Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

mercoledì 17 settembre 2014

Gridatelo dai cartelli?

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 6

lunedì 16 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

«Dio c’è». È stata una delle prime scritte infestanti, apparsa sui cartelli stradali quando i graffitari non erano ancora manco spermatozoi.
«Dio c’è»
. Un atto di fede secco, «asseverativo ma poco probativo» avrebbe detto un insegnante. Ma, se «Dio c’è», da qualche tempo qualcuno aggiunge: «Quale?».
È il destino dell’affermazionismo: le frasi lapidarie, dogmatiche, troppo sicure di sé, provocano. E inducono ad attaccare una coda. Che può essere innocua («Dio c’è. A volte basta bussare»), ma più spesso è velenosa: da «Dio c’è… ma non si impegna» a «Dio c’è. Telefonare ore pasti», da «Dio c’è. O ci fa?» alla bellissima «Dio c’è. Ma non sei tu. Rilàssati».
Il negazionismo, che è una reazione all’affermazionismo, ha prodotto persino una leggenda metropolitana, secondo cui la scritta «Dio c’è» indicherebbe “droga nei paraggi” (sarebbe l’acronimo di «Droga In Offerta: Costi Economici»). E non sono poche le battute che irridono tutto ciò che ha a che fare con la fede. Da «Tutti noi abbiamo bisogno di credere in qualcosa. Io credo che tra un attimo mi farò un’altra birra» (letta su una t-shirt) a «Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico la domenica!» (Woody Allen).
La fede va resa semplice, ma, se non tocca il cervello e il cuore, è anche semplice buttarla in vacca. Ha senso dire che «Dio c’è», senza raccontarne i gesti e le parole? Senza trasmettere la gioia di credere in un Dio che è padre nostro?

Rescom, il primo social network salesiano

Dalla collaborazione tra SDB e FMA, in Brasile sta per nascere il primo social network di ispirazione...

Williams, quell’attore immortale

Tra sgomento e dubbi, all’età di 63 anni muore Robin Williams, premio oscar americano. «Possedeva...

Caro Mondiale, ti scrivo

...

MISNA: l'informazione dal basso per capire il mondo

Dà voce a chi di solito non ce l'ha e in particolare alle donne, offrendo punti di vista che i media...

Ucraina: la violenza è nata da un sogno

Diventare un Paese moderno e libero: da questa speranza è nato il conflitto che sta squassando il paese....

   (Afric)App: dimmi quale usi e ti dirò chi sei
   Mons. Pompili: «la comunicazione ha bisogno di qualità»
   Quando il libro batte la crisi
   Nigeria girls. Quando i media rapiscono l'anima
   La Libreria Editrice Vaticana vola a Varsavia