mercoledì 24 gennaio 2018
"A occhi aperti": il modo della fotografia in 10 interviste
di Mariaelena Iacovone
È l'ultimo libro del direttore de "La Repubblica". Una riflessione sul potere narrativo della fotografia e sulla sua capacità di cambiare la percezione della realtà

«Questo non è un libro sulla fotografia, ma sul giornalismo, sull'essenza del giornalismo: andare a vedere, capire e testimoniare». Così Mario Calabresi, direttore de “La Repubblica”, scrive nell'introduzione del suo libro “A occhi aperti”, una raccolta di interviste a dieci grandi maestri del fotogiornalismo, che con le loro immagini hanno raccontato storie e realtà spesso troppo distanti da noi (il libro è pubblicato da Contrasto).

Attraverso l'occhio della loro fotocamera, Calabresi ci fa riflettere sul potere narrativo della fotografia e sulla sua capacità di cambiare la percezione della realtà.

Così, questi grandi “operatori dell'informazione” ci parlano dei loro metodi di lavoro, delle loro emozioni, paure, vittorie personali e ci raccontano cosa hanno provato “un attimo prima e un attimo dopo il momento dello scatto”.

“A occhi aperti” è, perciò, un vero e proprio viaggio nelle aree più tormentate del nostro pianeta e negli avvenimenti che hanno segnato gli ultimi cinquant'anni di storia.

Perché, in fondo, la fotografia cosa altro è, se non il mezzo attraverso cui si trasmettono messaggi importanti e si sensibilizza su questioni sociali troppo spesso dimenticate?

 

  • Steve McCurry e i suoi numerosi viaggi per testimoniare la stagione del monsone.

    “Per farcela dovevo entrare in quell'acqua lurida […]. Per completare il mio progetto dovevo accettare tutti i rischi, anche quelli di ammalarmi e morire”.

  • Josef Koudelka e le immagini dell'invasione sovietica di Praga.

    “Sono passati quaranta anni e non ti puoi fidare della memoria, ma delle foto sì, ti puoi fidare”.

  • Don McCullin e le foto di distruzione e morte scattate a Cipro, in Vietnam e in Libano.

    “Mi succede spesso di vedere un cervo nella nebbia […]. È come una benedizione che mi aiuta a mandare via tutte le schifezze che affollano la mia mente”.

  • Elliott Erwitt e il suo lavoro sulle tensioni razziali in America.

    “Lo stesso tubo,la stessa acqua […]. Un erogatore è moderno,l'altro è vecchio e scrostato. Era tutto così terribilmente chiaro”.

  • Paul Fusco e il reportage sul Funeral Train del Presidente Kennedy.

    “Rimasi nella stessa posizione per otto ore a fotografare la gente accanto ai binari. Quella era la Storia”.

  • Alex Webb e la terribile fotografia che ritrae una mamma con il suo bambino e dietro le Torri Gemelle avvolte nel fumo.

    “Questa foto ci parla di una tragedia, ma anche del futuro”.

  • Gabriele Basilico e il suo lavoro sulla città di Beirut. Si dedica, inoltre, alla fotografia d'architettura.

    “Sono un misuratore di spazi. […] Devo trovare la misura giusta tra me, l'occhio e lo spazio”.

  • Abbas e il suo reportage sulla rivoluzione in Iran.

    “Mi piace pensare di essere una persona che scrive con la luce”.

  • Paolo Pellegrin e il suo progetto in Iraq, in Libano, in Palestina e in Giappone.

    “[...] Quella che mi interessa di più è una fotografia non finita, dove chi guarda ha la possibilità di cominciare un proprio dialogo”.

  • Sebastiao Salgado e suoi reportages in America Latina, Africa (Sahel, Tanzania, Zaire) e in Europa.

    “Non sono stato spinto dalla voglia di fare foto belle o di diventare famoso, ma da un senso di responsabilità: io scrivo con la macchina fotografica”.

 

 

 

 

16 dicembre 2017
AREA-
DIFENDERSI DALLE BUFALE/3 E se giocassimo di più a calcetto?
di Krzysztof Michal TOMECZKOWSKI
Invece di perdere tempo con informazioni inutili, meglio giocare con gli amici: così si impara a conoscere davvero almeno il proprio "piccolo mondo".
17 gen 2018
Facebook cambia e ci perde anche l'informazione
di Giorgio Marota
L'algoritmo del social network premierà sempre di più i contenuti considerati affettivi e relazionali, penalizzando le pagine di aziende e media. Si tratta di una scelta puramente economica
16 gen 2018
DIFENDERSI DALLE BUFALE/2 Attenti al linguaggio, e anche alle date
di Vittoria Celico
Le fake news spesso sono nascoste sotto un linguaggio troppo emotivo. E non riportano le date e i luoghi dei presunti "fatti" di cui parlano
11 gen 2018
DIFENDERSI DALLE BUFALE/1 Confrontiamo sempre come la notizia è data da diversi media
di Sibi Augustin Chennatt
Alzi la mano chi non è mai inciampato in una bufala. Ecco tre consigli per difendersi
10 gen 2018
Radio Impegno, una voce nella notte per difendere la legalità
di Veronica Petrocchi
Gli studenti dell'Università salesiana saranno on air la notte del 15 dicembre. Per dare il loro segnale di cambiamento con la "radio che non dorme mai".
12 dic 2017