lunedì 29 maggio 2017
Il valore di insegnare, nonostante tutto
di Alessio Tiglio
Inizia un altro anno di scuola, ma insegnare sembra sempre più difficile. Burocrazia, conflitti con le famiglie, solitudine educativa... lo sfogo di un'insegnante che, però, tiene duro

Guardare una situazione da spettatore esterno fornisce sempre un punto di vista più obiettivo e ci conduce a conclusioni diverse. Quando ero studente del liceo vivevo la scuola diversamente, la sentivo opprimente, spesso monotona, e non vedevo l'ora finisse, convinto che avrei potuto finalmente cavalcare il vento della libertà. Eppure ora che sono passati già quattro anni dal mio diploma, ammetto di provare una certa nostalgia. Così, spinto dalla curiosità, sono tornato nella mia vecchia scuola, il liceo Classico e Linguistico Aristofane, che si trova nel quartiere Tufello a Roma. Ero curioso in particolar modo di vedere come fosse cambiato l'ambiente scolastico, sia per i professori sia per gli studenti.

Appena arrivato ho notato subito il cancello principale chiuso invece che aperto come quando ero studente. All'ingresso alcuni dei bidelli raccoglievano documenti dei visitatori esterni, necessari per ricevere un badge ed entrare. Sapevo che l'arrivo della nuova preside aveva portato un irrigidimento del regolamento, ma sono rimasto sorpreso nel vedere che addirittura i professori dovessero indossare il cartellino di riconoscimento. Per il resto potrebbe sembrare sempre la solita scuola, come se nulla fosse cambiato, eppure di cambiamenti ce ne sono stati, non solo nell'organizzazione scolastica.

Incontrando alcuni dei miei vecchi insegnanti ho notato uno sguardo diverso, come di stanchezza, non prettamente fisica, ma mentale, la stessa che ti colpisce quando cedi un po' alla rassegnazione. A questi cambiamenti hanno contribuito anni di politiche scolastiche disastrose, che hanno vessato il corpo docenti, però ultimamente si stanno creando delle crepe anche nel rapporto con gli studenti, che sembrano aver perso di vista la scuola come luogo di educazione e civiltà.

Mi sono fermato a fare due chiacchiere con la mia insegnante di greco, che ha sempre avuto una pazienza smisurata con me e la mia classe, encomiabile anche per il solo fatto di aver provato a farci tradurre in modo decente una versione. La professoressa L. (per privacy della fonte) mi ha accolto con un gran sorriso, che però ha perso quando ha iniziato a parlarmi della situazione attuale a scuola, di come sia diventato difficoltoso riuscire a gestire i nuovi studenti. Il compito di un insegnante è certamente delicatissimo, perchè si ritrova a essere partecipe del processo educativo di un gruppo di giovani, e capita sempre più spesso che si crei del contrasto con le famiglie.

Nel momento in cui un ragazzo viene punito a scuola, per essersi comportato male, la normalità prevede che poi venga rimproverato a casa, ma L. mi racconta che un insegnante che punisce un ragazzo (con una nota ad esempio), deve aspettarsi la visita dei genitori che lo difenderanno a spada tratta. La scuola non riesce a rendere responsabili studenti e genitori, e di conseguenza insegnare in un clima di conflitto diventa praticamente impossibile. Certo non sarebbe corretto dire che durante i miei anni di liceo eravamo tutti disciplinati, ma sicuramente questo fenomeno era meno diffuso.

Anche altri insegnanti mi hanno raccontato di aver perso un po' la passione che avevano a inizio carriera, quell'entusiasmo che rende possibile fare questo lavoro, il divertimento di trasmettere conoscenza alle nuove generazioni. Addirittura la professoressa L. conclude la nostra conversazione raccontandomi che l'anno scorso è stato il primo in cui si è messa a calcolare quanto tempo le resta prima di andare in pensione. Mi saluta con il sorriso con cui mi aveva accolto e rivolge la sua attenzione ad una studentessa, seduta vicino a noi, che aveva bisogno di aiuto con una versione di greco. Anche se non era la sua ora di lezione si è dedicata a lei volentieri, a dimostrazione del fatto che quel desiderio di insegnare non si è ancora esaurito.

12 settembre 2016
AREA-
Facevo giornalismo d'inchiesta, ho dovuto scappare. Ma ne valeva la pena
di Gideon Ombaba OMBWORI
Intervista con John Mwangi, arrestato e minacciato per le sue inchieste sul traffico di armi e di droga in Kenya ed ora rifugiato in Italia
28 mag 2017
La Chiesa combatte gli abusi anche con la formazione
di Koffi Xolali Dadale
Contro gli abusi sui minori esistono direttive, commissioni, tribunali, progetti di Ong. Ma per prevenirli serve formazione. Intervista con Don Giulio Nordjoe, della diocesi di Atakpamé, in Togo
19 mag 2017
Chi ha detto che il Latino è una lingua morta?
di Donald Hyacinthe OUALY
Ancora oggi ci mette in contatto con chi ha cercato, prima di noi, risposte ai problemi della vita. Intervista con Miran Sajovic
15 mag 2017
Colombia. Una pace imperfetta è meglio di una guerra perfetta
di Jeison Andrey Salguero Roa
I recenti accordi di pace sono stati una svolta fondamentale, ma il vero lavoro - costruire giustizia sociale - comincia adesso. Intervista con Mons. Luis Augusto Castro
8 mag 2017
L'Europa svolta a destra. La sinistra è in crisi?
di Giorgio Marota
Estremismi e populismi dilagano nel vecchio continente, mentre i socialisti perdono consensi e voti ovunque. Il fenomeno e il contesto politico attuale
3 mag 2017