Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

domenica 24 luglio 2016

Incidenti: 100mila vite salvate in 10 anni

di Nerina Trettel

Gli incidenti stradali restano la prima causa di morte tra i giovani, ma il loro numero cala. Forse le campagne di sensibilizzazione servono davvero a cambiare i comportamenti

mercoledì 25 luglio 2012



Una campagna per la sicurezza stradale della Provincia di Torino

Sono morti 31mila giovani tra i 18 e i 25 anni in incidenti stradali, in Europa, nel solo 2010.
Il dato è stato reso noto dalla Commissione europea in occasione della IV Giornata europea della Sicurezza stradale, che si celebra oggi a Cipro. A questo dato andrebbe aggiunto quello, più difficilmente quantificabile, degli incidenti che hanno provocato lesioni e danni permamenti. E quello che riguarda i tanto amati motorini: in Italia, secondo l'Istat nel 2010 ci sono stati 71.108 incidenti, che hanno causato lesioni a persone, in cui era coinvolto almeno un veicolo a due ruote: sono 1.244 i morti, per lo più giovani, e 85mila i feriti. In generale, secondo la Commissione, il maggior numero di morti li provoca l'automobile (66%), seguono le moto (20%), l biciclette (8%), altri mezzi (4%), le altre vittime sono pedoni.

Gli incidenti continuano dunque ad essere la principale causa di morte per i giovani, ma sedcondo la Commissione Europea, c'è almeno una buona notizia, e di non poco conto:
le campagne lanciate in questi anni per sensibilizzare al problema avrebbero salvato almeno 100mila vite. Il numero dei morti tra i giovani, infatti, è calato del 49% tra il 2012 e il 2010. Il dato incoraggia a continuare il lavoro attraverso le campagne: per prevenire la strage, infatti, ciò che conta di più è il cambiamento dei comportamenti e degli stili di guida personali. Nessuna misura di sicurezza o repressiva può sostituire il senso di responsabilità dei giovani guidatori.

In occasione della Giornata europea sono stati lanciati un video e la nuova pagina Facebook dell'European Younth Forum for Road Safety. "

Occhi al cielo 2. Il ciak ironico torna in sagrestia

Dissacranti e irriverenti, arrivano i nuovi episodi della prima sit-com ambientata in un ufficio parrocchiale....

La cultura Hip Hop tra rabbia, insoddisfazione e creatività

L'Hip Hop nasce in America nei quartieri malfamati del Bronx come risposta ad un ambiente urbano socialmente...

"Il numero 5" e quei ragazzi che scoprono il piacere della lettura

Gabriele Nanni, autore del libro che ha vinto il premio Battello a Vapore nel 2014, incontra gli studenti...

La misericordia ha tanti volti, ma crea unità

Impressioni e pensieri raccolti durante il giubileo della Comunità Salesiana dell'Università Pontificia...

A Roma un musulmano che si converte al cristianesimo può rischiare la vita

Ogni anno ci sono circa 1.100 battesimi di catecumeni che vengono da altre religioni. Ma per l'Islam...

   Perché i poveri perdonano e chiedono perdono
   NOma, la mafia si combatte con il ricordo
   Pace e misericordia: l'eredità delle tre suore italiane uccise in Burundi l'anno scorso
   Il cambiamento viene dalla gente. David Bowie ci credeva
   Natale: meglio un dono oggi che un regalo domani