venerdì 22 settembre 2017
Africa. Un nuovo passaporto, per diventare più liberi e forti
di Armella Muhimpundu
È in corso i Ruanda il summit dei Capi di Stato e di Governo dell'Unione Africana. Si discute di diritti umani e si cerca di dare corpo alla renaissance del continente

Dal 10 luglio al 18 luglio del 2016, il Ruanda ospita il 27esimo summit dei Capi di Stato e di Governo dell'Unione Africana (AU) per discutere del tema “2016: l’anno dei diritti umani con particolare attenzione ai diritti delle donne”. Il summit è iniziato con la 32esima sessione ordinaria del Comitato dei rappresentanti parlamentari (PRC) al Kigali convention center (KCC), dove gli ambasciatori degli Stati dell'Unione Africana, che costituiscono il PRC, hanno discusso e messo a punto un'agenda definitiva, che è stata consegnato al Consiglio esecutivo per la sua adozione.


Oggi, 13 luglio 2016, è iniziata la 29esima sessione ordinaria, dove i ministri degli Affari esterni e altri ministri o autorità designati dai governi membri dell'Unione Africana (AU) hanno deliberato sui diversi rapporti riguardanti gli incontri organizzati dalla commissione dell'Unione negli ultimi sei mesi.

La 27esima sessione ordinaria dei Capi di stato e governi, è programmata per il 17 e il 18, alla presenza di NKOSAZANA Dlamini-Zuma, presidente della commissione del Unione Africana (AU), di Erastus Mwencha, il vicepresidente, e degli 8 commissionari del AU .  


Durante il summit , è programmata l’inaugurazione del passaporto dell'Unione Africana, un progetto fondamentale per l'Agenda africana del 2063: la prospettiva è quella di facilitare il libero movimento di persone, beni e servizi in tutto il continente, con la finalità di favorire lo scambio intra-Africana, l'integrazione ed lo sviluppo socio-economico. Il presidente del AU, Dlamini Zuma, ha descritto questa iniziativa come simbolica e significativa, definendola un passo fermo verso gli obiettivi degli Africani di creare un'Africa forte.   Le diverse discussioni di gruppo che si terranno saranno basate sulla ricerca dei mezzi adeguati per permettere al cittadino africano di contribuire al raggiungimento degli obiettivi del Agenda 2063. I quali sono:

  • Un'Africa prospera, basata su una crescita inclusiva ed uno sviluppo sostenibile.
  • Un continente integrato, politicamente unito, basato sugli ideali del Panafricanismo e sulla visione della renaissance africana.
  • Un'Africa caratterizzata da un buon governo, democrazia, rispetto dei diritti umani, della giustizia e delle norme della legge.
  • Un'Africa pacifica e sicura.
  • Un'Africa con una forte identità culturale, un eredità comune di valori e etiche.
  • Un'Africa dove lo sviluppo è guidato dalle persone, appoggiandosi sul potenziale offerto dalle persone stesse, specialmente donne e giovani, proteggendo i bambini.
  • Un'Africa forte, unita; un giocatore, partner influente e globale.
13 luglio 2016
AREA-
Legge sulla tortura: positività e critiche
di Giorgio Marota
Approvato alla Camera il ddl sul reato di tortura in Italia, dopo 4 anni di modifiche, discussioni e rinvii e dopo un dibattito che va avanti da più di 30 anni. Secondo molti però è una legge incompleta
7 lug 2017
Amazzonia. Continua la battaglia degli indigeni contro lo sfruttamento del petrolio
di Roberto Carrasco
Nel 2009 i Kichwa hanno bloccato le navi sul fiume Napo, per cercare di fermare l'inquinamento e la morte. Ma da allora ben poco è cambiato
31 mag 2017
Turchia e Olanda: la crisi continua
di Alessio Tiglio
L'Europa compie sessant'anni e sono stati sessant'anni senza guerra. Ma non senza conflitti: l'ultimo, ancora in corso, non sappiamo dove porterà
24 mar 2017
Adotta un treno e coloralo!
di Redazione online
Con il concorso “Adotta un treno” Atac decorerà sei vagoni della metro di Roma con i disegni di 60 bambini delle scuole elementari
5 mar 2017
Più diritti alle donne e più investimenti sul capitale umano: così l'Africa crescerà
di Armella Muhimpundu
Si è concluso il 27esimo summit dell'Unione Africana che si è svolto in Rwanda. Ecco le priorità che sono emerse
21 lug 2016