Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

mercoledì 10 febbraio 2016

Gesti di carità per ricordare Papa Giovanni Paolo II

di Dayana Ricciardi

Il Papa presto beato era amico dei poveri e dei sofferenti, degli emarginati e dei bisognosi. La Caritas di Roma propone un modo coerente per celebrare la sua beatificazione

venerdì 29 aprile 2011



Fila di persone per entrare alla mensa dei poveri della Caritas a Roma Termini

In occasione della Beatificazione di Giovanni Paolo II, la Caritas di Roma ha deciso di dedicare al beato il centro d'ascolto e la mensa per i poveri presenti alla Stazione Termini, in via Marsala. Questi servizi sono presenti nella capitale dal 1987 e offrono un prezioso aiuto ai senzatetto, immigrati, gli anziani, i poveri e i malati psichici.  Questa decisione prende atto della grande dedizione di Papa Giovanni per i poveri e gli emarginati, l'affetto e la vicinanza che ha sempre dimostrato per i deboli e i sofferenti. Un semplice gesto, dunque, per ricordare il vescovo di Roma che fin dal 1992, in visita alla mensa di Colle Oppio, dichiarava «L'uomo che soffre ci appartiene. Dinanzi a chi soffre non si può rimanere nè indifferenti, nè inattivi». Un'affermazione questa che ha rappresentato nel corso degli anni, e rappresenta ancor oggi, un monito importante per gli animatori della carità delle diverse diocesi.

Queste strutture Caritas di Roma Termini necessitano ora di un'opera di ristrutturazione per continuare ad offrire servizi dignitosi alle tante persone che sono accolte quotidianamente. Così la Caritas di Roma ha deciso di promuovere una campagna "Amici della Caritas di Roma" per raccogliere i fondi necessari. Ad oggi circa metà della quota prevista è stata raccolta grazie alle donazioni di enti pubblici e privati. La campagna prevede di dedicare alla causa le offerte eccedenti ai costi dell'organizzazione degli eventi legati alla beatificazione di Giovanni Paolo II. In particolarre in ocassione della veglia di preghiera, delle celebrazioni eucaristiche, del concerto promosso da Roma Capitale, le offerte raccolte saranno dedicate al progetto di ristrutturazione. Inoltre sarà possibile contribuire attraverso sms solidali dal 30 aprile al 20 maggio, un servizio a cui hanno aderito tutti i gestori di telefonia fissa e mobile.

Per ricordare e celebrare un papa che ha dimostrato come essere cristiano voglia dire soprattuto essere al servizio del più bisognoso, non c'è modo migliore che diventare artefici di  iniziative di carità.

Pace e misericordia: l'eredità delle tre suore italiane uccise in Burundi l'anno scorso

È stata inaugurata una cappella a Kamenge, nella parrocchia in cui erano impegnate. Un invito alla riconciliazione...

Il cambiamento viene dalla gente. David Bowie ci credeva

Anche se non amava esporsi sul fronte della solidarietà, la star era impegnata su più fronti. Grazie...

Natale: meglio un dono oggi che un regalo domani

Il regalo è uno scambio, il dono è incontro e relazione. Per questo lo shopping stressa. Ciò di cui...

Sopravvissuta per errore, credo che il futuro sia nel dialogo. Anche in Rwanda

Vent'anni dopo il genocidio dei Tutsi, il conflitto è ancora aperto, ma una nuova generazione crede...

L’integrazione? Ce la insegnano gli ospedali

Tre celebri fotografi visitano le strutture sanitarie italiane del sud, centro e nord del Paese raccontando...

   La famiglia va guardata con misericordia e tenerezza
   B-corporation: quando business e sociale si incontrano
   Famiglia, malata d’Europa. Sostenerla è compito civile
   Fannulloni o scoraggiati? Così i Neet invadono l’Italia
   Shanghai tra crescita e contraddizioni: alla scoperta della "Perla d'Oriente"