venerdì 30 luglio 2021
Rischio siccità per le cascate dell'Iguaçu
di Ermanno Giuca
L'Osservatore Romano lancia l'allarme su un patrimonio naturalistico dell'umanità, tra Brasile e Argentina, messo in crisi da una siccità da record
16 maggio 2012

Le cascate dell'Iguaçu, situate sul confine tra lo stato brasiliano del Paranà e la provincia argentina di Misiones, sono a rischio siccità. A lanciare l'allarme è un articolo dell'Osservatore Romano che spiega: «Una siccità da record sta flagellando da mesi le regioni del nord est del Brasile. Ma ora anche le regioni meridionali devono fare i conti con la carenza di acqua, tanto che le famose cascate di Iguaçu, nello Stato del Paraná, hanno ridotto di tantissimo la loro portata».

Le cascate, cuore del Parco Nazionale dell'Iguaçu, dal 1984 sono state designate dall'UNESCO patrimonio dell'umanità e rappresentano una delle più straordinarie fonti di attrazione turistica al mondo. La più grande delle cascate, sopranominata "Gola del diavolo" è profonda 150 metri e lunga 700. «Gli specialisti hanno informato che ieri il getto d’acqua delle spettacolari cascate era di appena 480.000 litri al secondo, equivalenti a circa un terzo del volume normale».
 
A rischio, però, non è solo il sito naturalistico, ma anche una serie di regioni confinanti con esso. «Nel nord est oltre 750 municipi hanno proclamato lo stato di emergenza, che interessa più di quattro milioni di persone in quella che sembra essere la peggiore siccità a memoria d’uomo mai registrata nelle già aride zone del sertão. Gli Stati dove la situazione è più critica sono quelli di Bahia e Pernambuco».

Per fronteggiare l'emergenza i governi locali si stanno attrezzando con sistemi di pioggia artificiale per tutti quei territori nei quali non si sono registrate precipitazioni significative da almeno 8 mesi.

@egiuca

16 maggio 2012
AREA-
Zero emissioni di CO₂: obiettivo raggiungibile
di Paolo Rosi
L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha elaborato un percorso strategico per ridurre le emissioni a zero e limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, non oltre il 2050
12 giu 2021
Se le api sparissero dalla faccia della terra...
di Sara Michielin
Api: una specie fondamentale per l’ecosistema, ma a rischio. Ecco perché urge sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della salvaguardia di questi insetti
8 giu 2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è davvero green?
di Paolo Rosi
Legambiente propone delle modifiche. Greenpeace e Fridays for Future protestano. Il Wwf chiede una revisione. Il bilancio del lato “ecosostenibile” del Pnrr
25 mag 2021
#RespiroNeiParchi: la Giornata europea dei Parchi 2021 all'insegna della biodiversità
di Andrea Santoni
A 112 anni dalla nascita del primo parco nazionale d'Europa, si celebra quest'anno un'edizione particolare della Giornata europea nei Parchi. Focus centrale sulla biodiversità e le pratiche funzionali allo sviluppo sostenibile
24 mag 2021
Fronteggiare la malnutrizione con l’Intelligenza artificiale: una soluzione in Africa
di Jesus Padilla Iniguez
L’ Artificial Intelligence (Ai) offre la possibilità di combattere i problemi di nutrizione e di fame nei Paesi africani.
23 mag 2021