Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

domenica 29 maggio 2016

Vivere con la tecnica, senza farsi schiavizzare

di Fabiana Silenzi

Per Sergio Rondinara, presente al Convegno "Web 2.0 educazione e comunicazione", la tecnologia domina tutti i campi dell’attività umana. La sfida: recuperare la propria interiorità

venerdì 20 aprile 2012



 â€œWeb 2.0 educazione e comunicazione: nuove sfide personali e collettive”, questo il convegno iniziato oggi presso l’Università Pontificia Salesiana, organizzato dalle facoltà di Educazione, Comunicazione e Filosofia. Il primo relatore a prendere la parola è stato Sergio Rondinara, laureato in ingegneria nucleare, licenziato in filosofia e teologia, intervenuto sul tema filosofia e web 2.0.
 
«La filosofia e il web 2.0, a prima vista, non mostrano una perfetta unione. Per spiegarli dobbiamo partire dal concetto di tecnica e tecnologia. La tecnica è volta a migliorare le condizioni di vita dell’uomo. Esiste da quando esiste la cultura e aiuta la persona ad aprirsi al mondo, permettendole di abitare la terra. Ultimamente l’uomo non fa altro che sfruttare la tecnica, connotandola in ruolo negativo: uno strumento di aggressione».
 
«La tecnologia è invece la scientificizzazione della tecnica. Per più di un secolo abbiamo nutrito fiducia nella tecnica. Ma da alcuni anni sono nati molti dubbi a riguardo. Dubbi sempre più inquietanti che si stanno trasformando in un coro di critiche. Siamo immersi in una miscela culturale, ma c’è una spaccatura tra il guardare indietro e l’essere protesi verso l’avanti. Il progresso economico-sociale ha portato il predominio in tutti i campi dell’attività umana».
 
«La nostra è un’epoca di transizione, caratterizzata oggi dal dominio della tecnica, che è diventata fine delle nostre azioni, da schiava a padrona. La sfida: il recupero della propria interiorità, del centro della nostra intelligenza, per recuperare la nostra anima».
 
Il termine comunicazione oggi sembra non rispettare più la connotazione positiva propria e intrinseca nella sua etimologia. «Oggi il comunicare non si intende più come un processo tra due o più persone, ma è ridotto solo alla transizione di un messaggio, non a caso si sente sempre più parlare di comunicazione pubblicitaria, soprattutto in riferimento alla politica. L’interlocutore del comunicare è un target, un bersaglio da colpire, non si considera più il valore della persona. L’innovazione del web 2.0 arricchisce la tematica. I social network potremmo definirli una base relazionale. Ma sono capaci di istaurare relazioni umane autentiche? O solo di sostenere una relazione già esistente riducendo la distanza tra gli interlocutori? I social network danno il meglio di sé quando le persone che li utilizzano hanno già un rapporto personale».

"Il numero 5" e quei ragazzi che scoprono il piacere della lettura

Gabriele Nanni, autore del libro che ha vinto il premio Battello a Vapore nel 2014, incontra gli studenti...

La misericordia ha tanti volti, ma crea unità

Impressioni e pensieri raccolti durante il giubileo della Comunità Salesiana dell'Università Pontificia...

A Roma un musulmano che si converte al cristianesimo può rischiare la vita

Ogni anno ci sono circa 1.100 battesimi di catecumeni che vengono da altre religioni. Ma per l'Islam...

Perché i poveri perdonano e chiedono perdono

La misericordia è probabilmente il bisogno essenziale, l'attesa più profonda dei poveri. Riflessione...

NOma, la mafia si combatte con il ricordo

Nasce un'app che ci guida nei luoghi degli attentati mafiosi, raccontandoci le storie di chi ha perso...

   Pace e misericordia: l'eredità delle tre suore italiane uccise in Burundi l'anno scorso
   Il cambiamento viene dalla gente. David Bowie ci credeva
   Natale: meglio un dono oggi che un regalo domani
   Sopravvissuta per errore, credo che il futuro sia nel dialogo. Anche in Rwanda
   L’integrazione? Ce la insegnano gli ospedali