mercoledì 17 aprile 2024
"Il confine verde": la frontiera europea dimenticata
di Stefano Sica
Agnieszka Holland racconta il dramma vissuto dai migranti al confine tra Polonia e Bielorussia. Un’opera molto forte, potenzialmente da Leone d’oro, che critica fortemente le politiche d’immigrazione dell’UE
7 settembre 2023

La trama riprende la reale situazione della crisi di profughi che accade da anni al confine tra Polonia e Bielorussia. Numerosi migranti provenienti da Siria, Afganistan, Medio Oriente e dai Paesi dell’Africa arrivano con degli aerei nel paese bielorusso, per poi sperare di trovare un rifugio nell’Unione Europea. Questo enorme flusso è dovuto alla propaganda del dittatore bielorusso Lukashenko, che allo scopo di mettere in crisi l’Europa, attira i profughi promettendo loro un semplice raggiungimento della Polonia, che in realtà risulta poi impossibile. Infatti il governo polacco in carica, di estrema destra, respinge tutti i rifugiati che superano il confine, rispedendoli al mittente convinti che siano un’arma di matrice terroristica usata dalla Russia. In questo continuo limbo si creano delle situazioni disumane nei pochi chilometri di confine, con i migranti che vengono abbandonati senza acqua, cibo e assistenza medica fino a morire.

 

Il film decide di raccontare questo contesto tragico attraverso un coinvolgimento a 360 gradi di tutte le persone che calpestano il confine verde, o per far rispettare la legge o per aiutare i rifugiati. La storia è divisa in 4 capitoli, con molti personaggi che finiscono per intrecciarsi durante lo svolgersi della vicenda. I protagonisti che vengono portati alla luce dello spettatore sono: una famiglia siriana in fuga dall’Isis, un soldato polacco in crisi esistenziale per le sue azioni disumane che è costretto a fare al confine, un gruppo di giovani attivisti intenti a fornire un aiuto ai migranti pur di finire loro stessi in carcere, e infine Julia, una infelice psicologa ferita dalla propria vita che sente l'impulso di aiutare i rifugiati e si unisce agli attivisti.

 

La regista Agnieszka Holland pone il focus sui drammi vissuti quotidianamente dai migranti, con scene molto forti e crude, dipingendo situazioni disumane che colpiscono coinvolgendolo direttamente lo spettatore. Un esempio è l’episodio del bambino annegato in una palude, o dei soldati che lanciano una donna incinta da un furgone su un filo spinato come se fosse un bagaglio scomodo e senza valore; simboli di un’umanità privata di ciò che la contraddistingue: l’umanità. Nei primi minuti di film si vede la ripresa a colori della foresta del confine vista dall’alto, poi la regista sceglie di utilizzare per il resto della pellicola il bianco e nero per accentuare al massimo la drammaticità.

 

Un altro scopo primario della Holland è quello di criticare le politiche di gestione dell’immigrazione dell’Unione Europea, e di sottolineare come quest’ultima sia venuta a mancare in questo territorio. In tal senso, alla fine del film vi è un breve epilogo dove viene mostrata la situazione al confine polacco-ucraino dopo lo scoppio del conflitto con la Russia nel 2022, offrendo una riflessione allo spettatore sulla gestione di entrambe le crisi. Quella di Agnieszka Holland, è una critica aperta all’UE: “L’Europa sta perdendo le proprie convinzioni, ed è preoccupata di uscire dalla sua comfort zone”.

7 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023