giovedì 15 aprile 2021
Durban. Corsa ad ostacoli per salvare il clima
di Gabriele Beltrami
Rush finale per rivedere il protocollo di Kyoto ma non basterà se i grandi non cedono, parola di P. MIke Deeb, inviato della Conferenza Episcopale del Sud Africa.
11 dicembre 2011
Padre Mike Deeb, presidente della Commissione Giustizia e Pace della Conferenza episcopale del Sudafrica, non ha dubbi: «La difesa dell’ambiente è stata messa in secondo piano dalla competizione politica ed economica tra Stati Uniti e Cina».
Il vertice di Durban sui cambiamenti climatici ha appena chiuso i battenti: la proposta europea è stata a lungo una delle poche viste sui tavoli dei negoziati, e parlava di un’intesa “volontaria” da firmare entro il 2015 e applicare dal 2020.
Si è lavorato affinché i negoziati proseguissero oltre il limite prefissato, per un accordo dell’ultimo momento, quasi come contentino per i tanti occhi puntati sulla città sudafricana.


Così è stato: un nuovo documento sul protocollo di Kyoto, denominato Kyoto2,
è stato, infatti, sottoscritto in extremis e ,soprattutto, dovrà giocare il ruolo di ponte per un accordo globale.  Nel "pacchetto Durban", approvato dalla Conferenza, appare il via libera all'operatività del "Fondo Verde" pensato per aiutare i paesi in via di sviluppo a sostenere le azioni contro il riscaldamento globale.
Le parole di Padre Deeb, però, ricordano una amara verità: «Le preoccupazioni dei paesi poveri sono lasciate da parte, magari con la scusa della crisi dell’euro e i rischi per l’economia».
La società civile al contrario ha dato segni concreti di speranza mostrando attenzione per i temi ambientali in queste due settimane. «È una prova importante – afferma padre Deeb – per la prossima battaglia contro i progetti nucleari del governo sudafricano».

Se si affacciava all'orizzonte, nelle ultime ore, l'ipotesi peggiore, ossia che tutto lo sforzo e la pressione morale di tante vittime del peggioramento del clima, non avrebbero portato che ad un rinvio totale dell'assemblea al summit Onu del prossimo anno a Rio de Janeiro (Rio+20) sullo sviluppo sostenibile, così non è stato.

Rimangone pessimiste le voci di ambientalisti ed altri rappresentanti di piccole isole per i quali il testo non è abbastanza forte. Difficile, a detta loro, mantenere sotto i due gradi l'aumento della temperatura globale come indicato dagli scienziati, come termine per non arrivare a effetti catastrofici di non ritorno.
11 dicembre 2011
AREA-
Heidelberg, la città che non vuole inquinare
di Paolo Rosi
Il trasporto pubblico efficiente, una fitta rete di ciclabili, autobus a idrogeno, auto elettriche: le scelte di una città tedesca futuristica, emblema di una direzione politica intrapresa dall’UE
9 apr 2021
Gli orti urbani: una scommessa per la salute e l’economia
di Jesus Padilla Iniguez
La pandemia ha accelerato la crescita degli orti urbani come forma di sfogo contro ansia e stress. Oggi il 45% degli italiani dedica parte del tempo libero in questa attività
6 apr 2021
Tassare le emissioni: confronto serrato tra Usa e Ue
di Gianluigi Marsibilio
Le strategie per coordinarsi sulla lotta al cambiamento climatico sono un dossier prioritario sul tavolo delle nazioni. Ripensare un nuovo meccanismo di tassazione sarà dunque una sfida importante e utile a misurare le relazioni tra USA, Unione Europea e non solo.
1 apr 2021
Giornata dell’Agricoltura: per una gestione sostenibile della terra
di Jesus Padilla Iniguez
Negli Stati Uniti ogni 23 marzo, all’inizio della primavera, viene celebrata la Giornata Nazionale dell’Agricoltura. Una rivalorizzazione del settore primario in tempo di pandemia
30 mar 2021
Serve una nuova
di Gianluigi Marsibilio
I finanziamenti sono una parte fondamentale nelle strategie per la lotta al cambiamento climatico. Ne parliamo con Danielle Falzon della Brown University
24 mar 2021