Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

venerdì 28 novembre 2014

La birra per terra

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 3

lunedì 25 giugno 2012



Disegno di Saul Steinberg

Roma, Via dei Savorelli. Quando un segno ti appare più volte, non pensi che sia casuale ma che qualcosa “debba” significare. Uno di questi è la bottiglietta vuota di birra, lasciata sul marciapiede, tra i piedi di chi passa. Chi l’ha scolata non s’è preoccupato di buttarla – c’era pure un cassonetto, a pochi metri – e nemmeno l’ha dimenticata. Chi l’ha mollata lì – come un cero spento – l’ha fatto apposta: ha voluto lasciare un’impronta, un segno di passaggio. A marchiare il territorio, come fanno i cani. E, come i cani, senza parole. Cioè senza dare spiegazioni. Non solo senza rispondere alla domanda più metafisica («Perché?»), ma anche ad altre non meno importanti: «Perché birra e mai coca cola?», «Perché bottiglietta e mai bottiglione?», «Perché birra estera pregiata e mai birra nazionale?». Uno snobismo a cui non fare caso o un segno con un significato? “La birra per terra”: che tutte queste “erre” siano un indizio? Che stia per nascere un partito birrafondaio? Ah, se si potesse sapere in quali altri luoghi della città sono state lasciate birrette, e di quali marche, e in quali giorni della settimana, e da quali categorie di persone! C’è sempre lavoro, in Italia, per i cercatori di verità… in una birra (ma non si diceva In vino veritas?).

Che fascino, l'ingenuitĂ  di Ligabue

"La mela che non marcisce"/3 ripropone il primo album di Luciano Ligabue, che quando uscì ebbe un successo...

Solo l'educazione può salvarci dall'infobesità

Ritrovare il contatto con la realtĂ , le relazioni, la partecipazione: le proposte di Pier Cesare Rivoltella...

1959: il Concilio non fa notizia. Ma poi tutto cambia

Franco Lever al convegno “Ripensare la Comunicazione” ha analizzato l'evoluzione del termine “comunicazione”...

Quanto sei bella Roma, in fotografia

Una mostra fotografica racconta un periodo in cui Roma è cambiata - 1986 al 2006 - e offre l’opportunità...

Il cielo è sempre più blu, anche oggi

"La mela che non marcisce"/2 continua con Rino Gaetano, artista fuori dagli schemi, che proponeva testi...

   Non chiamateli angeli del fango
   "Fuori come va?". L'album che fa ancora pensare
   Diversamente buoni
   La tecnologia aiuta a immaginare Dio
   Il Punk non è morto, e per ascoltarlo ci sono Tutte le Cose Inutili