Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

domenica 30 agosto 2015

Commercio di esseri umani: un vero business

di Fabiana Silenzi

La tratta degli esseri umani non è mai scomparsa nel corso dell'umanità, anzi si rivela un fenomeno sempre in crescita. Vittime: soprattutto donne e bambini

giovedì 10 maggio 2012



Le vittime della schiavitù moderna, come oggi viene chiamata, hanno molte facce. Uomini, donne, bambini e adulti, ai quali è stata sottratta libertà, dignità, vita. Secondo il rapporto “Traffing in Person Report” dell' UNHCR, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, presentato nel 2011, le vittime di questa tratta sono 12,3 milioni.

L'italia è uno dei rifugi per persone che provengono, per la maggior parte, da Romania, Nigeria, Albania, Moldavia, Russia, Bulgaria. Prostituzione, furti, associazione a delinquere, spaccio di stupefacenti, lavori in nero con mano d'opera a basso costo sono le illegalità nelle quali le vittime di tratta sono coinvolte. Un commercio che diventa buisness, considerando che dietro c'è un giro da circa 32 miliardi di dollari, che lo porta a diventare una delle attività più redittizie dopo il traffico illegale di armi e droga.

Le vittime diventano crimanali colpevoli, e non ricevono alcun trattamento rispettoso come individui con diritti. Lo sfruttamento, le condizioni pessime, e questa continua compravendita sono state oggetto della conferenza internazionale sul traffico di esseri umani, alla quale è intervenuto il cardinal Turkson, presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

Come sottolinea un'interessante articolo dell' Osservatore Romano, per fronteggiare a questa grande “piaga”, non basta solo firmare accordi e dichiarazioni mondiali, ma educare l'animo e unire le 3 P: prevenzione, protezione delle vittime e perseguimento dei responsabili di questo drammatico fenomeno.

La Piccola Principessa dell'orfanotrofio n. 10

...

Immigrazione, quando un muro ci divide dalla nostra coscienza

Mentre la Francia continua a negare l'accesso di migranti nel proprio Paese, l'Ungheria propone di innalzare...

Talk show alla deriva. Noi conduttori e autori vessati dall’Auditel

Al Festival Internazionale del Giornalismo 2015 si è parlato anche di talk show in tv. Un format che...

Virus Ebola: chi l'ha visto?

Non se ne parla più, ma c'è ancora, solo che abbiamo imparato ad affrontarlo e non è più una psicosi....

Terrorismo e intolleranza ai tempi di Twitter

Il social network, che da poco ha festeggiato i 9 anni di vita, sembra essere lo strumento di propaganda...

   Tv del dolore, cattiva maestra assetata di ascolti
   Addio Bambo, ci lasci un sorriso!
   Europa, un'opportunità spesso dimenticata
   Non dirmi che hai paura, anche se ce l'hai
   Chiedi e ti sarà tolto