Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

mercoledì 01 giugno 2016

Il terrore sulla porta

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 5

lunedì 09 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

Ogni soglia ha il potere di condizionare in senso negativo il tono dei messaggi. Vero è che siamo segnati da Dante («Per me si va nella città dolente, per me si va nell’eterno dolore, per me si va tra la perduta gente... Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate»), ma non si capisce perché si debba sempre mettere in guardia gli altri spaventandoli. «Attenzione: se fumate a letto, la cenere che cadrà potreste essere voi» è scritto dietro la porta delle camere, in un albergo francese.
Già più comprensibili sono gli avvertimenti ai malintenzionati. Francesco Piccolo, narratore e sceneggiatore, segnala il cartello sulla porta d’ingresso dei supermercati o nei negozi: «Si avvisa la spettabile clientela che i prodotti sono protetti da un sistema di allarme». E commenta: «Ci chiamano “spettabile” intanto che ci dicono: siete dei ladri, ma state attenti che vi becchiamo» (da Momenti di trascurabile felicità, ed. Einaudi).
Infine, ad Acqui Terme, in Via Ghione, un cartello commovente: Porta allarmata. Fa tenerezza una porta, quando diventa umana. Volevano dire dotata di allarme e non si sono resi conto che quel participio passato manda un messaggio alla rovescia. Si è tentati di entrare per dire alla porta, come a una bimba che non riesce a prendere sonno: «Non aver paura, ci siamo noi».

I Rio cambiano pelle e cantano gli attentati di Parigi

Un album dai suoni electro-dance che rompe col passato della band. Testi di attualità che spaziano dall'immigrazione...

Le opere di misericordia sono il terreno su cui le religioni possono incontrarsi

Questo papa è un segno dei tempi quando indica alla Chiesa e la mondo la via della misericordia. Intervista...

Comunicazione e misericordia: i giovani incontrano gli autori

Giovedì 19 maggio alle 17.30 la presentazione del libro "Comunicazione e misericordia. Un incontro fecondo",...

"Quali alibi"? La democrazia non ne accetta nessuno

Daniele Silvestri torna con il singolo "Quali alibi". Non risparmia la denuncia alla politica, alla società,...

#matteorisponde e il giornalismo dorme

I giornali vendono sempre meno e i social diventano grandi discariche con “pezzi” di informazione....

   Achille Monteforte: la poesia fatta di angeli maledetti, bestie feroci e oggetti
   Perfetti sconosciuti: quando uno smartphone fa la spia
   Il nuovo spot del Servizio Civile? Realizzalo tu!
   Apple - FBI 1 a 0. La vittoria (per ora) se la aggiudica Apple. È il momento di parlare di "Regolamentazione 3.0
   Carol e Thérese, l'amore nonostante tutto