sabato 25 maggio 2024
Tra luce e ombra. A Roma la mostra fotografica di Paolo Pellegrin
di Sara Michielin
Sono esposte al Maxxi 150 immagini del grande fotografo italiano, che propongono un cammino fisico e mentale
17 gennaio 2019

In questi giorni è possibile visitare, presso il Museo delle Arti del XXI secolo di Roma, l’esposizione antologica di uno dei maggiori fotografi contemporanei italiani.

In una dicotomia di luce ed ombra, reportage e poesia, la mostra “Paolo Pellegrin. Un’antologia” (MAXXI 07 novembre 2018 - 10 marzo 2019) accompagna il visitatore in un cammino fisico e mentale che si dipana lungo tutto il percorso espositivo. In un dialogo visivo di sorprendente intensità emotiva, l’esposizione si sviluppa in due ambienti cromaticamente antinomici.

 

Il primo spazio, nel quale si è introdotti, è infatti scuro e dominato dal colore nero. In quest’atmosfera vi è una testimonianza fotografica, che ha come intento quello di raccontare l’uomo nella sua più intima fragilità, dimensione che emerge in modo particolare e dirompente all’interno della tragedia, ambito che qui Pellegrin ci consegna in tutta la sua purezza, senza che vi siano addolcimenti o superficialità d’interpretazione. La lettura degli scatti è personale e spesso dolorosa, soprattutto di fronte alle immagini più emotivamente difficili. Ci si trova a riflettere nella propria intimità, sbattuti dinnanzi a tematiche come la guerra, la distruzione, la morte, l’usurpamento della libertà, ma anche dinnanzi alla delicata e amara bellezza dell’essere umano nell’espressione delle sue emozioni più delicate e tormentate.

 

Il secondo ambiente è dominato dalla componente cromatica del bianco e da una luminosità che quasi stordisce l’occhio, ormai abituato alla luce dell’“antro”. Qui viene raccontata una natura profonda e dirompente, che ancora una volta può essere letta in modo antropologico come elemento selvaggiamente vitale contrapposto alla fragilità umana.

Testimonianza della metodica progettualità e della complessità del processo creativo che ha preceduto tali scatti è l’intero corridoio dedicato a contenere gli appunti, i quaderni e gli schizzi dell’autore.

 

Pellegrin è un fotografo autorevole e capace di fondere armonicamente in sé il ruolo di reporter e artista. Rispettoso narratore dell’umana odissea, Pellegrin indaga attentamente gli spazi interiori del comportamento umano, utilizzando in modo fine e penetrante il complesso e potente linguaggio della fotografia, “sollecitatrice della coscienza dell’uomo”.

 

17 gennaio 2019
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023