Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

martedì 04 agosto 2015

Il terrore sulla porta

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 5

lunedì 09 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Ogni soglia ha il potere di condizionare in senso negativo il tono dei messaggi. Vero è che siamo segnati da Dante («Per me si va nella città dolente, per me si va nell’eterno dolore, per me si va tra la perduta gente... Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate»), ma non si capisce perché si debba sempre mettere in guardia gli altri spaventandoli. «Attenzione: se fumate a letto, la cenere che cadrà potreste essere voi» è scritto dietro la porta delle camere, in un albergo francese.
Già più comprensibili sono gli avvertimenti ai malintenzionati. Francesco Piccolo, narratore e sceneggiatore, segnala il cartello sulla porta d’ingresso dei supermercati o nei negozi: «Si avvisa la spettabile clientela che i prodotti sono protetti da un sistema di allarme». E commenta: «Ci chiamano “spettabile” intanto che ci dicono: siete dei ladri, ma state attenti che vi becchiamo» (da Momenti di trascurabile felicità, ed. Einaudi).
Infine, ad Acqui Terme, in Via Ghione, un cartello commovente: Porta allarmata. Fa tenerezza una porta, quando diventa umana. Volevano dire dotata di allarme e non si sono resi conto che quel participio passato manda un messaggio alla rovescia. Si è tentati di entrare per dire alla porta, come a una bimba che non riesce a prendere sonno: «Non aver paura, ci siamo noi».

Ecco come abbiamo alimentato la macchina dell’orrore dell’Isis

In un libro che ripercorre le ore drammatiche dell’attentato a Charlie Hebdo, la direttrice di RaiNews24...

Maffeis, «La Chiesa non può essere vera senza trasparenza»

La comunicazione nella Chiesa sta cambiando preferendo la trasparenza ai nascondimenti. Anche grazie...

Professione vaticanista. Noi, cronisti dell’invisibile

“Cronisti dell’invisibile” è una raccolta di quindici interviste a vaticanisti e operatori dell’informazione...

La famiglia tradizionale esiste ancora, anche se non si dice

Riflessioni a partire da un intervento di Elisa Manna, del Censis, sul tema della Giornata delle Comunicazioni...

Adaline, l'eterna giovinezza

...

   Zerocalcare, che ci fa scendere lacrime di Armadillo
   Comunicare la famiglia, tra difficoltĂ  e nuove opportunitĂ 
   Festival di Perugia: te lo racconto io!
   Moretti, da regista e figlio racconto la bellezza di mia madre
   Creativi, il Web vi attende! Senza censure