Young4Young
Facolta' di Scienze della Comunicazione Sociale

sabato 30 aprile 2016

GMG 2011. Madrid è più ricca di prima

di Gabriele Beltrami

Dopo la Giornata Mondiale della Gioventù, si tirano le somme dell'evento: la Spagna ne esce confermata nella fede e rinsaldata nelle finanze. Grazie ai papaboys da tutto il mondo.

venerdì 26 agosto 2011



Una immagine della veglia a Cuatro Vientos, alle porte di Madrid

Caldo, tanto e afoso e qualche basilare disservizio; un milione e mezzo di persone in giro per tutta Madrid; l'ombra di un albero ricercata come ancora di salvezza assieme all'acqua; la gioia incontenibile dei giovani che si incontrano per le strade; la fede, anche piccola, nel cuore di ognuno, che supplisce al fisico esausto. Ecco alcuni degli ingredienti basilari della XXVI edizione della Gionata Mondiale della Gioventù di Madrid, in Spagna.

Chi l'ha vissuta, come me, in prima persona, per le "calles" e "plazas" della capitale iberica, sa di cosa sta parlando, ed ogni elemento citato è legato a ricordi indelebili.
Al grido di: «Esta es la juventud del Papa!», i giovani da tutto il mondo hanno ribadito la voglia di esserci, di farsi sentire, di non cedere alle troppo facili, generiche e fredde conclusioni che li vedono girovaghi persi in questo mondo.
Piuttosto essi si riconoscono come pellegrini: ecco la parola che meglio potrebbe definirli. Il vissuto di ciascuno, in queste giornate madrilene, mostra il volto di una Chiesa viva e non defunta o sepolta, e ciò anche nonostante le aperte critiche, espresse durante i giorni della visita del Papa, da alcuni gruppi di cittadini ed attivisti spagnoli.

Un arricchimento indubbio, perciò, nell'ambito spirituale, se si ascoltano anche solo alcuni dei 90.000 giovani spagnoli che hanno detto sì all'invito del pontefice, impegnandosi anche come volontari per la buona riuscita dell'evento. La Spagna cattolica vuole risollevarsi e attivarsi su vari fronti, lo si è visto nei mesi trascorsi con la vicenda degli "indignados", ed i giovani ne sono il naturale motore.

Un arricchimento, però, anche per le finanze dello Stato, che è stato stimato a 100 milioni di euro, ma forse anche di più, secondo El Pais, uno tra i principali quotidiani spagnoli. Tra tante misure restrittive, che anche la Spagna sta prendendo per fronteggiare la crisi, questa sembra essere stata la più indolore per il popolo iberico, a parte forse un po' di caos per una settimana, ripagato, ci auguriamo, dai sorrisi, lo spirito di sacrificio, le canzoni e la voglia di celebrare la vita regalati dai giovani di tutto il mondo.

La misericordia ha tanti volti, ma crea unità

Impressioni e pensieri raccolti durante il giubileo della Comunità Salesiana dell'Università Pontificia...

A Roma un musulmano che si converte al cristianesimo può rischiare la vita

Ogni anno ci sono circa 1.100 battesimi di catecumeni che vengono da altre religioni. Ma per l'Islam...

Perché i poveri perdonano e chiedono perdono

La misericordia è probabilmente il bisogno essenziale, l'attesa più profonda dei poveri. Riflessione...

NOma, la mafia si combatte con il ricordo

Nasce un'app che ci guida nei luoghi degli attentati mafiosi, raccontandoci le storie di chi ha perso...

Pace e misericordia: l'eredità delle tre suore italiane uccise in Burundi l'anno scorso

È stata inaugurata una cappella a Kamenge, nella parrocchia in cui erano impegnate. Un invito alla riconciliazione...

   Il cambiamento viene dalla gente. David Bowie ci credeva
   Natale: meglio un dono oggi che un regalo domani
   Sopravvissuta per errore, credo che il futuro sia nel dialogo. Anche in Rwanda
   L’integrazione? Ce la insegnano gli ospedali
   La famiglia va guardata con misericordia e tenerezza