mercoledì 17 aprile 2024
"Kairos", il film che ribalta i concetti di disabilità e di abilità
di Jacopo Balliana
Al Tertio Millenio Film Fest 2018 trionfa il film di Paul Barakat, che ha per protagonista un ragazzo con sindrome di Down, bravissimo attore
17 dicembre 2018

Si è tenuto a Roma dall’11 al 15 dicembre 2018 la XXII edizione del Tertio Millenio Film Fest, il festival del cinema del dialogo interreligioso organizzato dall’Ente Fondazione dello Spettacolo e dalla Rivista del Cinematografo. A partecipare moltissimi registi da diverse parti del mondo e di diverso credo religioso.

A portarsi a casa il premio più alto è stato il film dell’australiano Paul Barakat: Kairos. La trama narra la vicenda di Danny (Chris Bunton), un ragazzo con la sindrome di Down il cui sogno è quello di diventare un pugile per ottenere rispetto dalle persone che gli stanno attorno. Un violento incidente farà cadere Danny e John (Jerome Pride), il suo allenatore, in due diverse crisi che coinvolgeranno le loro rispettive paure. Starà ai due doverle affrontare.

 

Kairos non è un film perfetto, anzi, la sceneggiatura non riesce fino in fondo a tenere in piedi i due luoghi principali della vita di Danny: la palestra e il laboratorio per artisti disabili. Non si avvicina mai veramente alle emozioni che vivono i personaggi dentro questi spazi e non li approfondisce adeguatamente.

Ciò che rende Kairos un film da vedere non è nemmeno il linguaggio tecnico (un buon esercizio di stile), ma la straordinaria capacità del regista di mettere in piedi un film il cui protagonista fosse realmente con la sindrome di Down. Non c’è trucco nella fisionomia di Danny, Chris Bunton è un ragazzo veramente con la sindrome, ma la sua ottima prova attoriale supera qualsiasi apparente disabilità.

In questo sta la forza del film, tutti i ragazzi Down nel film lo sono per davvero, ma la bravura del regista nel saperli trattare come degli attori “normali” (mi si passi questo termine) porta il film a essere un’opera riuscita.

 

Come ha detto Paul Barakat ritirando il premio “questo è un film sull’abilità”, e lo è per davvero, sull’abilità del regista e degli attori che hanno avuto il coraggio di combattere contro un sistema di stereotipi cinematografici che vuole il “diverso” come un ruolo secondario. Paul Barakat ha dimostrato come tutte queste barriere vadano abbattute, perché per poter mettere a frutto il talento bisogna dare la possibilità a tutti di mettersi in gioco.

17 dicembre 2018
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023