giovedì 24 giugno 2021
Sos api
di Lucia Aversano
Le api stanno morendo e l'allarme degli ambientalisti ha messo in moto le istituzioni della Ue che ha bandito, per il momento, alcuni pestici killer...
30 agosto 2013
Che le api, in questi ultimi decenni, stiano lentamente scomparendo è cosa nota. Ogni tanto qualche scienziato apocalittico lancia un grido d’allarme accompagnato dalla famosa frase: quando le api saranno tutte scomparse anche l’uomo avrà poco da vivere. Se l’eguaglianza api scomparse/umanità finita può sembrare un’esagerazione, e studi recenti lo hanno confermato, è altrettanto vero che la scomparsa delle api e di tutti gli altri insetti impollinatori comporterebbe la scomparsa di numerosissime piante e tra queste anche quelle da frutto.

Mele, fragole, mandorle e pomodori, tanto per citare i più comuni e in generale circa un terzo del cibo che mangiamo dipendono dal servizio di impollinazione offerto da api e altri insetti impollinatori. Inoltre senza il lavoro delle api la resa delle colture potrebbe calare del 90% nell’arco di qualche decennio. E se è vero che l’umanità potrebbe continuare a sopravvivere alla scomparsa delle api, è evidente che messa in questi termini sarebbe una sopravvivenza tutt’altro che felice.

La sindrome dello spopolamento degli alveari inizia già a metà degli anni 90 ma è il 2006 l’anno in cui apicoltori nordamericani prima e europei dopo, segnalano una diminuzione delle api di proporzioni fino ad allora mai conosciute. Un fattore principale non è stato ancora identificato ma esistono una serie di cause che hanno contribuito allo spopolamento degli alveari tra queste: urbanizzazione eccessiva, onde elettromagnetiche delle telecomunicazioni, colture transgeniche e utilizzo dei pesticidi chimici. Questi ultimi poi sono imputati dalle associazioni ambientaliste, di essere la causa principale nonché quella che va oltremodo combattuta. Per questo Greenpeace sta portando avanti la campagna “salviamo le api” attraverso la creazione di un sito web apposito salviamoleapi.org e la presentazione di “Un mondo in pericolo” (More than honey) un documentario realizzato dal regista Markus Imhoof e distribuito da officine UBU.

La buona notizia è che ad aprile la commissione europea si è espressa e ha varato un decreto con il quale si mette al bando da dicembre, e per due anni, l’utilizzo dei pesticidi quali imidacloprid, thiametoxam e clothianidin ed è del 16 luglio l’altra buona notizia che anche fipronil entra a far parte della lista degli insetticidi killer banditi per i prossimi anni. Secondo Greenpeace questo è solo un piccolo passo ma per arrestare la moria delle api è necessario bandite questa famiglia di pesticidi per sempre, una battaglia che l’associazione ambientalista sta portando avanti a colpi di petizioni on line e attraverso la sensibilizzazione dell’opinione pubblica su questo fenomeno, conosciuto sì ma ancora sottovalutato.
30 agosto 2013
AREA-
Zero emissioni di CO₂: obiettivo raggiungibile
di Paolo Rosi
L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha elaborato un percorso strategico per ridurre le emissioni a zero e limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, non oltre il 2050
12 giu 2021
Se le api sparissero dalla faccia della terra...
di Sara Michielin
Api: una specie fondamentale per l’ecosistema, ma a rischio. Ecco perché urge sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della salvaguardia di questi insetti
8 giu 2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è davvero green?
di Paolo Rosi
Legambiente propone delle modifiche. Greenpeace e Fridays for Future protestano. Il Wwf chiede una revisione. Il bilancio del lato “ecosostenibile” del Pnrr
25 mag 2021
#RespiroNeiParchi: la Giornata europea dei Parchi 2021 all'insegna della biodiversità
di Andrea Santoni
A 112 anni dalla nascita del primo parco nazionale d'Europa, si celebra quest'anno un'edizione particolare della Giornata europea nei Parchi. Focus centrale sulla biodiversità e le pratiche funzionali allo sviluppo sostenibile
24 mag 2021
Fronteggiare la malnutrizione con l’Intelligenza artificiale: una soluzione in Africa
di Jesus Padilla Iniguez
L’ Artificial Intelligence (Ai) offre la possibilità di combattere i problemi di nutrizione e di fame nei Paesi africani.
23 mag 2021