Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

sabato 29 novembre 2014

Cortesia è morta, Ironia vive

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 4

lunedì 02 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Vigolo Vattaro (Trento). Letta vicino a un segnale di parcheggio per disabili: «Invece di prenderti il mio posto perché non ti prendi il mio handicap?». La scritta è a stampa, non a mano: segno di forza, come se venisse da un’autorità, e di premeditazione, come se non fosse fatta a caldo, dopo un torto ricevuto, ma a mente fredda.
Più di tutto colpisce il tono: minaccioso, per mettere soggezione. Un difendersi attaccando per primi. Un pugno preventivo, sferrato a chiunque passi, anche a chi non s’è mai sognato di occupare quello spazio con la propria auto. Il messaggio, senza firma, è di quelli inviati da uomo della folla a uomo della folla, per l’impossibilità di un incontro. Lasciato lì, nella speranza che l’altro intenda e si comporti di conseguenza.
In Italia, si sa, un messaggio in forma di divieto sarebbe trasgredito in quanto tale. Ma esistono forme vagamente ironiche: «Che ne pensi di chiudere la porta quando entri?» (all’ingresso di una birreria, in Via degli Specchi, a Roma). E forme decisamente spiritose: «We are against war and tourist menu» (all’ingresso di un ristorante, in Trastevere). Dove l’ironia è nell’accostamento di una cosa gigantesca a una piccola, per un gigantesco no ad entrambe. Senza bisogno di motivazioni, però efficace.

Che fascino, l'ingenuitĂ  di Ligabue

"La mela che non marcisce"/3 ripropone il primo album di Luciano Ligabue, che quando uscì ebbe un successo...

Solo l'educazione può salvarci dall'infobesità

Ritrovare il contatto con la realtĂ , le relazioni, la partecipazione: le proposte di Pier Cesare Rivoltella...

1959: il Concilio non fa notizia. Ma poi tutto cambia

Franco Lever al convegno “Ripensare la Comunicazione” ha analizzato l'evoluzione del termine “comunicazione”...

Quanto sei bella Roma, in fotografia

Una mostra fotografica racconta un periodo in cui Roma è cambiata - 1986 al 2006 - e offre l’opportunità...

Il cielo è sempre più blu, anche oggi

"La mela che non marcisce"/2 continua con Rino Gaetano, artista fuori dagli schemi, che proponeva testi...

   Non chiamateli angeli del fango
   "Fuori come va?". L'album che fa ancora pensare
   Diversamente buoni
   La tecnologia aiuta a immaginare Dio
   Il Punk non è morto, e per ascoltarlo ci sono Tutte le Cose Inutili