sabato 22 giugno 2024
“Io Capitano”, Leone d'Argento all’Odissea contemporanea
di Matilde Laura Gizzi
Miglior regia a Matteo Garrone con “Io Capitano”, un “controcampo” di ciò che vivono i migranti per giungere in Europa dal loro punto di vista. Seydou Sarr, protagonista esordiente, è il vincitore del Premio Marcello Mastroianni
11 settembre 2023

Io Capitano narra la vicenda di Seydou e Moussa (interpretati rispettivamente da Seydou Sarr e Moustapha Fall), due giovanissimi sedicenni che decidono di emigrare in Europa per trovare un lavoro che li possa aiutare a mantenere le famiglie nella loro terra di origine, il Senegal. La loro Odissea vedrà i due cugini affrontare numerose difficoltà, come l’attraversamento del deserto a piedi, la prigionia nelle mani della mafia libica ed infine l’attraversamento del Mediterraneo su un vecchio peschereccio in disuso da anni.

 

Per realizzare il film siamo partiti dalle testimonianze vere di chi ha vissuto questo inferno e abbiamo deciso di mettere la macchina da presa dalla loro angolazione per raccontare questa odissea contemporanea dal loro punto di vista, in una sorta di controcampo rispetto alle immagini che siamo abituati a vedere dalla nostra angolazione occidentale, nel tentativo di dar voce, finalmente, a chi di solito non ce l’ha”; si è espresso così il regista Matteo Garrone in merito al suo film.

 

Non è la prima volta che troviamo Garrone a narrare le vicende dei migranti e le loro difficoltà nel raggiungere i propri sogni residenti in Europa (i suoi primi film avevano come tema questo argomento); Io Capitano, infatti, sembra essere il prequel di un altro suo film, Terra di mezzo del 1996. Così come è stato per quest’ultimo film, anche qui l’occhio attento e critico di Garrone non è mancato.

 

In Io Capitano il regista ha voluto sottolineare, tra le tante realtà, quella degli scafisti; come si vede, sarà proprio Seydou a guidare il peschereccio verso la meta ambita, e questo per un motivo ben preciso: il ragazzo è minorenne, quindi nel caso in cui dovesse essere fermato dalle autorità e riconosciuto come scafista non verrebbe incarcerato, cosa differente se alla guida ci fosse stato l’uomo che gli garantisce il viaggio di sola andata.

 

Garrone ha così commentato il suo film, definendolo come “la più grossa sfida che io abbia mai affrontato e un’esperienza che porterò con me tutta la vita”.

11 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023