venerdì 24 maggio 2019
Se non ti ami, non ami
di Chiara Monaldo
La mancanza di autostima e di amor proprio ha conseguenze rischiose. Per fortuna, siamo sempre in tempo per imparare ad amarci

"Ama il tuo prossimo come te stesso", è sì il secondo comandamento, ma è anche una lezione di vita. Infatti questo comandamento contiene la chiave di lettura per imparare ad amare: amare sé stessi

Siamo costantemente alla ricerca di persone che ci amino, e di modi per dimostrare affetto agli altri, questo perché abbiamo una tremenda paura della solitudine. Ma alla fine ci dimentichiamo di amare noi stessi.

Non ci rendiamo conto, però, che dal non amare se stessi scaturisce una sensazione di "non senso" generale, di insoddisfazione. Questo perché non ci sentiamo all'altezza di ciò che ci circonda: non ci sentiamo all'altezza delle altre persone, non ci sentiamo all'altezza delle nostre ambizioni, non ci sentiamo all'altezza delle nostre passioni. 

 

Le conseguenze del poco amor proprio, quindi, sono rischiose! Prima di tutto compromette le relazioni sociali. Non amare sé stessi porta inevitabilmente ad instaurare delle relazioni poco sane all'interno delle quali siamo dipendenti dall'altro, e allo stesso tempo pensiamo di non meritarci l'amore che riceviamo. Per costruire delle relazioni autentiche occorre prima di tutto essere in pace con sé stessi. 

Un'altra conseguenza del non amare sé stessi è l'accontentarsi. Credere di essere inferiori a tutto e a tutti, porta le persone a pensare di non meritare la felicità. Ogni tipo di sogno e di ambizione vengono spenti dalla paura del fallimento, e ci si accontenta di ciò che è facilmente raggiungibile. 

 

Amare noi stessi e farlo nel modo giusto, senza quindi trasformare questo amore in narcisismo o egoismo, è la cosa più difficile da fare.

Per amare sé stessi, come ci insegna la psicologia, occorre eliminare la discrepanza tra il sé reale (come siamo davvero) ed il sé ideale (come vorremmo essere): maggiore è questa discrepanza, minore sarà l'autostima. Ed eliminarla è difficile, ma allo stesso tempo semplice da capire: accettati così come sei. Accetta gli errori che hai fatto in passato, accetta tutte le tue paranoie, le tue ansie, i tuoi sbalzi di umore, i tuoi difetti... E inizia a notare tutti  i pregi e le capacità che hai. 

Siamo sempre in tempo per imparare ad amarci, e ad amare.

 

 

 

 

13 maggio 2019
AREA-
Luca Pozzolini: “Rattrista vedere molti giovani lontani dalla fede, ma...”
di Alexandro Rangga
Il dolore, la conversione, la serenità ritrovata. Storia di una fede riconquistata
23 mag 2019
La famiglia non può essere usata per escludere. Riflessioni dopo il Congresso di Verona
di Maria Grazia Tripi
Quello che poteva essere un dibattito interessante è diventata una battaglia tra due contendenti contrapposti. Ma i credenti sono portatori di una "buona" notizia...
1 apr 2019
Diventeremo tutti cyborg?
di Maria Grazia Tripi
Uno scienziato giapponese, Hiroshi Ishiguro, sostiene che il processo di evoluzione umana consiste nel passaggio dall'organicità all'inorganicità. Ne abbiamo parlato con Cristiana Freni.
12 mar 2019
Il grido della Chiesa Amazzonica va ascoltato
di Roberto Carrasco Rojas
Intervista al Cardinal Hummes, in occasione del seminario “Nuovi cammini per una Chiesa dal volto amazzonico", organizzato dalla Salesiana. Ecco il video.
7 mar 2019
Come si cambia in 10 anni? Ecco cinque storie e cinque canzoni: cercate la vostra
di Chiara Monaldo
È bello ritrovarsi nelle parole di qualcun altro, immedesimarsi in una canzone, o in un racconto. È bello ascoltare le storie degli altri e magari scrivere la propria
7 feb 2019
i