giovedì 21 febbraio 2019
“I giovani hanno bisogno di un Sinodo che li renda protagonisti e che non si sostituisca a loro”
di Veronica Petrocchi
Secondo Franco Garelli la Chiesa deve avere il coraggio e l’intelligenza di non avere un’attenzione solo generica e di affrontare temi controversi

Il Congresso Internazionale GIOVANI E SCELTE DI VITA: PROSPETTIVE EDUCATIVE, che si è svolto a Roma  dal 22 al 23 settembre  ha visto la partecipazione di oltre 400 studiosi, educatori, religiosi e studenti provenienti dai 5 continenti.

«È stata un’esperienza incredibile potersi confrontare con giovani ricercatori che vivono dall’altra parte del Mondo e capire che l’azione educativa ha senso di esistere solo se calata nell’attualità». Mi risponde con queste parole suor Antonia e leggo nei suoi occhi l’emozione e la gioia di aver vissuto pienamente questi giorni di aggiornamento. Sr. Antonia è un’insegnante, ama “tutti i suoi ragazzi” e questo Congresso le ha regalato «una maggiore consapevolezza di quanto sia fortunata a essere al servizio dei giovani».

L’intervento che ha trovato più stimolante è stato «sicuramente quello organizzato dai docenti della FSC, per l’impatto emotivo e per la novità della tematica. Alcune persone mi hanno confessato di non essere riuscite a dormire ieri notte». Infatti i professori Donato Lacedonio, Fabio Pasqualetti, Cosimo Alvati e Enrico Cassanelli hanno presentato all’assemblea uno spaccato del tutto inedito, ma purtroppo reale, di una generazione complessa e continuamente esposta ai rischi della droga e dell’alcool, trasformati in normalità dai guru dei media.

 

Un altro intervento che suor Antonia ha trovato interessante, tra i tanti, è stato quello del sociologo Franco Garelli dell’Università di Torino. Commentando i dati del Survey Mondiale presentato durante il Congresso dall’Osservatorio Mondiale della Gioventù, ha sottolineato l’importanza dell’educazione salesiana «in un mondo complesso, plurale, in cui coesistono tante verità», che disorienta i giovani nelle scelte.

«I giovani hanno bisogno di un Sinodo che li renda protagonisti e che non si sostituisca a loro, in cui siano meno destinatari, meno utenti», ha detto. «Quella di oggi è una generazione che esce da contesti o troppo protetti o troppo uniformati e quindi la Chiesa deve avere il coraggio e l’intelligenza di non avere un’attenzione generica, ma deve affrontare temi come la bioetica e la sessualità».

Oggi un giovane vive dentro di sé «una serie di tensioni, tra fede e ragione, tra religione e scienza, tra benessere personale e trascendenza». L’azione educativa quindi, deve essere accanto ai giovani e gli educatori, i genitori devono fare esperienza insieme a loro e ascoltare i bisogni, perché altrimenti si rischia di estraniarsi e allontanarsi sempre più dalle nuove generazioni. A conclusione del suo intervento, Garelli ha richiamato «a essere presenti nella sfera pubblica, nelle proposte educative e più propositivi su temi decisivi dell’esistenza».

(La foto in alto è di Lia Maria Palmieri)

25 settembre 2018
AREA-
Come si cambia in 10 anni? Ecco cinque storie e cinque canzoni: cercate la vostra
di Chiara Monaldo
È bello ritrovarsi nelle parole di qualcun altro, immedesimarsi in una canzone, o in un racconto. È bello ascoltare le storie degli altri e magari scrivere la propria
7 feb 2019
Un messaggio da Torre Melissa: sentirsi comunità è ancora possibile
di Mariaelena Iacovone
A pochi giorni dal discorso di fine anno di Sergio Mattarella, in Calabria 51 migranti vengono salvati dai cittadini, che si sono mobilitati spontaneamente.
11 gen 2019
Francesco, i giovani e i quattro punti cardinali
di Rigobert Fumtchum
I giovani si ritroveranno a Panama dal 22 al 27 gennaio per la XXXIV Giornata Mondiale della Gioventù. Dal recente Sinodo e dal magistero, linee guida e indicazioni chiare
10 gen 2019
La partita di Max, che perde sempre. O forse no
di Andrea Santoni
Finire al tappeto non è solamente una sconfitta, ma un'attitudine, una consuetudine a cui abituarsi per rialzarsi sempre più forte
25 dic 2018
Le separazioni ricadono sui figli
di Marta Immarrata
Atteggiamenti corretti ed attenti da parte dei genitori possono ridurre la sofferenza, dando sicurezza
20 dic 2018
i