Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

venerdì 29 luglio 2016

Cortesia è morta, Ironia vive

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 4

lunedì 02 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Vigolo Vattaro (Trento). Letta vicino a un segnale di parcheggio per disabili: «Invece di prenderti il mio posto perché non ti prendi il mio handicap?». La scritta è a stampa, non a mano: segno di forza, come se venisse da un’autorità, e di premeditazione, come se non fosse fatta a caldo, dopo un torto ricevuto, ma a mente fredda.
Più di tutto colpisce il tono: minaccioso, per mettere soggezione. Un difendersi attaccando per primi. Un pugno preventivo, sferrato a chiunque passi, anche a chi non s’è mai sognato di occupare quello spazio con la propria auto. Il messaggio, senza firma, è di quelli inviati da uomo della folla a uomo della folla, per l’impossibilità di un incontro. Lasciato lì, nella speranza che l’altro intenda e si comporti di conseguenza.
In Italia, si sa, un messaggio in forma di divieto sarebbe trasgredito in quanto tale. Ma esistono forme vagamente ironiche: «Che ne pensi di chiudere la porta quando entri?» (all’ingresso di una birreria, in Via degli Specchi, a Roma). E forme decisamente spiritose: «We are against war and tourist menu» (all’ingresso di un ristorante, in Trastevere). Dove l’ironia è nell’accostamento di una cosa gigantesca a una piccola, per un gigantesco no ad entrambe. Senza bisogno di motivazioni, però efficace.

Vasco Rossi, poeta delle paure e delle "vite spericolate"

Ci sono famiglie intere ad assistere allo spettacolo di musica, luci e atmosfere preparate ad arte. I...

Un viaggio fotografico alla scoperta del confine

Dal 10 giugno esposte nella FacoltĂ  di Scienze della Comunicazione dell'UniversitĂ  Salesiana le foto...

Microsoft: l’innovazione informatica fa bene al volontariato italiano

Il CEO di Microsoft Italia a Roma per presentare il programma di innovazione informatica a servizio delle...

Quei tre, quattro elementi che fanno di “Sofia” il tormentone estivo

...

Serie tv. Ad un certo punto anche la famiglia Mikaelson deve pagare

A maggio chiudono le grandi serie televisive. L'ultima puntata di "the Originals" è sicuramente una...

   I Rio cambiano pelle e cantano gli attentati di Parigi
   Le opere di misericordia sono il terreno su cui le religioni possono incontrarsi
   Comunicazione e misericordia: i giovani incontrano gli autori
   "Quali alibi"? La democrazia non ne accetta nessuno
   #matteorisponde e il giornalismo dorme