Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

venerdì 12 febbraio 2016

Sopa: che cosa è
e come ti può colpire

di Talvacy Chaves

Il 18 gennaio è dedicato alla protesta contro il progetto di legge statunitense che vuole punire severamente la pirateria on line

martedì 17 gennaio 2012



SOPA (Stop Online Piracy Act) è una proposta di legge per combattere la pirateria online, presentata alla Camera dei Rappresentanti statunitense, dal deputato repubblicano Lamar Smith. Da quando è stata presentata, nell'ottobre 2011, la proposta è diventata oggetto di calde discussioni tra i suoi difensori e oppositori.

In difesa del Sopa
La proposta di legge converte in crimine la pubblicazione non autorizzata di qualsiasi contenuto protetto da copyright e prevede una pena massima di cinque anni di prigione per ogni dieci brani musicali o pellicole scaricate.
Il Sopa è diverso da tutti gli altri metodi che combattono la pirateria. Secondo l'avvocato Victor Haikal, specializzato in diritto digitale, prima esisteva un modello che puniva l'utente. Adesso, al di là dell’utente, saranno penalizzati anche i gestori delle piattaforme, come Wordpress, Blogger, Facebook, siti di ricerca, etc. Per esempio, se il mio blog o la mia pagina Facebook fossero accusati di copiare qualche "proprietà intellettuale" da un americano (testo, foto, video), Google e Facebook saranno obbligati a eliminare, senza riserva, il mio blog e il mio account Facebook.
Insomma, i difensori di Sopa si propongono, come obiettivo principale, di bloccare l'acceso a siti sulla rete, considerati violatori della proprietà intellettuale americana.

Contro il Sopa
Per il professor Sergio Amadeu, questo progetto è una patto fatto tra i membri di alcuni partiti politici americani con i patron di grandi associazioni come a Mpaa (l'industria cinematografica), Riaa (industria fonografica), Rsa (Business Software Aliance). «Nel caso questa legge sia approvata, sarà la prima sconfitta della cultura e della libertà di espressione nell’internet, sopraffatta da una cultura di censura e di vigilanza» dice Amadeu.

Varie manifestazioni sono state fatte in questo periiodo. L'ultima il 15 novembre, quando Google, Facebook, Yahoo, eBay, Twitter, LinkedIn, Mozilla e Zynga, fra gli altri, hanno pubblicato una lettera, dicendo che: obbligare i provider a monitorare le attività dei propri clienti sarebbe una grave invasione della privacy. Queste imprese hanno pubblicato anche una pubblicità nel "The New York Times", manifestando la propria opposizione al contenuto del progetto di legge.
Anche associazioni di altri paesi stanno anche facendo opposizione, raccogliendo firme, scrivendo lettere, per sensibilizzare il Parlamento americano. Grazie a queste iniziative, la Camera dei deputati ha deciso, pochi giorni fa, di archiviare il progetto di legge: questo significa che la votazione avverrà soltanto dopo che si sia trovato un certo consenso tra gli oppositori e difensori.

Mercoledì prossimo, 18 Gennaio, ci sarà una mobilizzazione globale, articolata attraverso diversi gruppi online. La protesta già conta varie hastag in Twitter: uno di questi è il #J18.

Pubblicato il bando del premio L'Anello Debole 2016

...

"The Transporter Legacy", un pasticcio che piace

Uscito da poco in dvd, atmosfera commercialotta, taglio fumettistico, pastrocchi di regia... Piace a...

Comunicare non è separare i giusti dai peccatori

Il coraggio di ammonire chi sbaglia ma anche la responsabilità di non spezzare la relazione. Il più...

Il video del Papa. Ecco chi lo ha realizzato

Poco più di trent’anni, un MBA in Marketing e un passato in McCann Erickson. Juan Della Torre oggi...

Everest, ovvero il limite e la paura

Esce in dvd il 20 gennaio il film di Baltasar Kormákur che racconta la storia vera di una disastrosa...

   Crescere non è sinonimo di dimenticare
   Le bufale più famose del 2015
   Meno certezze, più pensiero critico. Così si rifonda la comunicazione
   The Pills: da Youtube al cinema con "Sempre meglio che lavorare"
   Quel Giubileo di Francesco che celebra l’immagine