martedì 25 aprile 2017
Le visioni di Marat nel suo album "Le facce"
di Andrea Montesano
Intervista alla giovane e promettente cantautrice che guarda il mondo da diversi punti di vista

Marat è molto giovane, ma come cantautrice ha già ricevuto riconoscimenti importanti. Il suo primo album si intitola "Le facce" ed è tutto da scoprire.

Chi è realmente Marat?
«Marat è un modo per dare al mio progetto un'identità diversa dalla mia, ma che appartiene sempre a me stessa. Credo sia abbastanza necessario avere una rottura con i cantautori classici che utilizzavano il loro nomi e cognome originali, poi riportati nel mondo artistico. È stato un modo per dire “falsiamoci un po’ e costruiamoci una realtà alternativa per questo progetto”. Gli ho dato un anagramma che riprende il personaggio storico per dire “forse abbiamo bisogno di cambiare qualcosa, e di rivoluzionarci, ma i metodi del passato non sono più adatti all’epoca di oggi”.

Parlaci del tuo album
È il primo EP, ed è nato anche grazie a Luca Bellanova (il tastierista di Jacopo Ratini che mi ha dato una mano per l’arrangiamento del disco). Ha ascoltato le mie canzoni e mi ha confermato il fatto che con queste canzoni ci potevo fare qualcosa. Ci abbiamo lavorato insieme e mi ha suggerito alcune idee. Gradualmente abbiamo iniziato a registrare "Le Facce". Il disco racconta di prospettive diverse, la visione della realtà da diverse angolature raccontata anche da diversi personaggi. Abbiamo presentato il disco l’uno Febbraio a Le Mura di Roma, e tutti i dischi che avevamo portato in sala sono stati venduti. Quando l’ho saputo sono rimasta davvero spiazzata».

La scrittura che ti caratterizza è allegra e salterella. I tuoi pezzi girano molto bene…
«Per ogni brano prendo quello che è uscito in maniera spontanea, non c'è prima un pensare e poi uno scrivere. Forse prima di fare pezzi più impegnati vorrei essere pronta, pronta a parlare di certe cose. Vedo che si straparla molto, e allora capita che assumi la posizione di quello anacronistico, che spesso poi non dice un granché. Dal mio punto di vista non è necessario essere per forza impegnati socialmente o politicamente. Pensi di “impegnarti” di più in futuro? Si, sai. I prossimi brani che sto già scrivendo saranno un un’analisi della nostra generazione, che secondo me è profondamente diversa da quella di prima. L’unico e forse l’ultimo è stato Pasolini ad indovinare delle cose, ma adesso è difficile trovare qualcuno che fiuti quello che ha fiutato lui».

La voce chiara e cristallina si sposa bene con i suoni del disco. C’era un messaggio particolare che volevi veicolare con le canzoni del tuo album?
«Si, in realtà si. Però io credo una cosa: la musica non lancia messaggi, il messaggio si insinua un po’ prima della musica; chi sono poi io per lanciare un messaggio? Grazie alla musica credo che si può dare una visione di qualcosa, la musica non serve a portare qualcuno dalla propria parte bensì a dire “io guardo questa situazione così, e guardo in questa direzione". Se questo modo può essere utile a chi ascolta, per capire la situazione, allora va bene. Tu ascolti il modo in cui io ti presento un certa cosa, senza avere in me una pretesa».

Alcuni brani del disco sono scherzosi (come anche alcuni suoni) ed hanno un retrogusto umoristico.
«Le canzoni del disco sono scritte di getto e sottintendono una mia modalità: parlare delle cose in maniera allegra, anche se a volte non lo faccio per sdrammatizzare, bensì per contrasto; solo così capisci la serietà dell’accaduto o del fatto. Come in un gioco di chiaroscuro, faccio notare di più il chiaro, cosicché le ombre emergano lo stesso, ma come conseguenza».

Un punto a tuo favore del disco è che le tracce sono un mix di pop, folk, swing e jazz. Tutto però rigorosamente cantautorato. A me non piacciono le etichette, ma tu come ti definisci a livello musicale? «Io mi definisco sempre pop-folk cantautoriale. Do sempre una denominazione generica, cosi l’ascoltatore si può muovere ampiamente dentro le mie canzoni. Non sono una cantautrice esclusivamente pop, perché credo che lo scopo del pop è un altro, come ad esempio fare palchi importanti o raggiungere più persone possibili».

Sei giovane Marat, in futuro talent sì o talent no?
«Nel mio caso non avrebbe nessun senso andarsi a torturare lì dentro. Io ho bisogno di scrivere, non ho bisogno solo di cantare e di far sentire il mio timbro vocale. Forse il talent potrebbe andare bene per un interprete… ma nemmeno li funziona: fai tutto, vinci, qualcuno ti scrive le canzoni e poi tu fai semplicemente il karaoke, dove chiunque può vincere dal nulla. Questo non mi appartiene».

Solitudine sembra quasi una samba, una specie di passo a due. Anche in altri brani ritorna il tema del legame, come mai ti sta a cuore?
«Nel brano viene descritto il legame fra me e chi mi sta intorno ed è l’unica canzone che io ho scritto, pensando veramente e me e ai miei legami, ma non ad un altro nello specifico. Avevo una specie di “disagio” su quello che mi circondava, volevo cogliere la capacità di stare bene sullo sfondo».

La scena dei cantautori emergenti a Roma è molto ampia, cosa ha Marat che gli altri non hanno?
«Nulla. Se in una stessa serata ci fossero tre locali uno accanto all’altro, e ognuno di questi contemporaneamente ospitasse un cantautore e uno dei cantautori fossi io, ascolterei un po’ per uno, ognuno potrebbe darmi qualcosa di diverso e arricchente allo steso tempo».

27 marzo 2017
AREA-
Fotografia. Enrica Scalfari spiega perché è una professione in crisi
di Alessio Tiglio
Smartphone, ricatti del mercato, tempi sempre più ansiogeni... così le piccole agenzie chiudono e i professionisti non hanno alcuna tutela
31 mar 2017
Bambini con la barba, il nuovo album di Freschi Lazzi & Spilli
di Andrea Montesano
È più facile raccontare con gli occhi di un bambino la propria vita adulta o viceversa? La risposta sta nelle tracce del nuovo disco dei "Freschi Lazzi & Spilli"
2 mar 2017
Documentare la violenza è un grande esempio di fotogiornalismo
di Giorgio Marota
Al World Press Photo vince lo scatto che raffigura il killer dell'ambasciatore russo in Turchia. Intervista a Tommaso Sardelli, docente di fotografia nella Facoltà di Comunicazione dell'UPS: «Ha vinto una foto fredda e statica, ma vi spiego perché è straordinaria»
17 feb 2017