Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

lunedì 22 settembre 2014

Il terrore sulla porta

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 5

lunedì 09 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Ogni soglia ha il potere di condizionare in senso negativo il tono dei messaggi. Vero è che siamo segnati da Dante («Per me si va nella città dolente, per me si va nell’eterno dolore, per me si va tra la perduta gente... Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate»), ma non si capisce perché si debba sempre mettere in guardia gli altri spaventandoli. «Attenzione: se fumate a letto, la cenere che cadrà potreste essere voi» è scritto dietro la porta delle camere, in un albergo francese.
Già più comprensibili sono gli avvertimenti ai malintenzionati. Francesco Piccolo, narratore e sceneggiatore, segnala il cartello sulla porta d’ingresso dei supermercati o nei negozi: «Si avvisa la spettabile clientela che i prodotti sono protetti da un sistema di allarme». E commenta: «Ci chiamano “spettabile” intanto che ci dicono: siete dei ladri, ma state attenti che vi becchiamo» (da Momenti di trascurabile felicità, ed. Einaudi).
Infine, ad Acqui Terme, in Via Ghione, un cartello commovente: Porta allarmata. Fa tenerezza una porta, quando diventa umana. Volevano dire dotata di allarme e non si sono resi conto che quel participio passato manda un messaggio alla rovescia. Si è tentati di entrare per dire alla porta, come a una bimba che non riesce a prendere sonno: «Non aver paura, ci siamo noi».

Favij, il ragazzino che fa paura alle star del video

Anche al Roma Fiction Fest si è parlato del ragazzo che su Youtube ha raggiunto due milioni di visualizzazioni...

Lingue madri e lingue matrigne

...

Rescom, il primo social network salesiano

Dalla collaborazione tra SDB e FMA, in Brasile sta per nascere il primo social network di ispirazione...

Williams, quell’attore immortale

Tra sgomento e dubbi, all’età di 63 anni muore Robin Williams, premio oscar americano. «Possedeva...

Caro Mondiale, ti scrivo

...

   MISNA: l'informazione dal basso per capire il mondo
   Ucraina: la violenza è nata da un sogno
   (Afric)App: dimmi quale usi e ti dirò chi sei
   Mons. Pompili: «la comunicazione ha bisogno di qualità»
   Quando il libro batte la crisi