Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

giovedì 11 febbraio 2016

Alessandro D'Avenia: il prof 2.0

di Ermanno Giuca

La "lezione d'amore" di un insegnante che non pretende di insegnare

sabato 19 maggio 2012



Alessandro D'Avenia con gli studenti

Su Twitter si fa chiamare @Prof2punto0 mentre su Facebook è semplicemente Alessandro D'Avenia, il professore di Lettere più amato dagli studenti italiani.

A soli 35 anni, Alessandro ha già alle spalle una Laurea in lettere classiche, un dottorato di ricerca in antropologia del mondo antico, un master in sceneggiatura e, non per ultimo, è insegnante di Italiano e Latino in un Liceo di Milano. Inoltre Ã¨ autore di due romanzi molto apprezzati dai giovani lettori italiani ("Bianca come il latte, rossa come il sangue", Mondadori, 2011;  "Cose che nessuno sa", Mondadori, 2011).

Insegnare è stato sempre il suo sogno, anzi, come la definisce lui stesso, una vera e propria "vocazione". Scrive nella sua autobiografia: «Non ho la pretesa di insegnare niente a nessuno (a parte i miei alunni, che cerco di mettere nelle condizioni di imparare, più che insegnare loro qualcosa…), ma di testimoniare il fatto che la vita ha sempre il miglior copyright».

http://www.profduepuntozero.it Ã¨ il suo blog, uno spazio dove scrive, incontra e risponde ai suoi studenti. «2.0 - scrive - significa usare il web in modo creativo, non subirlo, ma creare e far creare. Prof 2.0 è la pretesa di realizzare una scuola non solo passiva, ma un laboratorio di idee, in cui ognuno è alunno e maestro allo stesso tempo.»

Ai suoi studenti Alessandro, però, non parla soltanto di Social Network e nuove tecnologie ma, come ogni buon professore che si rispetti, spiega Omero, Dostoievskij, Dante, ma riesce a  farlo con una leggerezza e allo stesso tempo una ricchezza, che li lascia letteralmente a bocca aperta. Un insegnamento dinamico, che stimola nei destinatari passione e voglia di conoscere.

Sono tante le scuole e le università che hanno invitato il giovane professore e scrittore siciliano a raccontare la sua esperienza di insegnamento. Noi di Young4Young, in attesa di una sua gentile intervista (che speriamo non tardi), vogliamo offrirvi una delle sue "lezioni" tenuta non in classe ma in piazza davanti i tremila ragazzi riuniti a Loreto per il III Forum del Movimento Giovanile Salesiano lo scorso 30 Aprile 2012.

Buona lezione!

@egiuca


Pace e misericordia: l'eredità delle tre suore italiane uccise in Burundi l'anno scorso

È stata inaugurata una cappella a Kamenge, nella parrocchia in cui erano impegnate. Un invito alla riconciliazione...

Il cambiamento viene dalla gente. David Bowie ci credeva

Anche se non amava esporsi sul fronte della solidarietà, la star era impegnata su più fronti. Grazie...

Natale: meglio un dono oggi che un regalo domani

Il regalo è uno scambio, il dono è incontro e relazione. Per questo lo shopping stressa. Ciò di cui...

Sopravvissuta per errore, credo che il futuro sia nel dialogo. Anche in Rwanda

Vent'anni dopo il genocidio dei Tutsi, il conflitto è ancora aperto, ma una nuova generazione crede...

L’integrazione? Ce la insegnano gli ospedali

Tre celebri fotografi visitano le strutture sanitarie italiane del sud, centro e nord del Paese raccontando...

   La famiglia va guardata con misericordia e tenerezza
   B-corporation: quando business e sociale si incontrano
   Famiglia, malata d’Europa. Sostenerla è compito civile
   Fannulloni o scoraggiati? Così i Neet invadono l’Italia
   Shanghai tra crescita e contraddizioni: alla scoperta della "Perla d'Oriente"