Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

martedì 23 settembre 2014

Web 2.0: siamo pesci nella rete

di Lucia Aversano

Comunicare e educare con le nuove tecnologie è possibile se si è consapevoli del mondo, reale e virtuale, che ci circonda

venerdì 20 aprile 2012



A casa, come a scuola e al lavoro, internet è, quasi sempre, presente. Non esiste luogo dove le persone non siano connesse, tramite pc o tramite smatphone e tablet, per lavoro per svago o per studio. Quando parliamo oggi di rete forse dimentichiamo che c’è stato un tempo in cui il web era un contenitore semplice, fatto di contenuti al pari di una vetrina dove l’utente che si collegava, aveva sì strumenti per comunicare con gli altri, come le mail, ma non una piattaforma nella quale esprimere se stesso e relazionarsi in maniera costante con gli altri. Molti avranno scordato la connessione a 56 kb, lentissima, e il rumore del modem che si connetteva. Sembrano trascorsi secoli da allora e invece internet nasce non più di venti anni fa.

Oggi sarebbe impensabile vivere sconnessi e con il web 2.0 essere connessi significa essere collegati col mondo intero. Oggi ognuno di noi esprimere se stesso i propri pensieri le proprie passioni e condivide i propri interessi attraverso la rete e la vita di tutti noi è cambiata. Ma com’è cambiata? E come cambierà? Se n’è discusso oggi al convegno Web 2.0 Educazione e Comunicazione, promosso dall’Università Pontificia Salesiana, il 20 e il 21 aprile 2012, al quale hanno preso parte esperti delle IT e della comunicazione.

«Siamo come dei pesci – spiega Fabio Pasqualetti docente di Comunicazione e Opinione pubblica all’Università Pontificia Salesiana – al pari dei pesci che non si chiedono cos’è l’acqua, noi non ci chiediamo cosa ci sta succedendo con internet. La connessione alla rete è qualcosa che va oltre il computer, una macchina complicata che se non avesse accesso alla rete non verrebbe usata da nessuno. La comunicazione oggi è istantanea e riduce le distanze, e questa cultura della velocità incide sulle nostre vite. McLuhan sosteneva che quando l’informazione viaggia alla velocità dell’elettricità il mondo delle tendenze diventa il mondo reale. E dunque, siamo noi a controllare la rete o è la rete a controllare noi?» A questa domanda, Pasqualetti, risponde che la tecnologia non è né buona né cattiva, ma non è nemmeno neutra. È dunque necessario, avere idee chiare, specialmente su politica e sociale, in modo da sviluppare il pensiero critico che è l’unico strumento per orientarsi.

Internet è soprattutto comunicare e interagire con gli altri. La diffusione massiccia dei social network sono il sintomo più evidente di ciò. Ma che tipo di comunicazione è quella della rete? Sergio Rondinara, docente di filosofia della scienza presso l'UPS, con il suo intervento ha spiegato che «oggigiorno la concezione del comunicare si traduce con la trasmissione, in maniera efficace, di messaggi ad effetto. Il comunicatore è un semplice target da colpire e individuare e non più una persona con la sua identità». Inoltre bisogna considerare che la relazione è un bene al pari di altri perché l’uomo ha insito nella sua natura il bisogno di comunicare e con il web 2.0 questo bisogno viene soddisfatto grazie e soprattutto ai social network. «ma bisogna distinguere tra bene relazionale e bene pseudo relazionale – spiega Rondinara - il primo è rappresentato dalle relazioni in carne ossa mentre le seconde «simulano quelle quella reale replicandone alcuni attributi dove però manca la fragilità dolorosa delle relazioni in carne e ossa. I social network possono rafforzare le relazioni già esistenti, ma sarebbe un errore sostenerle solo in questo senso».

In questa prima giornata si è anche parlato di web 3.0. Il salto in questa nuova era è prossimo e già oggi possiamo constatare come il nostro navigare nel web è sempre più personalizzato. Le ricerche che si fanno in rete saranno sempre più legate alla sinossi anziché alla parola. E in futuro questa tendenza sarà sempre più accentuata.

"Excalibur", il musical che trasmette messaggi senza annoiare

Per la prima volta un musical d'ispirazione cattolica è tra i candidati per il premio Broadwaywordl...

Favij, il ragazzino che fa paura alle star del video

Anche al Roma Fiction Fest si è parlato del ragazzo che su Youtube ha raggiunto due milioni di visualizzazioni...

Lingue madri e lingue matrigne

...

Rescom, il primo social network salesiano

Dalla collaborazione tra SDB e FMA, in Brasile sta per nascere il primo social network di ispirazione...

Williams, quell’attore immortale

Tra sgomento e dubbi, all’età di 63 anni muore Robin Williams, premio oscar americano. «Possedeva...

   Caro Mondiale, ti scrivo
   MISNA: l'informazione dal basso per capire il mondo
   Ucraina: la violenza è nata da un sogno
   (Afric)App: dimmi quale usi e ti dirò chi sei
   Mons. Pompili: «la comunicazione ha bisogno di qualità»