domenica 3 marzo 2024
“Dogman”: sopravvivere alla sofferenza grazie all'amore per i cani
di Matilde Laura Gizzi
Il regista Luc Besson apre il suo commento sul film "Dogman" con una citazione di Lamartine: "Ovunque ci sia un infelice, Dio invia un cane". Dopo un periodo di lontananza dal set, Besson torna al cinema con un nuovo film in lingua inglese ambientato tra la Francia e gli Stati Uniti
3 settembre 2023

Il protagonista di questa storia è Douglas, un giovane ragazzo che è stato abbandonato a 9 anni dal padre, un uomo violento e senza scrupoli. Il ragazzo si ritrova così a vivere in una gabbia per cani, destinati ai combattimenti clandestini.

Douglas trova nella compagnia dei cani una nuova forma di famiglia. Nel corso degli anni, sviluppa un legame di empatia così profondo con questi animali che si trasforma gradualmente in un amore incondizionato, anzi, in qualcosa di ancora più profondo. È grazie a questo affetto sincero dei suoi “bambini” che Douglas trova guarigione e impara a rispondere alla violenza, all'ingiustizia e agli abusi.

Nel trailer, inoltre, si possono vedere chiaramente quanti cani lo accompagnano sul suo furgone quando viene fermato dalla polizia in mezzo alla strada, e Douglas avverte: "Se non fate del male a me, non faranno del male a voi".

L’ispirazione per questo film è scaturita, in parte, da un articolo che ho letto su una famiglia francese che ha rinchiuso il proprio figlio in una gabbia quando aveva cinque anni. Questa storia mi ha fatto interrogare sull’impatto che un’esperienza del genere può avere su una persona a livello psicologico. Come riesce una persona a sopravvivere e a gestire la propria sofferenza? Con Dogman ho voluto esplorare questa tematica. [...] Volevo essere il più onesto possibile nella realizzazione del film. Voglio che proviate dei sentimenti nei confronti del protagonista, di ciò che fa, delle azioni che compie come reazione alla sofferenza che ha patito. Vorrete fare il tifo per lui.” Sono le parole di Besson in merito al suo lungometraggio.

Dogman, infine, è in competizione anche per il Queer Lion, il premio assegnato a Venezia alle opere che affrontano tematiche legate all'identità queer. Il protagonista Douglas, infatti,  esplora il suo amore per i cani attraverso l'atto di vestirsi da donna, affermando anche che gli sono sempre piaciuti  travestimenti, poiché è questo che si fa quando non si conosce bene la propria identità. È proprio questo il dettaglio che anticipa una profonda riflessione sull'identità affrontata dal regista.

3 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023