Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

martedì 23 settembre 2014

Gli italiani riscoprono le relazioni

di Mariano Lalli

Presentata il 13 marzo a Roma l'ultima ricerca del Censis sui valori degli italiani, che ripensano l'individualismo per riscoprire la condivisione e le relazioni con gli altri.

giovedì 15 marzo 2012



Il 13 marzo è stato presentato dal Censis, in collaborazione con il Comitato dei Garanti per le celebrazioni dei 150 dell' Unità di Italia, una ricerca dal titolo I valori degli Italiani, Dall'individualismo alla riscoperta delle relazioni. All’incontro hanno partecipato Giuliano Amato, Giuseppe De Rita presidente del Censis, e Paolo Peluffo, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio per la Comunicazione.

L'indagine - afferma Giuseppe De Rita - racconta come negli ultimi sessanta anni gli italiani abbiano vissuto un repentino cambiamento di atteggiamenti verso la società, passando dall'esplosione della soggettività e dell'individualismo, caratteristico del periodo di massimo sviluppo del nostro Paese, a uno di crisi individuale che sta portando a una riscoperta della condivisione all’interno dei gruppi.

«È  innegabile - continua De Rita-  il fatto che sia stata la corsa all’affermazione di se stessi, della propria libertà, il motore che ha fatto crescere l’Italia da un punto di vista politico, sociale, imprenditoriale ed economico distribuendo benessere e garantendo occupazione. Ma nessuna cavalcata- continua il direttore del Censis-  può essere illimitata, ed ecco che il soggettivismo e l’individualismo negli ultimi dieci annidi crisi economica e non solo, non è più bastato ed ha lasciato spazio ad una disagio definito antropologico, fatto di solitudine e ripiegamenti su se stessi, di perdita e di nostalgia. Una crisi della soggettività che ha portato verso forme di aggressività e il proliferare di malattie fisiche come depressione, anoressia e abuso di droghe».

Di fronte allo smarrimento e alla solitudine, però, l’individuo sta ritrovando vitalità e fiducia nella forza delle relazioni interpersonali:n nella riscoperta dell’altro. Si sta ripartendo dai modelli di relazione basilari, definiti semplici: il dialogo con i familiari, la riscoperta della figura del padre il quale sta più in famiglia gioca più con i figli, la riscoperta del prete del confessore, un riavvicinamento alla religione, come forma di solidarietà e di condivisione delle debolezze. La famiglia torna quindi oggetto di attenzione maggiore, l’86% degli intervistati afferma di ritrovare la sicurezza solo nella famiglia di nascita o in quella che si è costruita

La ricerca ha voluto rivelare - afferma Amato- come oggi da parte degli italiani ci sia un bisogno di comunità e di comunicazione diretta e stretta, ritenute le uniche vie per proteggersi dall’avanzata di forme sempre più acute di isolamento e di inquietudine personali.

Pontremoli: un'istanza contro i "sindaci sceriffo"

Nuovi sviluppi sul divieto di mendicare. Il consigliere Francesco Mazzoni manifesta alla redazione di...

Chiedi e ti sarà tolto

Pontremoli è stata solo l'ultima città in ordine di tempo a vietare ai mendicanti di chiedere la carità....

Da duecento anni don Bosco «patrimonio del mondo»

Pochi giorni alla solenne inaugurazione del Bicentenario della nascita del Santo dei giovani. Il rettor...

Voglio andare a vivere in campagna

Sempre più giovani cominciano a guardare, con occhi nuovi s’intende, al più genuino e atavico lavoro,...

Se mi apri, ti porto una preghiera

L'uomo che non vede i figli da anni, il bambino che vorrebbe salvare la nonna, la donna incinta che chiede...

   L'Afrique? C'est chic!
   La confessione con Papa Francesco, come parlare con un nonno
   The Sun, la band cresciuta insieme ai suoi fans
   C'è sempre qualcosa per cui lottare
   Ri-giocattoli: riscoprire il Natale tra solidarietà ed ecologia