Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

lunedì 30 maggio 2016

Festival biblico 2012: la Parola vince ogni timore

di Gabriele Beltrami

Dal 18 al 27 maggio Verona e Vicenza ospiteranno, in un'ideale staffetta, l'iniziativa di studio e riflessione. Il tema sarà: «Perché avete paura? (Mc 4,40). La speranza dalle Scritture».

venerdì 18 maggio 2012



Cattedrale di Vicenza in un'edizione passata del Festival

Mons. Roberto Tommasi, presidente del Festival biblico, parlando dell'ottava edizione di quest'anno la descrive come nata prendendo «ispirazione dall’Anno della fede indetto da papa Benedetto XVI, per riflettere sul tema del rapporto tra il credente e la libertà, e far comprendere che la fede non è contraria alla libertà, anzi genera rinnovamento e incontro».

Tra le novità vi è proprio la città di Verona che dopo sette anni nella corregionale Vicenza si allarga includendo anche la cornice veronese. Nata «in modo quasi artigianale in un gruppo di amici - ricorda Mons. Tommasi -, poi ha coinvolto l’Ufficio diocesano per la cultura e si è avvalso della collaborazione delle Paoline».

L’idea, dimostratasi evangelicamente vincente, di portare la Bibbia nelle strade e nelle piazze, oltre che inevitabilmente nei luoghi sacri, ha riscontrato un'attenzione sempre più interessata, grazie anche alla pluralità dei linguaggi adottati. «L’intenzione di fondo del Festival è quella di far parlare le Scritture, sottolinea il prelato: dopo i giorni a Verona e in altri 12 centri, giovedì 24 è in programma l’apertura a Vicenza, con un dialogo tra Enzo Bianchi e Ferruccio De Bortoli che vuole essere anche un omaggio al card. Martini, e al ruolo fondamentale che ha avuto nella Chiesa italiana per aiutare a riscoprire la Bibbia».

In un tempo di crisi come quello attuale, il tema proposto appare più che mai opportuno e al tempo stesso ardito, ma mons. Tommasi ricorda la genesi di questa idea: «Siamo arrivati a scegliere il tema di quest’anno a partire dal tema della scorsa edizione, che era ‘Di generazione in generazione’. Nella ‘Gaudium et Spes’, al n. 31, si dice che il futuro dell’umanità va riposto nelle mani di coloro che sono capaci di trasmettere alle generazioni future ragioni di vita e speranza. Ci è sembrato che il tema della speranza potesse aiutarci a continuare a riflettere sul tema del ‘passaggio’ da una generazione all’altra».

Nel titolo del Festival, però compare l'interrogativo pressante circa le paure dell'uomo nella prova.  Il presidente del Festival spiega allora che la vita di ogni persona reca sempre qualche timore e in  questo periodo complicato della storia un altro motivo di sgomento si affaccia all'orizzonte, ossia «la paura di rimanere prigionieri delle nebbie di una crisi che è economica ma è anche una crisi di lavoro, che si riflette sulle situazioni personali e familiari di vita. L’idea è quella di partire dalla consapevolezza che la Bibbia, oltre a essere il ‘grande Codice’ dell’Occidente, è anche lo specchio della vita dell’anima per ciascuno di noi».

La Bibbia, d'altra parte, affianca ai timori umani, che i media spesso amplificano e diffondono a macchia d'olio, la speranza che dice ancora mons. Tommasi «non è un sogno che vorrebbe sostituirsi alla paura, e neanche un’utopia a buon mercato». Nelle Scritture, invece, la speranza sorge da una conoscenza profonda dell’uomo quindi anche delle sue paure: «Le Scritture - approfondisce il prelato - sono in grado di mostrare che l’uomo porta in sé la fragilità, ma che con la paura convive anche la speranza, intesa come capacità di lavorare sul presente e sul passato per costruire un futuro diverso, che scaturisce da ciò che Dio ha fatto per l’uomo attraverso il grande ‘sì’ della Resurrezione di Gesù».

Il Festival biblico è anche occasione di dialogo tra credenti e non credenti, una chiamata rivolta a tutti i cristiani per cercare la fraternità e un rapporto aperto con tutti, intendendo il dialogo come un cammminare uniti, da pellegrini, sulla strada di un’esistenza migliore. «Fino a pochi anni fa, in Italia c’erano steccati molto forti fra credenti e non credenti - ricorda mons. Tommasi -: oggi c’è una libertà diversa, con molti è possibile condividere molte cose, a partire dalla passione per l’uomo e per la società, ma anche dall’apertura verso Dio che noi cristiani per grazia un po’ conosciamo e che gli altri, forse, cercano non meno intensamente”.

Forte della collaborazione di oltre 200 tra istituzioni culturali, religiose, caritative e sociali, il Festival Biblico 2012 offre anche un calendario con una ricca gamma di possibilità per incontrare le Scritture all’insegna delle tracce di speranza da trovare nella quotidianità dell’esistenza. Tra cene bibliche, pellegrinaggi a piedi, incontri in carcere e chiese aperte di notte mille e più sono i modi previsti per incontrare le Scritture e altrettanti i motivi per non perdersi un evento del genere.

"Il numero 5" e quei ragazzi che scoprono il piacere della lettura

Gabriele Nanni, autore del libro che ha vinto il premio Battello a Vapore nel 2014, incontra gli studenti...

La misericordia ha tanti volti, ma crea unità

Impressioni e pensieri raccolti durante il giubileo della Comunità Salesiana dell'Università Pontificia...

A Roma un musulmano che si converte al cristianesimo può rischiare la vita

Ogni anno ci sono circa 1.100 battesimi di catecumeni che vengono da altre religioni. Ma per l'Islam...

Perché i poveri perdonano e chiedono perdono

La misericordia è probabilmente il bisogno essenziale, l'attesa più profonda dei poveri. Riflessione...

NOma, la mafia si combatte con il ricordo

Nasce un'app che ci guida nei luoghi degli attentati mafiosi, raccontandoci le storie di chi ha perso...

   Pace e misericordia: l'eredità delle tre suore italiane uccise in Burundi l'anno scorso
   Il cambiamento viene dalla gente. David Bowie ci credeva
   Natale: meglio un dono oggi che un regalo domani
   Sopravvissuta per errore, credo che il futuro sia nel dialogo. Anche in Rwanda
   L’integrazione? Ce la insegnano gli ospedali