Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

mercoledì 29 giugno 2016

Gridatelo dai cartelli?

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 6

lunedì 16 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

«Dio c’è». È stata una delle prime scritte infestanti, apparsa sui cartelli stradali quando i graffitari non erano ancora manco spermatozoi.
«Dio c’è»
. Un atto di fede secco, «asseverativo ma poco probativo» avrebbe detto un insegnante. Ma, se «Dio c’è», da qualche tempo qualcuno aggiunge: «Quale?».
È il destino dell’affermazionismo: le frasi lapidarie, dogmatiche, troppo sicure di sé, provocano. E inducono ad attaccare una coda. Che può essere innocua («Dio c’è. A volte basta bussare»), ma più spesso è velenosa: da «Dio c’è… ma non si impegna» a «Dio c’è. Telefonare ore pasti», da «Dio c’è. O ci fa?» alla bellissima «Dio c’è. Ma non sei tu. Rilàssati».
Il negazionismo, che è una reazione all’affermazionismo, ha prodotto persino una leggenda metropolitana, secondo cui la scritta «Dio c’è» indicherebbe “droga nei paraggi” (sarebbe l’acronimo di «Droga In Offerta: Costi Economici»). E non sono poche le battute che irridono tutto ciò che ha a che fare con la fede. Da «Tutti noi abbiamo bisogno di credere in qualcosa. Io credo che tra un attimo mi farò un’altra birra» (letta su una t-shirt) a «Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico la domenica!» (Woody Allen).
La fede va resa semplice, ma, se non tocca il cervello e il cuore, è anche semplice buttarla in vacca. Ha senso dire che «Dio c’è», senza raccontarne i gesti e le parole? Senza trasmettere la gioia di credere in un Dio che è padre nostro?

Un viaggio fotografico alla scoperta del confine

Dal 10 giugno esposte nella Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università Salesiana le foto...

Microsoft: l’innovazione informatica fa bene al volontariato italiano

Il CEO di Microsoft Italia a Roma per presentare il programma di innovazione informatica a servizio delle...

Quei tre, quattro elementi che fanno di “Sofia” il tormentone estivo

...

Serie tv. Ad un certo punto anche la famiglia Mikaelson deve pagare

A maggio chiudono le grandi serie televisive. L'ultima puntata di "the Originals" è sicuramente una...

I Rio cambiano pelle e cantano gli attentati di Parigi

Un album dai suoni electro-dance che rompe col passato della band. Testi di attualità che spaziano dall'immigrazione...

   Le opere di misericordia sono il terreno su cui le religioni possono incontrarsi
   Comunicazione e misericordia: i giovani incontrano gli autori
   "Quali alibi"? La democrazia non ne accetta nessuno
   #matteorisponde e il giornalismo dorme
   Achille Monteforte: la poesia fatta di angeli maledetti, bestie feroci e oggetti