domenica 3 marzo 2024
The Featherweight: il declino fuori dal ring
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il debutto alla regia di Robert Kolodny porta sul grande schermo il biopic che racconta il tentativo di redenzione personale del pluricampione di pugilato Willie Pep, nel periodo successivo al suo ritiro
5 settembre 2023

Nell’America degli anni 60, l’ormai quarantenne pugile italo-americano Willie Pep si è ritirato da qualche anno. Vivendo un matrimonio difficile, con una moglie molto più giovane di lui e un figlio tossicodipendente, Pep nutre il desiderio di tornare sul ring a 42 anni. Deciso a recuperare la fama, l’ex pugile assume una troupe cinematografica che entra nella sua vita personale, seguendolo in ogni passo della sua giornata, e documentando quello che dovrebbe essere il suo potenziale ritorno.

Il film mira a raccontare il declino simultaneo dell’atleta e dell’uomo. Un pluricampione del mondo di pugilato, che appena si toglie i guanti, viene considerato come una persona qualsiasi  priva di talento. Un declino che lo stesso Pep non accetta, anche quando le persone a lui vicine gli consigliano di trovarsi un'occupazione come una persona qualsiasi. Ha numerosi debiti da soddisfare. 

Una normalizzazione che porta tanto malessere nella vita dell’ex campione, costretto ad affrontare finalmente quelli che sono i problemi che lo avviliscono, problemi che ha evitato nascondendosi dietro la carriera sportiva.

Ed è proprio grazie alla figura di Willie Pep che emerge il prototipo dell’uomo americano degli anni 60, il quale si crogiola nella mascolinità, alimentando così il suo egocentrismo e il suo egoismo. Una vicenda che ricorda tanto un altro pugile, Jake LaMotta, narrato da Martin Scorsese nel suo Toro Scatenato, con un fantastico Robert De Niro.

Le soluzioni tecniche presentano il prodotto come un falso documentario; i toni interpretativi sono notevolmente vicini alla rappresentazione del fanatismo, ma, ciò nonostante, il film è coinvolgente ed estremamente realistico.

5 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023