venerdì 30 luglio 2021
Contro la cybercensura, l'importanza di istituzioni solide
di Sara Michielin e Anatolii Makara
Reporters Sans Frontières lavora contro la cybercensura per garantire istituzioni democratiche, trasparenti e più solide. Anche a livello globale
22 marzo 2021

È da poco trascorsa la Giornata mondiale contro la cyber-censura, il 12 marzo. Si tratta di un'iniziativa di Reporters sans frontières (RSF) per ricordare che internet dovrebbe essere uno strumento di libertà di pensiero ed espressione e accessibile a tutti.

Cos’è la cyber-censura e di cosa parliamo quando citiamo RSF?

"Nei Paesi in cui i mezzi di comunicazione tradizionali sono sotto il controllo del potere, l’unica informazione indipendente può essere trovata su Intenet, diventato anche forum di discussione e rifugio per coloro che desiderano parlare liberamente" RSF

Cyber-censura

Il periodo storico nel quale ci troviamo a vivere è caratterizzato da una continua possibilità di conoscenza quasi illimitata, il tutto grazie allo strumento internet. Le informazioni possono essere messe in circolo in maniera rapida e massicciamente diffusa, portando chiunque ad accedere a dati di qualunque natura in qualunque luogo raggiungibile dalla rete. Una possibilità di conoscenza tale che nelle epoche precedenti era considerata appartenente solo alla fantascienza.

Nonostante ciò, mai come oggi la libertà di far circolare informazioni è così fragile, inoltre, nel mondo, circa una persona su tre non ha accesso alle comunicazioni online.

 
Per cyber-censura si intende il controllo delle informazioni che circolano in rete. Non sono pochi i governi che si impegnano nella manipolazione del flusso delle informazioni. E ciò consiste principalmente nel tenere sotto controllo la stampa, giornalisti compresi, e la diffusione delle informazioni veicolate attraverso quelli che, nella loro neutralità di partenza, potrebbe essere considerati lo strumento di democrazia per eccellenza: i social network. Per mettere in atto la cyber-censura i governi si affidano solitamente a società private. Gli interessi nel promuovere una comunicazione da parte dei grandi media a favore dei governi sono molteplici e legati a interessi politici, economici, e a necessità di sicurezza interna.

Reporters sans frontières

Ed è proprio qui che entra in gioco RSF, un’organizzazione non governativa e no-profit. Fu battezzata così nel 1985 da Robert Ménard. Nasce a Parigi, e oggi ha sedi dislocate in tutto il mondo, con status di consulente delle Nazioni Unite. Lo scopo principale di questa organizzazione è quello di promuovere la libertà di stampa, e ha tra i principi ispiratori anche la Dichiarazione Universale dei diritti umani del 1948, che nell’articolo 19 difende

“il diritto alla libertà di opinione e di espressione” e anche il diritto di “cercare, ricevere e trasmettere” informazioni e idee “indipendentemente dalle frontiere.

RSF agisce attraverso ricorsi alle autorità governative, petizioni, comunicati stampa, campagne promozionali per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e assiste i giornalisti in difficoltà a causa dell'oppressione di alcuni governi. Si fa anche carico di combattere la cyber-censura. L'associazione raccoglie informazioni sullo stato della libertà di stampa nelle diverse nazioni in cui è maggiormente a rischio,  fornendo una mappa qui consultabile. All'interno di questa classifica l'Italia si trova, solo, al 41esimo posto:

RSF italia mappa report senza frontiere cybercensura

RSF ha creato anche il "Netizen Prize" e l'indice dei "Nemici di Internet" che identificano i paesi che censurano il Web in maniera più massiccia.

RSF LES PRÉDATEURS DE LA LIBERTÉ DE LA PRESSE

In alcuni governi la cyber-censura viene messa in atto soprattutto in periodi di elezioni oppure quando si manifestano attacchi terroristici, rivolte o comunque manifestazione di dissenso vers governo, come avviene in Tunisia o in Egitto. Si classificano tra i peggiori la Cina, seguita da Siria e Iran. La Corea del Nord non è monitorata. 

Non mancano le azioni, anche creative, per combattere la cybercensura aggirandola, come testimonia The Uncensored Library in Minecraft.

Restano molte le sfide da affrontare nella lotta alla cyber-censura, soprattutto in un momento delicato per la libertà di stampa come è la pandemia che stiamo affrontando. 
Dal punto di vista governativo il confine tra sicurezza dei cittadini e libertà di stampa rimane molto delicato. Resta, però, la consapevolezza che solo un governo solido e trasparente nel con concedere piena legittimità al diritto d'espressione in tutte le sue forme può definirsi un'istituzione solida e democratica.

22 marzo 2021
Le imprese sociali attraggono sempre di più i giovani
di Marc-Auguste Kambiré
Nel 2016, in nove paesi dell’Europa e dell’Asia centrale, le imprese sociali hanno fornito servizi e prodotti per un valore di 6 miliardi di euro e creato posti di lavoro, soprattutto tra i gruppi sociali più emarginati
19 giu 2021
Zero emissioni di CO₂: obiettivo raggiungibile
di Paolo Rosi
L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha elaborato un percorso strategico per ridurre le emissioni a zero e limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, non oltre il 2050
12 giu 2021
«La povertà educativa è figlia della povertà materiale: e viceversa»
di Andrea Santoni
Intervista a Francesca Bilotta, direttore del Movimento Giovanile di Save The Children Italia. Con lei facciamo il punto sull'Obiettivo 4 dell'Agenda 2030, Istruzione di qualità: come stiamo messi, dopo più di un anno complicato?
10 giu 2021
Se le api sparissero dalla faccia della terra...
di Sara Michielin
Api: una specie fondamentale per l’ecosistema, ma a rischio. Ecco perché urge sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della salvaguardia di questi insetti
8 giu 2021
Togo. Il giovane imprenditore che ricicla carta da cemento
di Marc-Auguste Kambiré
L'incontro con un giovane imprenditore togolese, esempio di imprenditorialità giovanile, che contribuisce a cambiare il modello di sviluppo
6 giu 2021