Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

sabato 04 luglio 2015

Incidenti: 100mila vite salvate in 10 anni

di Nerina Trettel

Gli incidenti stradali restano la prima causa di morte tra i giovani, ma il loro numero cala. Forse le campagne di sensibilizzazione servono davvero a cambiare i comportamenti

mercoledì 25 luglio 2012



Una campagna per la sicurezza stradale della Provincia di Torino

Sono morti 31mila giovani tra i 18 e i 25 anni in incidenti stradali, in Europa, nel solo 2010.
Il dato è stato reso noto dalla Commissione europea in occasione della IV Giornata europea della Sicurezza stradale, che si celebra oggi a Cipro. A questo dato andrebbe aggiunto quello, più difficilmente quantificabile, degli incidenti che hanno provocato lesioni e danni permamenti. E quello che riguarda i tanto amati motorini: in Italia, secondo l'Istat nel 2010 ci sono stati 71.108 incidenti, che hanno causato lesioni a persone, in cui era coinvolto almeno un veicolo a due ruote: sono 1.244 i morti, per lo più giovani, e 85mila i feriti. In generale, secondo la Commissione, il maggior numero di morti li provoca l'automobile (66%), seguono le moto (20%), l biciclette (8%), altri mezzi (4%), le altre vittime sono pedoni.

Gli incidenti continuano dunque ad essere la principale causa di morte per i giovani, ma sedcondo la Commissione Europea, c'è almeno una buona notizia, e di non poco conto:
le campagne lanciate in questi anni per sensibilizzare al problema avrebbero salvato almeno 100mila vite. Il numero dei morti tra i giovani, infatti, è calato del 49% tra il 2012 e il 2010. Il dato incoraggia a continuare il lavoro attraverso le campagne: per prevenire la strage, infatti, ciò che conta di più è il cambiamento dei comportamenti e degli stili di guida personali. Nessuna misura di sicurezza o repressiva può sostituire il senso di responsabilità dei giovani guidatori.

In occasione della Giornata europea sono stati lanciati un video e la nuova pagina Facebook dell'European Younth Forum for Road Safety. "

La sharing economy, per combattere la crisi condividendo esperienze

Dai trasporti al cibo, dal car sharing al social eating: quando attraverso la condivisione ci si apre...

Il Papa ai salesiani, la vostra creatività a servizio dei giovani di “seconda classe”

Quello salesiano è un carisma attuale che deve puntare ad un'educazione di emergenza rivolta ai giovani...

Incontrare un principe, nella città del terremoto

La visita del principe Harry in Nuova Zelanda è stata accolta con curiosità dalle studentesse. Che...

Antartide: il continente alla fine della terra, che ci può salvare dai nostri modelli di sviluppo

La conoscenza di ambienti così fragili e cruciali ci aiuta a capire che il modo in cui viviamo fa male...

L’arcivescovo che sfidò i potenti col Vangelo. L’epistolario inedito di Romero

Un libro curato da Jesús Delgado raccoglie scritti inediti di Mons. Óscar Romero. Un interessante epistolario...

   Expo 2015, Casa Don Bosco guarda al futuro dei giovani
   Sorpresa: i vecchi oratori sono ancora giovani
   Il papa consegna ai giovani un inno d'amore per gli anziani
   In cammino con Celeste e un bagaglio troppo pesante
   È morto Padre De Cillia, il missionario delle mille case