domenica 3 marzo 2024
“El Conde”, il Non-morto che sbarca a Venezia 80
di Matilde Laura Gizzi
Un intreccio affascinante che esplora enigmi, trasformazioni oscure e la lotta per la redenzione, offrendo uno sguardo avvincente sulla figura di Augusto Pinochet
31 agosto 2023

Nel suggestivo film diretto da Pablo Larraín, emerge la straordinaria storia di "El Conde", che getta nuova luce sulla figura enigmatica di Augusto Pinochet. Il generale cileno, che ha dominato implacabilmente il Cile dal 1973 al 1990, diviene l'epicentro di uno dei periodi più oscuri del XX secolo, un'era di terrore che culminò nella sanguinosa dittatura e nella tragica perdita di innumerevoli vite innocenti.

Tuttavia, ciò che il film dipinge è un'avventura fantasmagorica: l'immaginario viaggio in cui Pinochet, lontano dall'essere incriminato e confinato agli arresti domiciliari fino alla morte nel 1990, si trasforma in un essere eterno e vampirico. Abbracciando una vita che attraversa oltre due secoli, l'ex dittatore ora risvegliato dall'eternità si trova a dover affrontare una decisione epocale: porre fine alla sua esistenza non-morta una volta per tutte.

È un film metaforico e altamente suggestivo, se non altro per la scelta del bianco e nero. Esprime temi molto cari a Larraín, quei fantasmi che il regista cileno può combattere e vincere narrandoli; un condensato energetico, come quelli del Conde, di vite di personaggi che hanno reso sanguinaria la vita nella storia del Cile.

Pinochet è morto in totale impunità, da milionario e libero. E proprio per questo, penso che la sua figura sia ancora come una macchia oscura sulla nostra società che ci ricorda ogni giorno quanto siamo frammentati e divisi. Probabilmente il principale problema quando si ritrae qualcuno come Pinochet e le persone che lo circondavano è che devi essere molto eloquente riguardo alla sua malvagità. E questo è qualcosa su cui non si può trattare”, ha dichiarato Larraín in un’intervista a Variety

La pellicola sarà disponibile in streaming online su Netflix dal 15 settembre 2023.

31 agosto 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023