Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

sabato 19 aprile 2014

Cortesia è morta, Ironia vive

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 4

lunedì 02 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Vigolo Vattaro (Trento). Letta vicino a un segnale di parcheggio per disabili: «Invece di prenderti il mio posto perché non ti prendi il mio handicap?». La scritta è a stampa, non a mano: segno di forza, come se venisse da un’autorità, e di premeditazione, come se non fosse fatta a caldo, dopo un torto ricevuto, ma a mente fredda.
Più di tutto colpisce il tono: minaccioso, per mettere soggezione. Un difendersi attaccando per primi. Un pugno preventivo, sferrato a chiunque passi, anche a chi non s’è mai sognato di occupare quello spazio con la propria auto. Il messaggio, senza firma, è di quelli inviati da uomo della folla a uomo della folla, per l’impossibilità di un incontro. Lasciato lì, nella speranza che l’altro intenda e si comporti di conseguenza.
In Italia, si sa, un messaggio in forma di divieto sarebbe trasgredito in quanto tale. Ma esistono forme vagamente ironiche: «Che ne pensi di chiudere la porta quando entri?» (all’ingresso di una birreria, in Via degli Specchi, a Roma). E forme decisamente spiritose: «We are against war and tourist menu» (all’ingresso di un ristorante, in Trastevere). Dove l’ironia è nell’accostamento di una cosa gigantesca a una piccola, per un gigantesco no ad entrambe. Senza bisogno di motivazioni, però efficace.

Le app, nuova frontiera del sociale

Il mondo del sociale ha bisogno di nuovi strumenti per coinvolgere il pubblico. Oggi può farlo attraverso...

India. La democrazia piĂą grande al mondo va al voto

Dureranno dal 7 aprile all' 11 maggio le elezioni politiche, cui potranno partecipare 810 milioni di...

Don Àngel: gli educatori non siano “manodopera a basso costo”

Lo spagnolo Àngel Fernández Artime è il nuovo rettor maggiore dei salesiani. E’ stato ispettore...

"Tempo reale", la rivincita di Renga

...

Le confessioni tra i proiettili

«Ho celebrato molti funerali, ma non ne avevo mai visti di simili. Fiumi di fiori, folle immense di...

   Coltivate il bambino che è dentro di voi
   La leggerezza della neve, che affascina Ligabue
   Giovanni Allevi ospite dell'UniversitĂ  Salesiana
   L'Asia guarda al domani dell'informazione
   Bisogna rendere i giovani protagonisti, come insegnava Don Bosco