giovedì 21 febbraio 2019
"Werk ohne autor" di Von Donnersmarck, il film che ha diviso pubblico e critica
di Jacopo Balliana e Lia Maria Palmieri
Il regista, famoso per "The Tourist", ha presentato a Venezia il film: una storia emozionante ambientata tra il regime nazista e quello comunista

Kurt è un bimbo che cresce in Germania tra il periodo nazista e quello comunista, perdendo molti familiari a causa della guerra e delle sue ripercussioni. In un clima altamente ostile Kurt, sin da piccolo aspirante pittore e ormai adulto, è alla disperata ricerca di senso e di verità da poter esprimere attraverso la sua arte.

Werk ohne autor di Von Donnersmarck, vincitore del Leoncino d'Oro, è il film in concorso che più di tutti ha suscitato un netto disaccordo tra pubblico e critica: esaltato dall'uno e accolto senza entusiamo dall'altro.

 

Il film si compone come un trittico in cui le prime due parti contrappongono ideali e valori opposti: la visone nazista la prima parte, quella comunista la seconda; tutto ciò veicolato attraverso l'arte visiva, la forma di espressione di senso della vita per il protagonista.

Altresì importante è la relazione con le donne della sua vita, due Elizabeth. Da piccolo la zia, la quale spiccava per un carattere un po' sopra le righe secondo il reich tedesco e per questo verrà internata in un manicomio. La seconda Elizabeth, figlia di un ex kapo delle S.S. e incontrata durante il periodo universitario, porterà a redimere la figura della prima, affiancando il protagonista nel viaggio verso la ricerca di senso, come sua moglie.

 

La peculiarità del film non risiede nella tecnica realizzativa, comunque ben curata (con specifico riferimento a fotografia e costumi), quanto nella trama in se stessa, la quale, aiutata da una buona recitazione degli attori, mantiene viva l'attenzione dello spettatore per tutta la durata del film.
Il regista attraverso questa storia emozionante (tratta da una vicenda vera) incita alla ricerca della via di espressione di sé e del proprio senso di vita: unico modo per fronteggiare i problemi e vivere in piena coscenza e libertà.

 

_________________________________

Regia: Florian Henckel von Donnersmarck

Paese: Germania

Interpreti: Tom Schilling, Paula Beer, Sebastian Koch, Saskia Rosendahl, Oliver Masucci

Sceneggiatura: Florian Henckel von Donnersmarck

Fotografia: Caleb Deschanel

Montaggio: Patricia Rommel, Patrick Sanchez-Smith

Scenografia: Silke Buhr

Costumi: Gabriele Binder

Musica: Max Richter

Suono: Matthias Richter

Effetti speciali: Simon Giles

 

 

15 settembre 2018
AREA-
Quando dire la verità può costare la vita
di Evodio Joao
Nel 2018 nel mondo sono stati 79 i giornalisti uccisi e 251 quelli incarcerati. Il rapporto dell'International press institute. Ma tanti di più, purtroppo, sono quelli minacciati
28 gen 2019
Instagram, la
di Chiara Monaldo
I social network propongono ogni anno nuovi "trend" da seguire, o stranezze da riproporre sul proprio profilo social. Il consenso degli utenti è quasi sempre assicurato!
18 gen 2019
W i Finley e il loro stile, a volte semplice, a volte complesso e magnetico
di Riccardo De Vito
Ma per apprezzarli davvero, bisogna sentirli dal vivo, perché possa scattare l'intesa...
27 dic 2018
X Factor 12: si scrive Anastasio, si legge vittoria
di Andrea Santoni
È Marco Anastasio il vincitore della dodicesima edizione di X Factor. Il restante podio recita Naomi seconda, Luna terza, Bowland al quarto posto.
14 dic 2018
X Factor 12: it's the final countdown
di Andrea Santoni
Giovedì 13 dicembre sarà tempo di verdetti finali. Anastasio, Bowland, Naomi e Luna Melis all'ultimo assalto per il titolo di vincitore
12 dic 2018
i