Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

domenica 20 aprile 2014

La birra per terra

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 3

lunedì 25 giugno 2012



Disegno di Saul Steinberg

Roma, Via dei Savorelli. Quando un segno ti appare più volte, non pensi che sia casuale ma che qualcosa “debba” significare. Uno di questi è la bottiglietta vuota di birra, lasciata sul marciapiede, tra i piedi di chi passa. Chi l’ha scolata non s’è preoccupato di buttarla – c’era pure un cassonetto, a pochi metri – e nemmeno l’ha dimenticata. Chi l’ha mollata lì – come un cero spento – l’ha fatto apposta: ha voluto lasciare un’impronta, un segno di passaggio. A marchiare il territorio, come fanno i cani. E, come i cani, senza parole. Cioè senza dare spiegazioni. Non solo senza rispondere alla domanda più metafisica («Perché?»), ma anche ad altre non meno importanti: «Perché birra e mai coca cola?», «Perché bottiglietta e mai bottiglione?», «Perché birra estera pregiata e mai birra nazionale?». Uno snobismo a cui non fare caso o un segno con un significato? “La birra per terra”: che tutte queste “erre” siano un indizio? Che stia per nascere un partito birrafondaio? Ah, se si potesse sapere in quali altri luoghi della città sono state lasciate birrette, e di quali marche, e in quali giorni della settimana, e da quali categorie di persone! C’è sempre lavoro, in Italia, per i cercatori di verità… in una birra (ma non si diceva In vino veritas?).

Le app, nuova frontiera del sociale

Il mondo del sociale ha bisogno di nuovi strumenti per coinvolgere il pubblico. Oggi può farlo attraverso...

India. La democrazia piĂą grande al mondo va al voto

Dureranno dal 7 aprile all' 11 maggio le elezioni politiche, cui potranno partecipare 810 milioni di...

Don Àngel: gli educatori non siano “manodopera a basso costo”

Lo spagnolo Àngel Fernández Artime è il nuovo rettor maggiore dei salesiani. E’ stato ispettore...

"Tempo reale", la rivincita di Renga

...

Le confessioni tra i proiettili

«Ho celebrato molti funerali, ma non ne avevo mai visti di simili. Fiumi di fiori, folle immense di...

   Coltivate il bambino che è dentro di voi
   La leggerezza della neve, che affascina Ligabue
   Giovanni Allevi ospite dell'UniversitĂ  Salesiana
   L'Asia guarda al domani dell'informazione
   Bisogna rendere i giovani protagonisti, come insegnava Don Bosco