Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

lunedì 27 giugno 2016

Senza apostrofo ma coi puntini

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 1

martedì 05 giugno 2012



Disegno di Saul Steinberg

Roma, Via Madonna del Riposo. Tra le auto parcheggiate, una si fa notare. Da molti mesi le manca un vetro: al suo posto c’è del cellophane attaccato con lo scotch e, sul cellophane, un foglietto con la scritta «Sti figli di…..». Senza apostrofo e con cinque puntini. Proviamo a metterci nei panni di ’sto proprietario. Diciamo ’sto perché è facile che sia uno solo, mentre lui, usando sti, è certo che il colpevole non sia solo: che li abbia visti? Ignoriamo se abbia sporto denuncia contro ignoti. Ma capiamo quanto sia stata forte la tentazione di apostrofarli. Poi, all’improvviso, fine delle ostilità. Come se si fosse pentito. Avrà pensato: «Se li apostrofo, non restituisco colpo su colpo ai colpitori, lontani magari mille miglia. Colpisco soltanto il passante, come una pallottola vagante. Meglio uno sparo a salve». Così ha ritirato ogni apostrofo, senza rinunciare a lasciare un messaggio. Peraltro senza indirizzo. Merita un applauso – anche questo senza indirizzo – la decisione di trattenere l’ira, di bloccare il giudizio, di non mettersi sullo stesso piano dei colpitori. Forse quel figli avrà ricordato pure a lui d’essere figlio. Mai come in questo caso sono da apprezzare i puntini di sospensione.

Un viaggio fotografico alla scoperta del confine

Dal 10 giugno esposte nella FacoltĂ  di Scienze della Comunicazione dell'UniversitĂ  Salesiana le foto...

Microsoft: l’innovazione informatica fa bene al volontariato italiano

Il CEO di Microsoft Italia a Roma per presentare il programma di innovazione informatica a servizio delle...

Quei tre, quattro elementi che fanno di “Sofia” il tormentone estivo

...

Serie tv. Ad un certo punto anche la famiglia Mikaelson deve pagare

A maggio chiudono le grandi serie televisive. L'ultima puntata di "the Originals" è sicuramente una...

I Rio cambiano pelle e cantano gli attentati di Parigi

Un album dai suoni electro-dance che rompe col passato della band. Testi di attualitĂ  che spaziano dall'immigrazione...

   Le opere di misericordia sono il terreno su cui le religioni possono incontrarsi
   Comunicazione e misericordia: i giovani incontrano gli autori
   "Quali alibi"? La democrazia non ne accetta nessuno
   #matteorisponde e il giornalismo dorme
   Achille Monteforte: la poesia fatta di angeli maledetti, bestie feroci e oggetti