domenica 3 marzo 2024
“The Killer”: quando l’obiettivo diventa il proprio Io
di Matilde Laura Gizzi
David Fincher, regista di Se7en e Fight Club, sbarca a Venezia con un thriller ispirato all'omonima graphic novel francese scritta da Alexis Matz Nolent.
4 settembre 2023

Non ti fidare, attieniti al piano, niente empatia”. È ciò che si ripete continuamente il protagonista di questo film, un assassino estremamente preciso e senza scrupoli, interpretato meticolosamente da Michael Fassbender. 

È un thriller ricco di azione diviso in 6 episodi che segue quella che è la figura del perfetto assassino, colui che non lascia tracce sulle scene del crimine, sempre attento ad ogni dettaglio e che non lascia spazio a tutto ciò che richiede un coinvolgimento emotivo, perché si sa, l’empatia rende deboli, quindi vulnerabili

Il personaggio interpretato da Fassbender è definitivamente il Killer perfetto, ma l’essere umano è davvero capace di mettere da parte i propri sentimenti? È in grado di adempiere ai propri compiti sempre alla perfezione, non lasciando spazio al minimo errore? Eppure, errare è umano.

Il film di Fincher si presenta con una cura meticolosa riservata ai dettagli, con scene di violenza senza filtri, intervallate, però, da battute umoristiche, utilizzate per smorzare la tensione e rendere il ritmo della narrazione più vivace per mantenere l’attenzione del pubblico. Interessante, inoltre, è la figura femminile interpretata glacialmente da Tilda Swinton, la quale si mostra essere una donna risoluta e consapevole del proprio destino, a cui va incontro con estrema professionalità.

The Killer rappresenta il mio personale tentativo di conciliare la visione che ho da anni delle storie cinematografiche con la maniera di raccontarle"; sono le parole del regista di The Killer, una produzione Netflix che uscirà sulla piattaforma dal 10 Novembre.

4 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023