Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

domenica 21 dicembre 2014

Ma Internet ci vede?

di Gian Carlo Olcuire

Il racconto di un caso umano per testimoniare contro Internet. Per dire che non dà garanzie di verità. O quanto meno per dire che, se ci vede, ha anche delle sviste.

martedì 19 giugno 2012



Massimo Troisi a “Indietro tutta”

In una celebre gag (visibile su YouTube), Renzo Arbore e Nino Frassica convincono Massimo Troisi d’essere Rossano Brazzi. Impiegano un po’ di tempo perché Troisi fa resistenza, ma alla fine ci riescono. I miei Arbore e Frassica si chiamano Internet e Google: se sul motore di ricerca scrivo il mio nome e cognome, scopro di avere un’enoteca, a Roma, in Via Albornoz n. 3 (fino a qualche tempo fa con tanto di foto della strada a 360 gradi, grazie a Google Maps).

Google però non dice il vero. In Via Albornoz n. 3 ho – dal 1982 – un appartamento adibito a studio grafico, non a enoteca, e posso garantire che a quell’indirizzo non c’è e non c’è mai stata un’enoteca: chiunque può verificarlo, anche chiedendo ai condomini del civico n. 3. Poiché non ho omonimi (in Italia siamo appena in 7 col mio cognome e, dei 7, soltanto io col mio nome) e poiché quell’indirizzo corrisponde a uno che ha il mio nome e cognome, viene da domandarsi se quelli di Google siano fuori di testa (e un po’ mi spiace, perché sarei contento di avere un’enoteca).

Sono in grado di ricostruire l’origine dell’equivoco, risalente ai primi anni ’90, quando mi sono ritrovato inserito sulle Pagine Gialle tra i titolari di enoteca. Non ricordo come sono venuto a saperlo, ma la cosa mi ha divertito (anche perché da allora continuo ricevere riviste specializzate, oltre a inviti per degustare vini in qualche fiera).

Il guaio è che, poco dopo, sono stato annoverato anche tra i notai di Roma. L’ho capito da due-tre persone che, al citofono, chiedevano del notaio. Quando rispondevo che nella palazzina c’era un avvocato, non un notaio (e che comunque non ero io), loro reagivano piccati: «Guardi che lei – e qui aggiungevano il mio cognome – è sulle Pagine Gialle, nell’elenco dei notai». Erano abitanti del quartiere che, avendo bisogno di un atto notarile e non conoscendo notai, cercavano – per sbrigarsi – un professionista non distante da casa. Ho pensato che nella redazione delle Pagine Gialle ci fosse un buontempone oppure che, non sapendo come riempire le pagine, mettessero nomi a caso. Nello stesso tempo, assecondando il Mr. Hyde che è in me, sono stato tentato di risistemare lo studio grafico, dando a credere che fosse uno studio notarile (come nel film La stangata, dove Robert Redford e Paul Newman mettono in piedi un’agenzia di scommesse fasulla, pur di spennare un riccone). Per pigrizia non l’ho fatto e m’è bastata la lusinga dell’attribuzione (come quando ti danno del dottore e non lo sei). Anche in qualità di notaio – è bene precisarlo – non ho avuto fastidi, al di là di qualche pubblicazione (subito cestinata) e delle telefonate di un carabiniere e di un poliziotto per farmi abbonare alle loro riviste («visto che lei, signor notaio, lo fa ogni anno»).

Ho segnalato più volte i due errori alle Pagine Gialle, senza trovare chi sapesse aiutarmi. Qualcuno, subdolamente, è arrivato a garantirmi che, se mi fossi iscritto come grafico (naturalmente pagando), sarebbe stato più agevole cancellarmi dagli elenchi dov’ero di troppo. Ho risposto di non voler sottostare al ricatto, tanto più che un mio collega – sulle Pagine Gialle per scelta consapevole – non ha mai ricevuto una sola telefonata da potenziali clienti (ciò per dire che le Pagine Gialle, senz’altro utili per qualche attività, non lo sono per la mia).

Attorno al 1995-96 si è diffusa Internet e chi ha realizzato i primi siti dedicati alle enoteche ha pensato bene di attingere i nomi dagli elenchi delle Pagine Gialle. Tutti, ovviamente, anche quelli fasulli. D’altra parte, chi è così autorevole da garantire la verità? O da controllarla per ripulirla delle impurità? Viene in mente la storiella degli amanuensi che, facendo la copia di una copia precedente, ne riproducono anche gli errori e scrivono castità invece di carità, senza rendersi conto di condizionare la storia. Per farla breve: oggi – dopo molte telefonate – sulle Pagine Gialle non esisto più (almeno credo… a meno che non mi ci abbiano rimesso), mentre non so come uscire da Internet (quanto meno come enoteca, poiché, fortunatamente, come notaio non sono entrato).

Se vede tutti, di certo Internet ha molte sviste. Ma da lui non ci si cancella. Alla fine della gag di Arbore e Frassica, Troisi era sicuro d’essere Rossano Brazzi perché l’aveva detto il notaio del telequiz: «Se l’ha detto la televisione e l’ha detto il notaio…». In modo analogo, se l’ha detto Google, il Grande Notaio certificatore di esistenze, comincio a pensare d’essere un mercante di vini e, sfruttando le mie conoscenze grafiche, penso che mi farò subito un biglietto da visita. Grazie a Google sono nella vita eterna: sarò sempre un nome, mai un “Signor Nessuno”, darò a credere di lavorare molto e, forse, pure di guadagnare molto (sperando non salti su qualcuno a esigere le imposte per tutte queste attività inesistenti).

Mia moglie, lei sì, sta lucrando da questa vicenda. Per far capire ai suoi studenti che di Internet non devono fidarsi, dà loro il seguente esercizio: «Quale attività svolge il signor Nome e Cognome?» (senza dire, ovviamente, che, fra le tante cose, fa anche il marito della prof).

Seminaristi su Facebook, uno su due ha un profilo

Prossimo in uscita “La Chiesa ‘nella’ rete”, il nuovo libro di Rita Marchetti sull'utilizzo dei...

La voce della Jamaica: Reggae 'n' Roll a suon di pace

"La mela che non marcisce" /5 questa settimana Bob Marley, musicista indimenticabile che attraverso la...

Un omaggio a Elvis Presley e la carriera è fatta

"La mela che non marcisce" /4 propone "Buon Compleanno Elvis" di Ligabue, l'album che segna la svolta...

Che fascino, l'ingenuità di Ligabue

"La mela che non marcisce"/3 ripropone il primo album di Luciano Ligabue, che quando uscì ebbe un successo...

Solo l'educazione può salvarci dall'infobesità

Ritrovare il contatto con la realtà, le relazioni, la partecipazione: le proposte di Pier Cesare Rivoltella...

   1959: il Concilio non fa notizia. Ma poi tutto cambia
   Quanto sei bella Roma, in fotografia
   Il cielo è sempre più blu, anche oggi
   Non chiamateli angeli del fango
   "Fuori come va?". L'album che fa ancora pensare