Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

giovedì 25 agosto 2016

Il terrore sulla porta

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 5

lunedì 09 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Ogni soglia ha il potere di condizionare in senso negativo il tono dei messaggi. Vero è che siamo segnati da Dante («Per me si va nella città dolente, per me si va nell’eterno dolore, per me si va tra la perduta gente... Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate»), ma non si capisce perché si debba sempre mettere in guardia gli altri spaventandoli. «Attenzione: se fumate a letto, la cenere che cadrà potreste essere voi» è scritto dietro la porta delle camere, in un albergo francese.
Già più comprensibili sono gli avvertimenti ai malintenzionati. Francesco Piccolo, narratore e sceneggiatore, segnala il cartello sulla porta d’ingresso dei supermercati o nei negozi: «Si avvisa la spettabile clientela che i prodotti sono protetti da un sistema di allarme». E commenta: «Ci chiamano “spettabile” intanto che ci dicono: siete dei ladri, ma state attenti che vi becchiamo» (da Momenti di trascurabile felicità, ed. Einaudi).
Infine, ad Acqui Terme, in Via Ghione, un cartello commovente: Porta allarmata. Fa tenerezza una porta, quando diventa umana. Volevano dire dotata di allarme e non si sono resi conto che quel participio passato manda un messaggio alla rovescia. Si è tentati di entrare per dire alla porta, come a una bimba che non riesce a prendere sonno: «Non aver paura, ci siamo noi».

Vasco Rossi, poeta delle paure e delle "vite spericolate"

Ci sono famiglie intere ad assistere allo spettacolo di musica, luci e atmosfere preparate ad arte. I...

Un viaggio fotografico alla scoperta del confine

Dal 10 giugno esposte nella FacoltĂ  di Scienze della Comunicazione dell'UniversitĂ  Salesiana le foto...

Microsoft: l’innovazione informatica fa bene al volontariato italiano

Il CEO di Microsoft Italia a Roma per presentare il programma di innovazione informatica a servizio delle...

Quei tre, quattro elementi che fanno di “Sofia” il tormentone estivo

...

Serie tv. Ad un certo punto anche la famiglia Mikaelson deve pagare

A maggio chiudono le grandi serie televisive. L'ultima puntata di "the Originals" è sicuramente una...

   I Rio cambiano pelle e cantano gli attentati di Parigi
   Le opere di misericordia sono il terreno su cui le religioni possono incontrarsi
   Comunicazione e misericordia: i giovani incontrano gli autori
   "Quali alibi"? La democrazia non ne accetta nessuno
   #matteorisponde e il giornalismo dorme