Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

sabato 19 aprile 2014

Gridatelo dai cartelli?

di Gian Carlo Olcuire

Messaggio anonimo n. 6

lunedì 16 luglio 2012



Disegno di Saul Steinberg

«Dio c’è». È stata una delle prime scritte infestanti, apparsa sui cartelli stradali quando i graffitari non erano ancora manco spermatozoi.
«Dio c’è»
. Un atto di fede secco, «asseverativo ma poco probativo» avrebbe detto un insegnante. Ma, se «Dio c’è», da qualche tempo qualcuno aggiunge: «Quale?».
È il destino dell’affermazionismo: le frasi lapidarie, dogmatiche, troppo sicure di sé, provocano. E inducono ad attaccare una coda. Che può essere innocua («Dio c’è. A volte basta bussare»), ma più spesso è velenosa: da «Dio c’è… ma non si impegna» a «Dio c’è. Telefonare ore pasti», da «Dio c’è. O ci fa?» alla bellissima «Dio c’è. Ma non sei tu. Rilàssati».
Il negazionismo, che è una reazione all’affermazionismo, ha prodotto persino una leggenda metropolitana, secondo cui la scritta «Dio c’è» indicherebbe “droga nei paraggi” (sarebbe l’acronimo di «Droga In Offerta: Costi Economici»). E non sono poche le battute che irridono tutto ciò che ha a che fare con la fede. Da «Tutti noi abbiamo bisogno di credere in qualcosa. Io credo che tra un attimo mi farò un’altra birra» (letta su una t-shirt) a «Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico la domenica!» (Woody Allen).
La fede va resa semplice, ma, se non tocca il cervello e il cuore, è anche semplice buttarla in vacca. Ha senso dire che «Dio c’è», senza raccontarne i gesti e le parole? Senza trasmettere la gioia di credere in un Dio che è padre nostro?

Le app, nuova frontiera del sociale

Il mondo del sociale ha bisogno di nuovi strumenti per coinvolgere il pubblico. Oggi può farlo attraverso...

India. La democrazia più grande al mondo va al voto

Dureranno dal 7 aprile all' 11 maggio le elezioni politiche, cui potranno partecipare 810 milioni di...

Don Àngel: gli educatori non siano “manodopera a basso costo”

Lo spagnolo Àngel Fernández Artime è il nuovo rettor maggiore dei salesiani. E’ stato ispettore...

"Tempo reale", la rivincita di Renga

...

Le confessioni tra i proiettili

«Ho celebrato molti funerali, ma non ne avevo mai visti di simili. Fiumi di fiori, folle immense di...

   Coltivate il bambino che è dentro di voi
   La leggerezza della neve, che affascina Ligabue
   Giovanni Allevi ospite dell'Università Salesiana
   L'Asia guarda al domani dell'informazione
   Bisogna rendere i giovani protagonisti, come insegnava Don Bosco