giovedì 15 aprile 2021
“Dona acqua, salva una vita”: la campagna per l'acqua di Oxfam Italia
di Jesus Padilla Iniguez
Nel mondo, una persona su tre non ha accesso all'acqua pulita. Ecco come partecipare alla campagna lanciata nella Giornata Mondiale dell'Acqua
21 marzo 2021

L’Oxford committee for Famine Relief in Italia promuove la campagna di raccolta fondi “Dona acqua, salva una vita”, dal 7 al 28 marzo, come un modo di rispondere alla pandemia COVID-19 nelle più gravi crisi umanitarie. L'obiettivo, infatti, è assicurare «acqua pulita e servizi igienico-sanitari adeguati a quante più persone possibile, prevenendo un’ulteriore diffusione del virus in paesi del tutto impreparati». La gestione dell’iniziativa interviene durante il mese in cui si celebra il World Water DayLa promozione video della campagna 2021 è sul canale YouTube dell’organizzazione, dove si sostiene che «l’acqua salva la vita, ma può portare morte quando manca, quando è troppa, quando è inquinata e facilita il diffondersi del coronavirus e di altre gravi epidemie». 

 

 

Perché fare oggi una campagna sull’acqua?

I dati dell’ONU pressi dall’Oxfam Italia confermano che, mentre la pandemia da coronavirus sta mettendo in ginocchio gran parte del mondo, 1 persona su 3 non ha accesso all’acqua pulita, e più di 1 su 2, ovvero circa 2,2 miliardi di persone, soprattutto nei paesi poveri non hanno accesso a fonti d’acqua sicure e oltre la metà della popolazione mondiale (4,2 miliardi di persone) vive senza servizi igienico sanitari adeguati.

L’organizzazione in Italia spiega che «già prima del COVID-19, la carenza di acqua uccideva ogni anno circa 830 mila persone, costrette a bere e lavarsi con acqua sporca o contaminata, con 297 mila bambini sotto i 5 anni – 800 al giorno – colpiti da malattie ed epidemie. Basti pensare che il 50% della malnutrizione infantile era dovuta all’uso di acqua non sicura e servizi igienici inadeguati: 818 milioni di bambini, soprattutto nei paesi più poveri, non avevano neanche la possibilità di lavarsi le mani nella propria scuola».

Secondo l’UNICEF, «tutti hanno il diritto umano ad acqua potabile sicura. Ciò vale per la stabilità e la crisi, nei contesti urbani e rurali e in tutti i Paesi del mondo. Quando i bambini non hanno accesso all'acqua pulita, influisce negativamente sulla loro salute, alimentazione, istruzione e su ogni altro aspetto della loro vita. Le ragazze, le donne e le persone che vivono con disabilità sono particolarmente colpite». Questa considerazione è diventato il sesto obiettivo delle Nazioni Unite nell'Agenda 2030, che include il raggiungimento dell'accesso all'acqua potabile sicura ed economica per tutti entro, appunto, il 2030. Tuttavia, l'attuale livello di investimenti globali è circa un terzo di ciò che è necessario per raggiungere questo obiettivo.

Chi sostiene la campagna?

L’Oxfam è nata in Gran Bretagna nel 1942, oggi è leader mondiale nei progetti in ambito rurale e nel portare acqua e servizi igienico sanitari nelle emergenze. È formata da 20 organizzazioni di Paesi diversi che collaborano con quasi 3.000 partner locali in oltre 90 paesi del mondo. Le sedi di Oxfam sono in Australia, Belgio, Brasile, Canada, Francia, Germania, Giappone, Hong Kong, India, Irlanda, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Olanda, Québec, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti e Sudafrica.

Oxfam Italia non pensa solo sull’acqua, cerca anche di aiutare le donne imprenditrici, come dichiara Tessa Gelisio, ambasciatrice Oxfam Italia dal 2017: «Io sto con Oxfam per la serietà di chi vi lavora e porta avanti i progetti, ma, soprattutto perché amo il metodo che la Onlus applica: sostenendo le donne e le loro imprese, aiutandole a diventare indipendenti e non più legate al sostegno di altri si cambia il mondo. Quelle donne si impegnano a fare la differenza, a creare un futuro e ad aiutare non solo la propria famiglia, ma anche la comunità in cui vivono, offrendo ad altri lavoro e la possibilità concreta di uscire dalla povertà. Quando si uniscono, le donne possono davvero fare la differenza!».

Come si può aiutare? Ecco la call to action

Fino all’ultima domenica di marzo sarà possibile offrire un piccolo, ma prezioso contributo con un SMS solidale o chiamata da telefono fisso al 45584. Donando 2 euro sarà possibile purificare 200 litri di acqua, sufficienti al fabbisogno settimanale di una famiglia “in emergenza”, per bere, lavarsi e cucinare.

Con 5 euro sarà possibile fornire un recipiente (bucket) per trasportare e conservare in modo pratico e sicuro l’acqua purificata, a riparo da germi e batteri; invece con 10 euro sarà possibile fornire un kit di emergenza completo ad una famiglia, che oltre a bustine purificanti e ad un recipiente sterile, contiene sapone disinfettante e detergenti, asciugamani e oggetti per la pulizia personale.

Foto di copertina: Oxfam Italia 

21 marzo 2021
di Andrea Santoni
Il segretario generale della Fondazione De Agostini, Marcella Drago, racconta a Young4Young il progetto "Compiti@casa": realizzato in collaborazione con l’Università di Torino e rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado con difficoltà di apprendimento
14 apr 2021
Emergenza fame: per Fao e Wfp è urgente un'azione umanitaria
di Jesus Padilla Iniguez
Il rapporto “Hunger Hotspots” segnala l’allarme congiunto della Fao e del Programma alimentare mondiale (Nobel per la pace 2020). Occorre intensificare gli aiuti ai congolesi residenti in zone di crisi
14 apr 2021
di Andrea Santoni
È lo slogan della "Giornata nazionale per la donazione di organi e tessuti", che si celebra domenica 11 aprile. Promossa del ministero della Salute e dal Centro nazionale trapianti per sensibilizzare i cittadini a donare, nonostante la pandemia
10 apr 2021
Heidelberg, la città che non vuole inquinare
di Paolo Rosi
Il trasporto pubblico efficiente, una fitta rete di ciclabili, autobus a idrogeno, auto elettriche: le scelte di una città tedesca futuristica, emblema di una direzione politica intrapresa dall’UE
9 apr 2021
Diritti umani, altra vittima del Covid-19
di Marc-Auguste Kambiré
Oltre alle guerre e alle discriminazioni, alla base delle violazioni quotidiane dei diritti umani nel 2020 si è aggiunta la pandemia Covid-19, con misure prese dai governi per contenere la diffusione del virus che spesso sono state un pretesto per la violazioni dei diritti. Dall'ultimo Rapporto di Amnesty international
8 apr 2021