Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

sabato 05 settembre 2015

Gridatelo dai cartelli?

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 6

lunedì 16 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

«Dio c’è». È stata una delle prime scritte infestanti, apparsa sui cartelli stradali quando i graffitari non erano ancora manco spermatozoi.
«Dio c’è»
. Un atto di fede secco, «asseverativo ma poco probativo» avrebbe detto un insegnante. Ma, se «Dio c’è», da qualche tempo qualcuno aggiunge: «Quale?».
È il destino dell’affermazionismo: le frasi lapidarie, dogmatiche, troppo sicure di sé, provocano. E inducono ad attaccare una coda. Che può essere innocua («Dio c’è. A volte basta bussare»), ma più spesso è velenosa: da «Dio c’è… ma non si impegna» a «Dio c’è. Telefonare ore pasti», da «Dio c’è. O ci fa?» alla bellissima «Dio c’è. Ma non sei tu. Rilàssati».
Il negazionismo, che è una reazione all’affermazionismo, ha prodotto persino una leggenda metropolitana, secondo cui la scritta «Dio c’è» indicherebbe “droga nei paraggi” (sarebbe l’acronimo di «Droga In Offerta: Costi Economici»). E non sono poche le battute che irridono tutto ciò che ha a che fare con la fede. Da «Tutti noi abbiamo bisogno di credere in qualcosa. Io credo che tra un attimo mi farò un’altra birra» (letta su una t-shirt) a «Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico la domenica!» (Woody Allen).
La fede va resa semplice, ma, se non tocca il cervello e il cuore, è anche semplice buttarla in vacca. Ha senso dire che «Dio c’è», senza raccontarne i gesti e le parole? Senza trasmettere la gioia di credere in un Dio che è padre nostro?

Il giornalismo secondo Maggioni. Verso una riforma delle notizie Rai

Nel suo ultimo libro, Monica Maggioni, neo-presidente della tv pubblica, auspica un’informazione di...

Ecco come abbiamo alimentato la macchina dell’orrore dell’Isis

In un libro che ripercorre le ore drammatiche dell’attentato a Charlie Hebdo, la direttrice di RaiNews24...

Maffeis, «La Chiesa non può essere vera senza trasparenza»

La comunicazione nella Chiesa sta cambiando preferendo la trasparenza ai nascondimenti. Anche grazie...

Professione vaticanista. Noi, cronisti dell’invisibile

“Cronisti dell’invisibile” è una raccolta di quindici interviste a vaticanisti e operatori dell’informazione...

La famiglia tradizionale esiste ancora, anche se non si dice

Riflessioni a partire da un intervento di Elisa Manna, del Censis, sul tema della Giornata delle Comunicazioni...

   Adaline, l'eterna giovinezza
   Zerocalcare, che ci fa scendere lacrime di Armadillo
   Comunicare la famiglia, tra difficoltà e nuove opportunità
   Festival di Perugia: te lo racconto io!
   Moretti, da regista e figlio racconto la bellezza di mia madre