sardelli, docente di fotografia nella Facoltà di Comunicazione dell'UPS: «Ha vinto una foto fredda e statica, ma vi spiego perché è straordinaria»
17 feb 2017