sabato 28 marzo 2020
Tra luce e ombra. A Roma la mostra fotografica di Paolo Pellegrin
di Sara Michielin
Sono esposte al Maxxi 150 immagini del grande fotografo italiano, che propongono un cammino fisico e mentale

In questi giorni è possibile visitare, presso il Museo delle Arti del XXI secolo di Roma, l’esposizione antologica di uno dei maggiori fotografi contemporanei italiani.

In una dicotomia di luce ed ombra, reportage e poesia, la mostra “Paolo Pellegrin. Un’antologia” (MAXXI 07 novembre 2018 - 10 marzo 2019) accompagna il visitatore in un cammino fisico e mentale che si dipana lungo tutto il percorso espositivo. In un dialogo visivo di sorprendente intensità emotiva, l’esposizione si sviluppa in due ambienti cromaticamente antinomici.

 

Il primo spazio, nel quale si è introdotti, è infatti scuro e dominato dal colore nero. In quest’atmosfera vi è una testimonianza fotografica, che ha come intento quello di raccontare l’uomo nella sua più intima fragilità, dimensione che emerge in modo particolare e dirompente all’interno della tragedia, ambito che qui Pellegrin ci consegna in tutta la sua purezza, senza che vi siano addolcimenti o superficialità d’interpretazione. La lettura degli scatti è personale e spesso dolorosa, soprattutto di fronte alle immagini più emotivamente difficili. Ci si trova a riflettere nella propria intimità, sbattuti dinnanzi a tematiche come la guerra, la distruzione, la morte, l’usurpamento della libertà, ma anche dinnanzi alla delicata e amara bellezza dell’essere umano nell’espressione delle sue emozioni più delicate e tormentate.

 

Il secondo ambiente è dominato dalla componente cromatica del bianco e da una luminosità che quasi stordisce l’occhio, ormai abituato alla luce dell’“antro”. Qui viene raccontata una natura profonda e dirompente, che ancora una volta può essere letta in modo antropologico come elemento selvaggiamente vitale contrapposto alla fragilità umana.

Testimonianza della metodica progettualità e della complessità del processo creativo che ha preceduto tali scatti è l’intero corridoio dedicato a contenere gli appunti, i quaderni e gli schizzi dell’autore.

 

Pellegrin è un fotografo autorevole e capace di fondere armonicamente in sé il ruolo di reporter e artista. Rispettoso narratore dell’umana odissea, Pellegrin indaga attentamente gli spazi interiori del comportamento umano, utilizzando in modo fine e penetrante il complesso e potente linguaggio della fotografia, “sollecitatrice della coscienza dell’uomo”.

 

17 gennaio 2019
AREA-
#iorestoacasa e guardo serie tv. Ecco quelle da non mancare
di Elisa Zuppante
Da "Mad Men" a "1992" a "Homecoming": la quarantena è l'occasione giusta per vedere - o rivedere - quelli che sono ormai dei classici...
14 mar 2020
#Iorestoacasa e leggo libri. Perché non
di Andrea Santoni
Il consiglio di oggi è prendere i quattro libri della Ferrante e provare ad innamorarsene
12 mar 2020
#IoRestoACasa e guardo film. Perché non quelli girati in una stanza?
di Paolo Rosi
Ecco una rassegna all'interno della quale scegliere film che ci aiutino a passare il tempo, senza farci venire voglia di uscire.
11 mar 2020
Once Upon a Time... in Hollywood: comunque vada Tarantino ha già vinto
di Andrea Santoni
Il 18 settembre è uscito in Italia il nono lungometraggio del regista Quentin Tarantino. Ecco qualche considerazione sul suo nuovo lavoro
20 set 2019
di Andrea Santoni
Giovedì 5 settembre 2019 è arrivato nei cinema di tutta Italia il film del pagliaccio più sanguinario e controverso, tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King
5 set 2019
i