lunedì 17 maggio 2021
"Donare è una scelta naturale": non solo un'idea
di Andrea Santoni
È lo slogan della "Giornata nazionale per la donazione di organi e tessuti", che si celebra domenica 11 aprile. Promossa del ministero della Salute e dal Centro nazionale trapianti per sensibilizzare i cittadini a donare, nonostante la pandemia
10 aprile 2021

L'obiettivo è chiaro: «in tale giornata le amministrazioni pubbliche assumono e sostengono, nell’ambito delle rispettive competenze, iniziative volte a favorire l’informazione e la promozione della donazione di organi finalizzata al trapianto, come disciplinata dalle vigenti disposizioni». Con queste parole si conclude il decreto 21/01/2021, firmato dal Ministro della Salute Roberto Speranza, che ha sancito che quest’anno la 24ma Giornata nazionale delle donazioni di organi e tessuti sarà domenica 11 aprile. L'importanza della Giornata è evidente.

Covid-19: un grande ostacolo

La pandemia ha influito sulle pratiche di donazioni; proprio per questo lo stesso ministero della Salute e il Centro Nazionale trapianti (Cnt), in collaborazione con altre associazioni legate al settore, sono scese in campo con un’intensa campagna, al via dal 6 aprile scorso, “Donare è una scelta naturale”. Un appello importante e impegnativo per porre la massima attenzione sulla situazione di oltre 8.500 persone in attesa di trapianto.

Il Cnt ha così spiegato la situazione: «in un momento in cui la pandemia sta rendendo molto più complicato il lavoro delle terapie intensive, riducendo di conseguenza i prelievi di organi e anche i trapianti, diventa ancora più fondamentale il consenso dei cittadini alla donazione. Ad oggi sono quasi 9 milioni e mezzo le dichiarazioni di volontà registrate nel Sistema informativo trapianti, di cui 7 milioni di ‘sì’ e 2 milioni e mezzo di ‘no’: le opposizioni restano ancora molto alte, e nei primi 3 mesi dell’anno, a fronte di 628mila nuove dichiarazioni raccolte dalle anagrafi comunali al momento del rinnovo della carta d’identità, i ‘no’ sono stati ben 200mila, il 33,2%».

I dati sottolineati dal Cnt, ripresi da Quotidiano sanità.it, sono rilevanti e aprono una strada rilevante sull’importanza che l’informazione ha in questo momento. La campagna nazionale punta proprio su questo: ridurre le fake news a riguardo e descrivere la donazione come una scelta naturale, che non porta il pericolo di nessuna minaccia, visto che essa avviene dopo la morte, portando benefici assoluti a persone bisognose.

 

L'importanza di sensibilizzare

La grande attività di sensibilizzazione e informazione è partita non solo attraverso il sito web www.sceglididonare.it; le reti Rai, grazie al sostegno di Rai per il Sociale, hanno dato il massimo contributo con servizi e campagne di approfondimento.

In campo social è arrivata una bella iniziativa dell’attore Emilio Solfrizzi, che oltre ad aver prestato la voce ad uno spot radiofonico a riguardo, ha organizzato una campagna proprio sui social network, che vedrà il coinvolgimento degli operatori sanitari, dei pazienti, dei volontari delle associazioni e anche di alcuni volti noti del mondo dello spettacolo.

 

Uno degli spot pubblicati sull'account Facebook di Emilio Solfrizzi

 

Non finisce qui, perché venerdì 9 aprile, l’A.I.D.O. (Associazione italiana per la donazione degli organi, tessuti e cellule), ha organizzato un evento online che ha introdotto proprio alla giornata dell’11 aprile. Uno degli aspetti più interessanti della diretta web, è che il lavoro è stato realizzato in collaborazione con i ragazzi della scuola dell’IIS Ruffini di Imperia, che hanno trasmesso l’evento su Facebook, Instagram e YouTube, sui canali social di AIDO Nazionale, delle Istituzioni nazionali e locali e delle testate che hanno voluto aderire.
I ragazzi dell’IIS Ruffini hanno raccolto testimonianze di persone che hanno sconfitto gravi malattie, sottolineando il ruolo tempestivo delle donazioni, intervistato esperti, quali Massimo Cardillo, direttore del Centro nazionale Trapianti; il professore Mario Nosotti, direttore della Chirurgia Toracica e dei Trapianti di Polmone del Policlinico di Milano, “primo trapianto Covid-19 in Europa”, e interagito con la presidente di AIDO, Flavia Petrin. L’incontro è stato moderato da Sergio Vesconi, responsabile Scientifico dell’organo sociale di AIDO.

 

La donazione di organi e tessuti può avvenire soltanto in seguito a diagnosi di morte, accertata con criteri neurologici...

Pubblicato da AIDO Associazione Italiana per la Donazione di Organi Tessuti e Cellule su Giovedì 8 aprile 2021

 

A.I.D.O. spiega sui social che cosa è una donazione: un modo responsabile di informare.

“Donare è una scelta naturale”, recita la campagna del Ministero della Salute; “una scelta naturale” che ricorda a tutti il vero valore della vita personale e altrui.

10 aprile 2021
Le famiglie monoparentali e quelle senzatetto sono sempre più numerose nel mondo
di Marc-Auguste Kambiré
Nel mondo, l’84% delle famiglie monoparentali sono gestite da donne che soffrono per una protezione sociale molto bassa. La maggior parte di queste famiglie sono senza casa
15 mag 2021
Mappato il gene del SarsCov2: svolta per studiare le varianti
di Andrea Santoni
Il gruppo di ricerca di Manolis Kellis del Massachussets Institute of Technology (Mit) ha identificato la mappa completa e precisa del genoma del virus SarsCov2. Servirà a studiare la funzione dei geni e le loro eventuali mutazioni
13 mag 2021
Il sud Italia riparte dalle Clean Cities
di Paolo Rosi
Tre esempi da tre città del meridione: mobilità sostenibile e riforestazione le proposte ecologiche per segnare una svolta netta
13 mag 2021
Un triste
di Andrea Santoni
Il 3 maggio è stata la 28esima giornata mondiale della libertà di stampa e oltre a osservare il 41° posto mondiale dell'Italia, ultimo in Europa, nella classifica per la libertà di informazione, non sfugge il numero di giornalisti minacciati o uccisi in UE
11 mag 2021
Cura del creato: come la Chiesa ha anticipato l’Agenda 2030
di Jesus Padilla Iniguez
Il magistero della Chiesa insegna, propone e invita alla creazione di itinerari per lo sviluppo sostenibile del Pianeta. E da quasi sei anni anche l’Onu sta lavorando sulla stessa via
9 mag 2021