domenica 3 marzo 2024
“Memory”. Quando il limite della memoria permette di ricordare
di Matilde Laura Gizzi
Il regista Michel Franco con Memory sceglie di trattare la fragilità con estrema delicatezza e rispetto
10 settembre 2023

Sylvia (interpretata da Jessica Chastain) ha una vita semplice e organizzata, divisa tra la cura della figlia, l’assistenza ai malati, e le sedute nell’Associazione degli Alcolisti Anonimi. La protagonista, inoltre, convive con un trauma passato, un abuso sessuale, di cui solo alla fine si scopre il colpevole che non vuole ricordare. La sua vita, fin da bambina, è stata piena di bugie che la madre ha utilizzato per plagiarla. L’equilibrio della donna viene spezzato quando Saul (Peter Sarsgaard) la segue verso casa dopo una riunione tra ex compagni di scuola: l’incontro inaspettato sconvolgerà entrambi, perché apriranno la porta al passato e alle difficoltà del presente.

 

Nel film il filo conduttore è il titolo stesso, la memoria, che il regista Michel Franco descrive in modi differenti. La scelta di parlare di un argomento così delicato in tutte le sue sfaccettature deriva da una paura recondita, la perdita della memoria, che è proprio quello che succede a Saul, che vorrebbe recuperarla, ma la sua demenza senile glielo impedisce L'altra tematica principale è invece l’opposto, ovvero la memoria persistente nel nostro inconscio, che non ci fa dimenticare nulla, anzi sfrutta tutte le occasioni per farlo rivivere nel presente facendo rivivere il trauma, ed è ciò che vive la protagonista.

 

Volevo girare un film sulle persone che, per un qualsiasi motivo, si perdono nelle maglie della società. La loro incapacità, o riluttanza, a conformarsi alle aspettative è spesso radicata in fatti che esistono soltanto nei loro ricordi. A volte però è la marginalizzazione stessa a offrire una via di fuga dalle ombre del passato, una possibilità di costruire una vita nel presente. Memory si chiede se sia davvero possibile fuggire da tali ombre”, sono le parole del regista.

 

Il regista messicano, già altre volte presente alla Mostra del cinema di Venezia,  sviluppa la storia dei personaggi in modo semplice ma ricco di rispetto e delicatezza, toccando temi estremamente forti e riuscendo a collegarli fra loro senza disturbare lo spettatore, persino quando la verità verrà fuori e la memoria sarà aiutata da tutti a riemergere nel suo aspetto più doloroso.

10 settembre 2023
AREA-
«Un bambino che non ha conosciuto Sirio sarà più povero»
di Paolo Rosi
Il libro "Ognuno ride come vuole" di Valentina Perniciaro è un affondo emozionante nella vita di suo figlio Sirio, un bambino tetraplegico di 10 anni, e della sua famiglia che sfida gli stereotipi, ispirando un mondo più accogliente e solidale
28 nov 2023
Venezia80: vivere il festival  
di Flaminia Marchese
Il racconto dell’esperienza degli studenti che quest’anno sono potuti essere presenti alla 80esima edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia
23 set 2023
Venezia80 si conferma ancora una volta per la qualità
di Matilde Gizzi e Stefano Sica
Il premio più ambito a “Poor Things” di Yorgos Lanthimos. “Io Capitano” unico film italiano tra le opere in concorso a essere premiato per la miglior regia e per il miglior attore emergente
12 set 2023
“Kobieta Z”: quando il corpo fa a pugni con il proprio io
di Stefano Sica
Dopo il “Confine verde”, un altro film polacco a Venezia: “Kobieta Z” racconta i primi cinquant’anni di vita di una donna trans, che si intreccia con la trasformazione sociale della Polonia, dagli anni '80 fino ai giorni nostri
12 set 2023
“Holly”, la ragazza angelo
di Flaminia Marchese
Fien Troch racconta la storia di un'innocua adolescente dotata di poteri soprannaturali, che vive all'interno di una società mitomane che crede ad ogni cosa per andare avanti
11 set 2023