Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

mercoledì 27 maggio 2015

In fuga dalla Siria oppressa: ma chi ne parla?

di Vittorio Sammarco

La popolazione siriana soffre sotto i colpi di una repressione spietata. L'emergenza umanitaria cresce, ma le voci dei Paesi occidentali sono deboli e gli occhi distratti. Nonostante gli allarmi lanciati dall'Onu

domenica 08 luglio 2012



L’emergenza umanitaria in Siria non solo non si attenua, ma cresce, si fa piĂą drammatica. In un generale silenzio mediatico, condizionato soprattutto dalle questioni economiche e dal rischio-monete che sembra impegnare in maniera eslcusiva gli organi di informazione. Ma l’Ufficio di Coordinamento degli Affari Umanitari dell’Onu (Ocha), ha appena lanciato un nuovo disperato grido d'allarme: continua a crescere il numero dei rifugiati nei Paesi vicini e ha ormai superato la clamorosa cifra di centomila persone. «Solo nei primi tre giorni di luglio – riporta un articolo dell’Osservatore Romano del 7 luglio dal titolo “In fuga dalle violenze” – tremila siriani hanno attraversato la frontiera con la Giordania».

«Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon – si legge ancora nell’articolo –ha dichiarato che gli osservatori dell’Onu in Siria devono svolgere un ruolo più politico che militare.» Secondo il segretario la missione delle Nazioni Unite Unsmis, dovrebbe essere «ricalibrata», « orientata verso obiettivi «che possono essere raggiunti nelle circostanze attuali», come quello di svolgere un ruolo per «promuovere il dialogo, mediare a livello locale accordi per calmare le tensioni e promuovere il cessate il fuoco tra le parti».

Talk show alla deriva. Noi conduttori e autori vessati dall’Auditel

Al Festival Internazionale del Giornalismo 2015 si è parlato anche di talk show in tv. Un format che...

Virus Ebola: chi l'ha visto?

Non se ne parla più, ma c'è ancora, solo che abbiamo imparato ad affrontarlo e non è più una psicosi....

Terrorismo e intolleranza ai tempi di Twitter

Il social network, che da poco ha festeggiato i 9 anni di vita, sembra essere lo strumento di propaganda...

Tv del dolore, cattiva maestra assetata di ascolti

La cronaca nera e giudiziaria occupa tre ore al giorno dei palinsesti televisivi italiani. Inviati irruenti,...

Addio Bambo, ci lasci un sorriso!

Il primo di marzo 2015, a 42 anni, Don Bambo Miguel de Jesus, studente africano dell'UniversitĂ  Pontificia...

   Europa, un'opportunitĂ  spesso dimenticata
   Non dirmi che hai paura, anche se ce l'hai
   Chiedi e ti sarĂ  tolto
   Fotoreporter vittime, «non aspettiamo che muoiano per valorizzarli»
   Emergenza sbarchi: oltre ai numeri c'è vita