mercoledì 17 aprile 2024
Venezia 80. Liliana Cavani e il suo “L’ordine del tempo”
di Matilde Laura Gizzi
L’autrice emiliana de “Il portiere di notte” (1974) partecipa alla Mostra con il suo ultimo film fuori concorso “L’ordine del tempo”, e ritira il Leone d’oro alla carriera in piena forma nei suoi maturissimi 90 anni
1 settembre 2023

Il film di Liliana Cavani, presentato fuori concorso, narra la storia di un affiatato gruppo di amici di lunga data. Ogni anno, si riuniscono in una villa sul mare per celebrare il compleanno di uno di loro. Tuttavia, durante uno di questi incontri festosi, ricevono una notizia scioccante: il mondo, così com'è conosciuto, è minacciato da una possibile apocalisse che potrebbe abbattersi su di loro entro poche ore.

All'interno di quel gruppo di amici, interpretati da attori come Alessandro Gassmann, Claudia Gerini ed Edoardo Leo, la notizia della fine del mondo imminente genera confessioni inattese e riflessioni sul significato e sul ruolo dell'amore; Il tempo che li separa da questo cataclisma, inoltre, sembra scorrere in modo strano, a volte velocemente e altre volte in maniera interminabile.

L’autrice dichiara liberamente poi che la pellicola è ispirata all’omonimo libro del fisico e saggista Carlo Rovelli, e da qui ne trae spunto per affrontare tematiche scientifiche, come il Tempo e un’imminente apocalisse, ma in un modo totalmente inaspettato, quasi con superficialità, anche da alcuni dei protagonisti che rivestono dei ruoli da “scienziati”. Ma è proprio il Tempo il vero protagonista di questo film, attorno cui si muoveranno i personaggi. “Un film sulla paura del tempo futuro, sull’oblio del tempo passato, il Tempo che convive con noi”, spiega la regista.

Oramai il pubblico è abituato alla presentazione di temi come il Tempo e l’Apocalisse totalmente diversa (vedi Don’t look up), ma questo film lancia una sfida molto chiara ai suoi spettatori: sfruttare nel migliore dei modi il tempo - dargli ordine - che si ha a disposizione e confrontarsi con i propri cari sempre “in nome della sincerità”, sia sull’incertezza del futuro che sul passato lasciato alle spalle.

Forse un unico appunto alla scelta della tipologia dei personaggi troppo Radical Chic. Interessante, invece, il dialogo fra Teologia e Fisica quantistica che viene fuori da una suora, brillantemente interpretata da Angela Molina, la quale probabilmente si avvicina ai pensieri della regista, se non altro per la maturità della sua vita.

1 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023