martedì 25 aprile 2017
Anche le scelte più difficili si possono fare in due
di Krzysztof Michal TOMECZKOWSKI
Le storie vocazionali dei religiosi sono molto diverse tra loro. Ci sono perfino quelle in cui il ruolo importante è giocato dalla fidanzata …

Giuseppe ha 28 anni e viene da Lecce, città in cui è vissuto con i genitori e la sorella fino ai 21 anni. La sua è una storia resa speciale da una ricerca della propria vocazione per niente scontata e da una donna che lo amava davvero. Anche se lui dice: «La mia storia è molto normale: un classico ragazzo del Sud Italia, con tanti progetti, sogni… Da sempre portato per lo studio: liceo classico, università, filosofia. Tante passioni, teatro, musica… C’era anche l’esperienza dell’oratorio, che è stato un po’ il filo rosso di tutta la mia adolescenza, ma che non ho mai vissuto come una prospettiva di vita. Io non ho mai pensato di poter vivere tutta la vita da salesiano. Mai, mai! Fino a 21 anni».

Allora cosa volevi fare?

«Avevo altri progetti, mi piaceva il giornalismo o l’insegnamento…»

So che ti piace la musica. Qual è il tuo gruppo preferito?

«A me in generale piace tutto il rock britannico. I Coldplay sono il gruppo che seguo di più, perché mi piacciono molto. E poi c’è la passione per Jovanotti fin da ragazzino, i primi cd, le cassette di mio cugino già nel lontano ‘94… Dei Coldplay mi piace un sacco “A sky full of stars” e “Adventure of a lifetime”… e di Jovanotti adesso mi piace molto “Pieno di vita”, l’ultimo singolo…»

La canti mentre fai la doccia?

«No, non la canto perché sono stonato e non mi piace cantare».

Cosa ti ha portato a fare la scelta di diventare salesiano?

«Paradossalmente proprio con l’università ho vissuto la mia bella crisi di fede. Non c’era un professore che fosse minimamente credente, erano molto critici verso la Chiesa, verso una visione metafisica cristiana. La mia scarsa fede da animatore salesiano nel giro di un semestre crollò miseramente…»

Qualcuno ti ha aiutato, in quel momento?

«Sì, in tutto ciò fu fondamentale la figura della mia ragazza».

Eri fidanzato?

«Ero fidanzato da quattro anni. Volevo lasciare oratorio e fu lei a dirmi: “Lascia stare, aspetta, confrontati con qualcuno, non lasciare l’oratorio, è un servizio che ti può servire…”».

Cosa hai deciso?

«Fidandomi, continuando a frequentare l’oratorio con tutti i miei dubbi, proprio lì ho conosciuto un salesiano, in un turno di esercizi spirituali a cui non volevo nemmeno andare, che mi lasciò inquieto. Come se per la prima volta avessi visto una persona che davvero ci credeva profondamente. Non perché prima non avessi conosciuto altri bravi salesiani, ma quello lì… non so. Aveva una cosa particolare. Col senno di poi dico che il Signore in quel momento me l’aveva messo sulla strada nel momento giusto».

Cosa è successo dopo quell'incontro?

«Poi, passo dopo passo, ricostruii la mia fede. Mi sono reso conto che il Vangelo era molto di più che una lettera morta, una ideologia o un’idea vaga… Mi sono reso conto per la prima volta, a vent’anni superati, che il cristianesimo era una persona viva, Cristo, con cui potevo parlare, che aveva a che fare con la mia vita».

Qualche ricordo particolare di quel periodo?

«Sì. Dopo tutto questo, per la prima volta andai a Valdocco, la casa madre dei salesiani. Ma  la mia fede era ancora molto vacillante. Però, posso dire che proprio lì, ho incontrato per la prima volta Cristo. Mi sono sentito guardato. E mi ricordo proprio il luogo: di fronte al tabernacolo del tempio superiore. Lì ho vissuto per la prima volta la mia Damasco, una botta in fronte, una bella crisi».

Come hai conciliato questo avvenimento con la scelta universitaria?

«Io studiavo la filosofia perché volevo scoprire la verità… e, con un giro assurdo, stavo scoprendo che la verità non era nei libri di filosofia, non era nella fenomenologia, in Schopenhauer, in Kierkegaard, in Nietzsche, in Heidegger, ma era in Gesù di Nazareth!»

E poi?

«Così, passo dopo passo, un animatore salesiano, abbastanza anonimo, come tanti, si è ritrovato a sognare di diventare salesiano di Don Bosco per tutta la vita».

Qual è stata la reazione della tua fidanzata?

«Eh… abbiamo sofferto molto, ma insieme. E lei mi ha dato una grandissima dimostrazione di fede».

Perché? Cosa ha fatto?

«Quando io le dissi, per la prima volta, a dicembre del 2007, che volevo fare un percorso di discernimento vocazionale, lei, che aveva molta più fede di me e un cammino molto più solido, mi disse: “va bene, me ne ero accorta”».

Vi siete lasciati subito?

«No. Mi disse: “finché non sei convinto non ci lasciamo”. Poi aggiunse: “abbiamo condiviso molto insieme, voglio condividere con te anche questo tratto di percorso”. E dopo tre mesi e mezzo fu lei a dirmi: “Guarda, Giusè. Mi rendo conto che ormai il tuo cuore sta da quella parte”».

Era davvero una persona speciale

«Sì. Ma mi disse ancora: “proprio perché io sono convinta di amarti, accetto anche il fatto che la tua felicità non sia con me”. Mi ha dato un enorme dimostrazione non solo di fede, ma anche di amore gratuito, perché mi ha detto: “io ti amo anche se non sei mio”. Io non so se sarei riuscito a dirglielo…»

8 luglio 2016
AREA-
Rap Game: che senso ha la polemica tra Marracash, Guè e Fedez
di Alessio Tiglio
Nel mondo del Rap è abitudine parlar chiaro. Dietro i toni alti della polemica c'è un rimprovero a Fedez e J-Ax: hanno il successo, ma non hanno contribuito a far evolvere il genere
24 gen 2017
Il valore di insegnare, nonostante tutto
di Alessio Tiglio
Inizia un altro anno di scuola, ma insegnare sembra sempre più difficile. Burocrazia, conflitti con le famiglie, solitudine educativa... lo sfogo di un'insegnante che, però, tiene duro
12 set 2016
Walter Lazzarin, scrittore di strada
di Chiara Montesano
Da 2015 gira l’Italia con una macchina da scrivere e le copie del suo ultimo libro, “Il drago non si droga”. Il suo sogno è di riavvicinare gli italiani alla narrativa
2 lug 2016
Il futuro è nell'ebook. O forse no: è nella lettura
di Alessio Tiglio
In Italia la diffusione del libro elettronico è ancora molto bassa, anche se potrebbe avere molti vantaggi. Intervista con Giulio Perrone, docente ed editore
12 giu 2016
Lingue diverse, lavoro comune: è più difficile di quel che sembra
di Armella Muhimpundu
L'Università Salesiana è un ambiente interculturale, in cui lo scambio tra culture è considerato un valore. Ma nella pratica dei lavori in gruppo, la comunicazione non è sempre facile
11 mag 2016