Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

lunedì 08 febbraio 2016

Cortesia è morta, Ironia vive

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 4

lunedì 02 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Vigolo Vattaro (Trento). Letta vicino a un segnale di parcheggio per disabili: «Invece di prenderti il mio posto perché non ti prendi il mio handicap?». La scritta è a stampa, non a mano: segno di forza, come se venisse da un’autorità, e di premeditazione, come se non fosse fatta a caldo, dopo un torto ricevuto, ma a mente fredda.
Più di tutto colpisce il tono: minaccioso, per mettere soggezione. Un difendersi attaccando per primi. Un pugno preventivo, sferrato a chiunque passi, anche a chi non s’è mai sognato di occupare quello spazio con la propria auto. Il messaggio, senza firma, è di quelli inviati da uomo della folla a uomo della folla, per l’impossibilità di un incontro. Lasciato lì, nella speranza che l’altro intenda e si comporti di conseguenza.
In Italia, si sa, un messaggio in forma di divieto sarebbe trasgredito in quanto tale. Ma esistono forme vagamente ironiche: «Che ne pensi di chiudere la porta quando entri?» (all’ingresso di una birreria, in Via degli Specchi, a Roma). E forme decisamente spiritose: «We are against war and tourist menu» (all’ingresso di un ristorante, in Trastevere). Dove l’ironia è nell’accostamento di una cosa gigantesca a una piccola, per un gigantesco no ad entrambe. Senza bisogno di motivazioni, però efficace.

Pubblicato il bando del premio L'Anello Debole 2016

...

"The Transporter Legacy", un pasticcio che piace

Uscito da poco in dvd, atmosfera commercialotta, taglio fumettistico, pastrocchi di regia... Piace a...

Comunicare non è separare i giusti dai peccatori

Il coraggio di ammonire chi sbaglia ma anche la responsabilità di non spezzare la relazione. Il più...

Il video del Papa. Ecco chi lo ha realizzato

Poco più di trent’anni, un MBA in Marketing e un passato in McCann Erickson. Juan Della Torre oggi...

Everest, ovvero il limite e la paura

Esce in dvd il 20 gennaio il film di Baltasar Kormákur che racconta la storia vera di una disastrosa...

   Crescere non è sinonimo di dimenticare
   Le bufale più famose del 2015
   Meno certezze, più pensiero critico. Così si rifonda la comunicazione
   The Pills: da Youtube al cinema con "Sempre meglio che lavorare"
   Quel Giubileo di Francesco che celebra l’immagine