Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

domenica 24 luglio 2016

In fuga dalla Siria oppressa: ma chi ne parla?

di Vittorio Sammarco

La popolazione siriana soffre sotto i colpi di una repressione spietata. L'emergenza umanitaria cresce, ma le voci dei Paesi occidentali sono deboli e gli occhi distratti. Nonostante gli allarmi lanciati dall'Onu

domenica 08 luglio 2012



L’emergenza umanitaria in Siria non solo non si attenua, ma cresce, si fa piĂą drammatica. In un generale silenzio mediatico, condizionato soprattutto dalle questioni economiche e dal rischio-monete che sembra impegnare in maniera eslcusiva gli organi di informazione. Ma l’Ufficio di Coordinamento degli Affari Umanitari dell’Onu (Ocha), ha appena lanciato un nuovo disperato grido d'allarme: continua a crescere il numero dei rifugiati nei Paesi vicini e ha ormai superato la clamorosa cifra di centomila persone. «Solo nei primi tre giorni di luglio – riporta un articolo dell’Osservatore Romano del 7 luglio dal titolo “In fuga dalle violenze” – tremila siriani hanno attraversato la frontiera con la Giordania».

«Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon – si legge ancora nell’articolo –ha dichiarato che gli osservatori dell’Onu in Siria devono svolgere un ruolo più politico che militare.» Secondo il segretario la missione delle Nazioni Unite Unsmis, dovrebbe essere «ricalibrata», « orientata verso obiettivi «che possono essere raggiunti nelle circostanze attuali», come quello di svolgere un ruolo per «promuovere il dialogo, mediare a livello locale accordi per calmare le tensioni e promuovere il cessate il fuoco tra le parti».

Una GMG sotto le bombe

In un clima europeo di terrore e instabilitĂ  geopolitica, il prossimo 25 luglio Cracovia ospiterĂ  un...

Turchia. Un colpo di stato fallito spacca in due il Paese

In una notte la rivoluzione nelle piĂą grandi cittĂ : spari, esplosioni e raid. Poi il popolo scende...

SPOSE BAMBINE, UN'EMERGENZA UMANITARIA

Ogni 10 minuti una sposa bambina muore per emorragie interne. Ogni giorno 37 mila ragazzine sono costrette...

Perché la vecchietta chiese di morire

Si conclude domani la settimana della commemorazione del genocidio dei Tutsi in Rwanda. Contro il negazionismo...

Istanbul oggi. Tra fede, politica e quel futuro conteso

Una cittĂ  crocevia tra Islam e Cristianesimo, tra spinte europeiste e un forte ritorno alle tradizioni...

   Spose bambine, un'emergenza umanitaria
   L'Isis una follia, i musulmani credono nel Dio dell'amore
   Prosperi, Adou, Shems, Aylan... sono anche nostri figli
   La Piccola Principessa dell'orfanotrofio n. 10
   Immigrazione, quando un muro ci divide dalla nostra coscienza