domenica 3 marzo 2024
“Enea” e la stereotipizzazione della società italiana
di Matilde Laura Gizzi
Pietro Castellitto a Venezia 80 con il suo film in concorso Enea, di cui non solo è regista, ma anche interprete e sceneggiatore
6 settembre 2023

Enea, interpretato da Castellitto stesso, è il protagonista assoluto del film, un giovane ragazzo trentenne che fa di tutto per sentirsi vivo e autentico in una società dove il frivolo diventa di fondamentale importanza. Un'altra figura di spicco è quella di Valentino, interpretato da Giorgio Quarzo Guarascio, è un amico d’infanzia con cui Enea condivide tutti i suoi progetti. Droga e malavita fanno da sfondo e da velo coprente a quelli che sono i problemi reali di una famiglia borghese, all’apparenza perfetta.

Il regista infatti, più che sulla storia dei singoli personaggi, si è focalizzato sulla rappresentazione di quelli che sono alcuni degli stereotipi collegati alla società italiana: Enea è la personificazione del trentenne nato e cresciuto nella borghesia, un personaggio che si presenta come una persona vuota dentro ma che deve rappresentare lo stereotipo del borghese apatico e nichilista, in stile La grande bellezza (Paolo Sorrentino, 2013); suo padre Celeste, interpretato da Sergio Castellitto, è la personificazione dello psicologo esperto nell’aiutare e risolvere i problemi altrui, ma che poi quando si tratta di se stesso e della sua famiglia non sa come agire, quindi si dedica a nascondere costantemente ciò che prova realmente; la madre di Enea, infine, raffigura l’archetipo della donna borghese che riveste un ruolo significativo nell’ambito lavorativo, ma che poi alla fine risulta essere totalmente insoddisfatta di come sta vivendo la sua vita.

Enea è un gangster movie senza la parte gangster. Una storia di genere senza il genere". Sono le parole del regista, volendo dare una definizione di genere al proprio film.

Il film presenta una buona cinematografia, con delle immagini curate che descrivono una situazione ambientale coerente con il livello di società descritto e trova l’irruzione del male e della criminalità, elementi che possono sembrare semplice conseguenza della volontà malavitosa dei protagonisti ma che diventano invece sorprendenti e inaspettate, in contraddizione alle situazioni che si stanno vivendo. D'altro canto, però, la pellicola presenta una cura meticolosa nei dettagli, i quali sono spesso difficili da scovare ma fondamentali per provare ad immaginare come si svilupperanno le azioni dei singoli personaggi. 

I protagonisti sono mossi dal mistero della giovinezza. Non fanno quello che fanno né per i soldi né per il potere, ma forse per vitalità, per testare il cuore, per capire fino a che punto ci si possa sentire vivi oggi, all’alba di questo nuovo millennio, saturo di guerre raccontate e di attentati soltanto visti”, ha continuato poi Pietro Castellitto.

Enea fotografa la borghesia romana, ma non solo, ricca di contraddizioni tra ciò che idealizza e ciò che vuole veramente vivere; la cifra di questa incoerenza è proprio il personaggio di Valentino, il quale vuole essere buono e altruista, ma è in contraddizione con il suo vero lato narcisista e oscuro.

6 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023