martedì 25 luglio 2017
L'invito di Pietro Grasso ai giovani: «Costruite una società migliore»
di Giorgio Marota
Il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha inaugurato l'Anno Accademico dell'Università Salesiana con una prolusione dal titolo "Educare alla legalità e ad una cittadinanza attiva e responsabile"

«In una società che costringe all’individualismo e propone una cultura dell’egoismo, i giovani hanno la responsabilità di fare scelte orientate al bene comune». Con queste parole, il Presidente del Senato, Pietro Grasso, ha inaugurato la sua prolusione in occasione della Solenne Inaugurazione dell’Anno Accademico dell’Università Pontificia Salesiana di Roma. Un intervento dal titolo “Educare alla legalità e ad una cittadinanza attiva e responsabile”, in cui il Presidente ha invitato i giovani a prendere coscienza del proprio ruolo nella vita politica, ritrovando così una fiducia nella classe dirigente che oggi sembra scomparsa.


Legalità come rispetto delle leggi, ma anche come difesa dei diritti sociali del cittadino quali istruzione, salute, uguaglianza, giustizia, pace e tolleranza. Secondo Grasso è impossibile parlare di legalità sottraendole la sua dimensione etica; del resto, per il Presidente, è lo strumento principale per misurare la democrazia di un Paese: «È la forza dei deboli, il baluardo contro soprusi e corruzione». Partendo dalla sua esperienza come magistrato e Procuratore nazionale antimafia, Grasso ha sottolineato come resti fondamentale l’apporto delle nuove generazioni: «Quando per la prima volta combattemmo la mafia furono tanti giovani a darci la forza di andare avanti. Per questo dico che i ragazzi non devono abbattersi alle prime difficoltà, ma è anche vero che hanno bisogno di maestri e di testimoni. Maestri per insegnare e per guidarli nel percorso della vita, testimoni per dimostrare coi fatti che una vita nel rispetto del prossimo e del bene comune è ancora possibile».


In questo assume una valore fondamentale l’informazione. Quella corretta, che “forma” la coscienza del cittadino e lo aiuta nelle scelte e nella capacità di discernimento: «La conoscenza è sempre figlia della partecipazione - ha raccontato Grasso -  L’educazione civica è infatti l’investimento più vantaggioso per un Paese. Solo con questa consapevolezza si assottigliano le distanze tra la società e la politica, si producono diritti, opportunità, benessere e coesione sociale».


Pietro Grasso ha chiesto ai giovani di dire no alla corruzione, all’evasione fiscale, al finanziamento illegale della politica, allo sfruttamento dell’ambiente e degli immigrati. Ad esprimere le proprie idee con forza e convinzione, così come fecero tanti grandi uomini, che dicendo no alla mafia hanno perso la vita, lasciando però ai posteri un grande messaggio di speranza. «È dei giovani la voglia di cambiare il mondo, combattere le ingiustizie e le prepotenze. Auguro perciò ai ragazzi e alle ragazze di avere coraggio, di non avere paura e di impegnarsi nella costruzione di una società migliore». Di avere fiducia nel futuro, con coraggio e consapevolezza. Grasso lo sa bene, lui che si definisce allievo di un maestro e testimone come Antonino Caponnetto, uno degli eroi simbolo della lotta alla mafia, che poco prima del maxi-processo a Cosa Nostra del 1986 gli disse con solidarietà e amorevolezza paterna: «Vai avanti ragazzo, schiena dritta e testa alta. Segui solo la voce della tua coscienza».


foto di Stefania Postiglione

19 ottobre 2016
AREA-
Il mio impegno per condividere la felicità di essere figli di Dio
di Rigobert FUMTCHUM
Intervista a Padre Nicola Ciarapica, missionario salesiano con 27 anni di esperienza in Africa
29 mag 2017
Le benedizioni del Papa, la carità, le vite della gente: una giornata nell'Elemosineria vaticana
di Donald Hyacinthe OUALY
Perché le persone comperano la benedizione papale su pergamena? Non sarà una specie di superstizione? Ecco le loro motivazioni...
26 mag 2017
Roma, a Termini c'è la nuova Sala Blu
di Giorgio Marota
Nella stazione Termini di Roma è stata inaugurata la nuova sala per fornire assistenza ai viaggiatori con disabilità, ad anziani e a donne incinte. Cos'è e come funziona il servizio di Rete Ferroviaria Italiana
21 mar 2017
Grazie don Franco, per tutto quello che hai fatto per noi
di Alessio Tiglio e Veronica Petrocchi
La Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'UPS ha reso omaggio al suo fondatore, don Franco Lever. Che ha lasciato un segno indelebile in due generazioni di studenti e nei docenti.
12 dic 2016
Simoni, vi racconto l’Italia che ha ancora voglia di cambiare. Senza urlare e con la poesia
di Ermanno Giuca
Rivoluzionario ma senza gridare. Poetico ma anche scomodo e diretto. “Noi siamo la scelta” è un invito ai giovani a non omologarsi al mercato ma a farsi ancora sorprendere e interrogare dall’arte. «Non veniamo al mondo per produrre PIL ma per creare e imparare. È compito di noi cantautori suonare i campanelli di allarme»
27 nov 2016