lunedì 23 ottobre 2017
Harambee onlus: ecco il premio per chi racconta l'Africa che cresce e guarda al futuro
di Redazione online
È l'obiettivo del VII Premio Internazionale Harambee Onlus "COMUNICARE L'AFRICA". Giornalisti, comunicatori e aspiranti tali: affrettatevi a partecipare

Harambee significa "Tutti insieme" in swaili e riassume il senso di questa organizzazione: "Tutti insieme" per accompagnare un continente che ha molto da insegnare al mondo. Per questo l'associazione lancia il VII Premio Internazionale "Comunicare l'Africa", per contribuire ad un'immagine più reale dell'Africa, che rifletta i conflitti, ma anche le speranze, la ricchezza e la diversità dei suoi popoli e delle sue culture, l'impegno costante per lo sviluppo e le sue necessità, ancora così incombenti. Per promuovere la conoscenza di un continente che è una ricchezza per tutti.

 

«Un premio», si legge nella presentazione sul sito, dove si può scaricare il regolamento, «per chi sappia mettere in luce la grandezza delle piccole storie quotidiane; storie anche d'integrazione, di quieta convivenza, di dialogo. Non si tratta di dare una visione ingenua o semplicistica dell'Africa, ma di dimostrare che, accanto alle guerre e alle carestie, vi sono anche la speranza e il lavoro serio di molti individui e organizzazioni.

 

Il Premio darà  particolare attenzione agli elaborati che affrontino alcune delle tematiche, tra le quali: il valore dell'educazione (e della formazione) come mezzi indispensabili per raggiungere una piena promozione della persona e un pacifico sviluppo della società africana; il rispetto della dignità della persona umana indipendentemente dalla sua condizione; il valore della solidarietà e dell'aiuto reciproco; il ruolo della famiglia; esperienze positive di integrazione nelle società  europee.

Per le opere (che potranno essere realizzate in una delle seguenti lingue: francese, inglese, italiano, portoghese, spagnolo; o in caso di lingua diversa, si dovranno inserire sottotitoli in una delle cinque), sono previste due categorie di Premi:

a) ai reportage e documentari audiovisivi che siano stati messi in onda o pubblicati su portali web d'informazione nel periodo dal 1° gennaio 2015 al 30 giugno 2017, per un importo di 5.000 euro al primo classificato;

b) ai video-clip realizzati da studenti di età non superiore ai 25 anni, per un importo complessivo di 1.500 euro.

 

La data ultima per la presentazione dei lavori è il 30 SETTEMBRE 2017.

Per scaricare il regolamento con tutte le informazioni utili vedi il sito dell'associazione.

3 giugno 2017
AREA-
Adolescenti e rock: la musica che ascoltiamo dice chi siamo
di Giorgio Marota
Intervista ad Andrea Montesano, autore de "La Psicologia del rock". Un libro che racconta il rapporto tra adolescenti e musica: perché i gusti musicali non sono casuali e determinano identità e personalità
4 giu 2017
La storia di Don Emilio, che si è svegliato dal coma vegetativo. Oltre ogni speranza
di Nibin KURIAKOSE PALATTY
I medici erano pronti a staccare la spina, ma qualcuno ha pregato... I ricordi del coma e la storia di quello che probabilmente è un miracolo
12 mag 2017
I germogli della Buona notizia
di Giorgio Marota
Martedì 9 maggio, alle ore 17.15 presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale dell'UPS, si terrà la presentazione del volume che commenta il messaggio del Papa in occasione della 51a giornata delle Comunicazioni sociali
8 mag 2017
Quando l'informazione supera il conflitto
di Giorgio Marota
C'è comunicazione che alimenta divisioni e intolleranza e comunicazione che costruisce ponti e dialogo. Per rispondere all'hate speach e alle bufale c'è bisogno di un giornalismo di pace. Papa Francesco ne è un esempio.
11 apr 2017
La Rosa Bianca e il ricordo della Shoah: «L’esempio dei giovani per la libertà»
di Alessio Tiglio e Giorgio Marota
Nella Giornata della Memoria intervista a Fabio Caneri, presidente di "Rosa Bianca”, l'associazione italiana che tiene vivo il ricordo dei giovani studenti tedeschi uccisi dal nazismo per il loro dissenso all’olocausto.
27 gen 2017