mercoledì 28 luglio 2021
Salesiani ad Expo. Dai consumi allo sviluppo sulle orme della Laudato Si’
di Ermanno Giuca e Giorgio Marota
“Casa Don Bosco” ha ospitato un pomeriggio di lavori sui temi dell’enciclica di Papa Francesco, Laudato Si’. Presentato il volume “Cura della casa comune. Prospettive per la sostenibilità”
16 ottobre 2015
Lo scorso 13 Ottobre, Casa Don Bosco, il padiglione dei salesiani ad Expo 2015, ha ospitato la conferenza “Il mondo il cui crediamo”, pomeriggio di riflessioni sull’ecologia finanziaria e nuove forme di sviluppo. Ad aprire i lavori sono stati l’avvocato Massimo Melpignano e l’educatore finanziario Antonio Cajelli che hanno messo in scena lo spettacolo “C’era una volta il ueist (food)”, un’irriverente lezione scolastica sull’educazione al consumo critico.

A seguire la tavola rotonda “Creazione in crisi: salvare la casa comune con i dieci comandamenti dell’enciclica Laudato Si”, in cui si sono alternati gli interventi di Don Mauro Mantovani, rettore magnifico dell’Università Pontificia Salesiana, del dott. Nicola Mele, presidente dell’associazione Nuova Costruttività e del vicepresidente dott. Luca Cipriani. In conclusione alcuni giovani studenti universitari hanno dibattuto sui temi dell’enciclica di Papa Francesco Laudato Si', presentando il volume “Cura della casa comune. Introduzione a Laudato Si' e prospettive per la sostenibilità” curato dal prof. Joshtrom Kureethadam. Durante gli incontri l’attrice Paola Caterina D’Arienzo ha interpretato e narrato alcuni tratti dell’enciclica.
16 ottobre 2015
AREA-
Zero emissioni di CO₂: obiettivo raggiungibile
di Paolo Rosi
L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha elaborato un percorso strategico per ridurre le emissioni a zero e limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, non oltre il 2050
12 giu 2021
Se le api sparissero dalla faccia della terra...
di Sara Michielin
Api: una specie fondamentale per l’ecosistema, ma a rischio. Ecco perché urge sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della salvaguardia di questi insetti
8 giu 2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è davvero green?
di Paolo Rosi
Legambiente propone delle modifiche. Greenpeace e Fridays for Future protestano. Il Wwf chiede una revisione. Il bilancio del lato “ecosostenibile” del Pnrr
25 mag 2021